A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire AL #297 - Grecia: Exarcheia, il quartiere che spaventa il borghese (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 11 Sep 2019 08:39:22 +0300


Il governo di destra che successe a Syriza decise di porre fine a questo famoso quartiere di Atene, la Mecca dell'anarchismo e simbolo della resistenza popolare. ---- Nel 2015, il partito Syriza, che si presenta come un'alternativa di sinistra alla politica di austerità imposta dalla Troika [1], ha fatto la campagna con lo slogan " Hope Comes " . Se questa speranza ebbe successo nel portare al potere Alexis Tsipras, fu presto inondato. In pochi mesi, la coalizione della sinistra radicale e parte del movimento sociale si sono trasformate in metamorfosi per applicare al meglio le direttive europee o addirittura anticiparle. La politica economica di Syriza non si è distinta da quella dei suoi predecessori Pasok (PS greco) o New Democracy (ND, a destra).

Non sorprende quindi che a luglio, durante le elezioni legislative, Syriza sia stata rovesciata dalla Nuova Democrazia, guidata da Kiriakos Mitsotakis. Quest'ultimo è stato eletto sulla base di un programma molto giusto, soprattutto su questioni di " sicurezza ".

Una delle sue promesse della campagna di punta era il massiccio aumento del reclutamento della polizia, con 1.500 posizioni aggiuntive. La retorica sulla sicurezza funziona tanto meglio in Grecia, poiché negli ultimi anni il paese è stato la principale porta di accesso all'area Schengen per le persone che non hanno la possibilità di ottenere un visto. Dal 2015 in particolare, il paese sta affrontando una grave crisi di accoglienza. Ad esempio, oltre 630.000 persone hanno attraversato la sola isola di Lesbo. Di fronte a questa situazione, altri paesi europei hanno rifiutato di accogliere più persone o hanno cercato di chiudere i loro confini e criminalizzare l'ingresso irregolare nel loro territorio.

In Grecia, un enorme slancio di solidarietà popolare ha accompagnato l'azione delle ONG per consentire un'accoglienza dignitosa possibile. Ma la maggioranza giusta e schiacciante dei media mainstream ha giocato per anni un gioco pericoloso equiparando il crimine, incluso il traffico di droga, a migranti e rifugiati. Fatto sintomatico: il Ministero della politica migratoria è stato assorbito dall'equivalente del Ministero degli interni greco, delegando simbolicamente l'accoglienza dei migranti alla polizia. I controlli alle frontiere e alle grandi città sono stati rafforzati e lo stato cerca di accelerare il ritorno dei migranti in Turchia, indipendentemente dal rispetto dei diritti umani. Il diritto ha anche annullato un decreto che consentiva l'accesso alla sicurezza sociale per i migranti.

L'autoritarismo come soluzione al clientelismo ?
La Nuova Democrazia ha dominato la vita politica greca per decenni, alternandosi a Pasok. Prima che Syriza salisse al potere nel 2015, queste due istituzioni del partito erano ampiamente servite dall'apparato statale per collocare i rispettivi luogotenenti in posizioni strategiche (e altamente retribuite) e per premiare i loro fedeli sostenitori, in particolare in all'interno dei datori di lavoro. Il gioco è gridare scandalo quando si è in opposizione e riprodurre lo stesso schema una volta al potere. Appena un mese dopo l'entrata in carica, ND ha licenziato Vassiliki Thanou, ex consigliere di Alexis Tsipras, come presidente della Commissione della concorrenza. Ma il meglio deve ancora venire: la Nuova Democrazia vuole " depoliticizzare il servizio civile senior "(sic) vietando l'accesso a un'autorità amministrativa indipendente a chiunque abbia ricoperto una posizione in un gabinetto o in un ufficio politico. Resta da vedere se ciò si applicherà anche ai suoi stessi sostenitori.

Allo stesso tempo, Mitsotakis sta promuovendo una riforma istituzionale volta a rafforzare il potere del Primo Ministro (a scapito di altri ministri e Parlamento).

Anche nell'istruzione troviamo questo stesso desiderio di controllo con una riforma che propone di valutare gli insegnanti durante la loro carriera. Le università, in particolare, sono contro-potenze troppo imbarazzanti per questo nuovo governo. L'apertura dell'istruzione superiore alla concorrenza e al settore privato è la stessa logica: spogliare e controllare il settore pubblico dell'istruzione per aprire nuovi mercati succosi per i capitalisti.

Paese in vendita
Mitsotakis emerse dal malcontento popolare generato da dieci anni di drastica austerità. Syriza si vantava di aver ripristinato l'equilibrio finanziario del paese e di essere addirittura in surplus, ma a quale costo ? Le tasse sono aumentate, mentre i salari stagnano o diminuiscono. Il diritto doveva solo raccogliere il frutto. Offre il lusso a luglio di ridurre l'imposta sulla proprietà all'unanimità sulla scacchiera politica. Questa tassa, molto impopolare in un paese che possiede quasi i tre quarti della popolazione, era diventata il simbolo della crisi.

D'altra parte, il programma liberale che Mitsotakis sta preparando è chiaro ed è destinato a durare: una riduzione delle tasse sulle società, una moltiplicazione dei partenariati pubblico-privato (in particolare per il rinnovo del porto del Pireo), una legge che consente ai datori di lavoro di licenziare senza fornire spiegazioni. decisione e senza preavviso al dipendente ... Anche le imposte sui dividendi dovrebbero essere dimezzate. E probabilmente non è la Troika che vedrà qualcosa di sbagliato in questa politica, anche se continua a guardare.

Infine, per completare il quadro, il primo decreto del nuovo governo era, in due righe, per rimuovere la brigata antifrode della tassa greca (SDOE). Creata ventiquattro anni fa per combattere l'evasione fiscale (circa 30 miliardi di euro all'anno fino a poco tempo fa), questa brigata è ormai un ricordo del passato. Come prima decisione politica, è difficile chiarire meglio le sue ambizioni.

Il file anarchico spinoso
La Grecia è uno dei paesi al mondo in cui il movimento anarchico è il più forte. In effetti, le lotte studentesche degli anni 2000 e in particolare l'insurrezione del dicembre 2008, dopo l'assassinio di Alexis Grigoropoulos (15 anni) da parte di un poliziotto, hanno contribuito enormemente allo sviluppo dell'anarchismo in questo paese.

Dal 2015 un gruppo si è manifestato in particolare sotto il nome di Rouvikonas (" Rubicon ") moltiplicando le azioni di solidarietà e assistenza reciproca, la partecipazione a manifestazioni di strada o azioni dirette contro le istituzioni statali, rappresentanze straniere (il consolato francese è stato più volte preso di mira) o rappresentanti del capitalismo in Grecia. Basato su Automedia, il gruppo pratica una forma di azione diretta che è radicale e accessibile. Il discorso è volutamente semplice, gli obiettivi sono spesso consensuali (quartier generale dei datori di lavoro, Ministero della Difesa, Banca nazionale) e le azioni sono rivendicate all'aperto.

New Democracy intende risolvere il problema trasformando la legge in modo tale che tali azioni del gruppo rientrino nella legislazione antiterrorista e che tutti i membri possano essere ritenuti responsabili di tutte le azioni intraprese per conto del gruppo, comprese quelle loro e loro non sono presenti. I più esposti di essi e al momento incorrono in condanne per diversi anni di prigione per fatti che normalmente ricadono, dal punto di vista legale, del semplice vandalismo.

La battaglia di Exarcheia
Rouvikonas fa parte della miriade di collettivi anarchici che vivono nel distretto di Exarcheia ad Atene. Lo stato greco stima che quest'ultimo abbia 23 occupazioni, tra cui 11 posti di collettori anarchici e anti-autoritari. Gli altri 12 ospitano migranti e rifugiati, che sarebbero senza casa senza l'azione degli attivisti. Per non parlare dei luoghi legali (case editrici, cooperative gestite da attivisti ...) che esistono anche nella zona circostante e il parco autogestito di Navarinou, eretto per dieci anni al posto di un progetto parcheggio.

Ma per la destra, il distretto di Exarcheia, è soprattutto la droga e la violenza, protetta dall'università " asilo ". Dall'insurrezione studentesca del 1973, le università sono un santuario quasi vietato alla polizia. La Nuova Democrazia intende abolire questa legge per poter recuperare i manifestanti che si rifugiano lì e prepararsi durante gli scontri con la polizia. A Exarcheia, la famosa Facoltà del Politecnico è esplicitamente elencata nella lista dei posti da mettere in campo per il nuovo governo. Ad agosto, la polizia ha effettuato non meno di quattro incursioni nel quartiere, citando operazioni di droga.

Dietro questo obiettivo, l'obiettivo è quello di " ripulire " questa zona centrale per prepararla alla gentrificazione e al mercato degli affitti turistici su cui guardano tutti gli sviluppatori immobiliari. Come afferma Katerina Papakosta, deputata dell'NDP che nel 2018 è diventata viceministro della polizia nel governo di Tsipras, la sfida è " rendere Exarcheia la Montmartre " greca. Svuoti i luoghi " pacifici " dei ribelli, quindi cancella i graffiti che decorano le pareti, " inverti " il quartiere, rinnova gli edifici e rimuove l'impronta libertaria che ha modellato l'area per decenni trattenendo la polizia, l Stato e le mafie nel rispetto.

Il governo sta esercitando pressioni su tutti i settori della società, in particolare quelli che resistono di più. Ma il movimento sociale greco non è morto e i compagni stanno preparando le armi in attesa di future battaglie. Mentre andiamo in stampa, un violento attacco di polizia ha preso di mira quattro squat di Exarcheia, due dei quali hanno ospitato 143 esiliati, portati in un centro per controllare la loro situazione. Altre tre persone furono arrestate. La solidarietà internazionale avrà un ruolo importante da svolgere nel sostenere la resistenza in Exarcheia.

Gio (UCL Le Mans), 26 agosto 2019

e-maildiasporafacebookstampanteTumblrcinguettio
[1] In cambio di un prestito di rifinanziamento statale dopo la " crisi del debito " del 2009, la Commissione europea, la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale hanno preso il controllo della politica economica e sociale del paese. paese, imponendo l'austerità a dispetto delle pretese democratiche.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Grece-Exarcheia-le-quartier-qui-fait-peur-au-bourgeois
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center