A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL - internazionale, L'alternativa libertaria si mobilita per la difesa di Afrîn di Redac (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 2 Feb 2018 08:26:31 +0200


[Video]In strada sabato 27 gennaio, durante il coordinamento federale di AL, durante un tour in primavera, armi in mano nella borgata assediata ... ---- Nel movimento libertario, la difesa di Afrin è nella mente di tutti. Sabato 27 gennaio, in diverse città della Francia, migliaia di persone hanno marciato in solidarietà con i difensori e i difensori del cantone curdo, bombardati e attaccati per una settimana dall'esercito turco e dai suoi ausiliari islamici siriani dell'esercito siriano gratis. L'alternativa libertaria era lì ! ---- Alla manifestazione a Parigi, il messaggio lanciato da G (vedi sotto) contrastato dal suo tono rivoluzionario e antimperialista, con discorsi pur mantenendo " democratico " PCF, Verdi o la Francia ribelle ... il cui L'oratore non era altro che il pro-Putin Djordje Kuzmanovic , un vero peccato quando sappiamo che Putin ha dato il via libera all'assalto di Afrin.

Parallelamente stava il coordinamento federale del libertario alternativo. Il nostro compagno Arthur Aberlin era lì, di ritorno dal Kurdistan siriano. Una serie di dibattiti si svolgerà con lui nella primavera del 2018. Portava anche un messaggio di Damien Keller , che è anche coinvolto nel Battaglione di liberazione internazionale e attualmente sul fronte Afrin.

All'evento di Parigi del 27 gennaio 2018. Foto da Worldaroundme.fr
Un messaggio di Damien Keller, del Kurdistan siriano
Cari compagni,

La distanza e la mancanza di efficienti mezzi di comunicazione non mi hanno impedito di sapere che vi state incontrando per questo fine settimana per un coordinamento federale.

Spero che riunirà un gran numero di delegati della nostra organizzazione, che i dibattiti saranno produttivi e i testi costruttivi.

La rivoluzione in Rojava ha confermato una cosa di noi: senza un'organizzazione anarchica, è impossibile sperare per un momento di intervenire efficacemente in un processo rivoluzionario, sia per l'intervento politico all'interno della società o per autodifesa. I nostri nemici sono organizzati, molti, la situazione attuale non può che confermare la necessità di costruire la nostra organizzazione.

Questa rivoluzione è piena di speranza, anche se le disillusioni sono numerose, tornerò durante diversi post sul mio blog.

Come probabilmente saprete, la situazione è critica oggi: l'enclave di Afrin viene tenuta sotto controllo dall'esercito turco e dai suoi alleati islamici che pretendono di essere l'esercito libero siriano. Questo esercito è materialmente superiore a noi, ma le nostre difese sono state preparate da molto tempo.

Quando leggerete questo, io sarò al fronte, siamo diverse decine di volontari internazionali per unire i nostri compagni YPG-YPJ che ha fortemente impediscono, fino ad ora, l'8 ° esercito del mondo.

La battaglia per la salvaguardia della township Afrin nella Federazione democratica della Siria settentrionale è importante quanto la battaglia di Kobanê. Siamo in un momento chiave nel futuro della regione.

Se Afrin cade, incoraggerà la Turchia ad attaccare il resto del Rojava.

Se vinceremo, sarà una grande vittoria militare, ma anche politica, poiché il partito di Erdogan, l'AKP, ha stretto un'alleanza con il partito fascista del MHP per le elezioni presidenziali del 2019. Una vittoria potrebbe incoraggiare una rivoluzione. in Turchia.

La battaglia di Kobanê è stata la nostra Jarama , quella di Afrin sarà la nostra Guadalajara .

Ma questa volta, sarà la nostra squadra a vincere.

Damien Keller, 27 gennaio 2018

In difesa di Afrin, Parigi, 27 gennaio 2018 da Alternative libertaire su Vimeo .

Discorso di Libertarian Alternative

alla manifestazione di Parigi per Afrin

Dal 2011, lo stato turco ha messo in atto una politica criminale di ingerenza negli affari dei popoli della Siria. Sosteneva Daesh e altri gruppi jihadisti in modo che questi banditi potessero difendere i suoi interessi nella regione. Questa politica fu un fallimento totale e servì solo ad aumentare il caos e la violenza ingiusta in tutto il Medio Oriente.

Allo stesso tempo, lo stato turco ha ripetutamente scatenato la sua furia sanguinaria contro il popolo kurdo. Lo stato turco, che è lo stato di capitalisti e fascisti, vive nella paura, terrorizzato dal potere delle masse e dalla rivoluzione che stanno conducendo in Kurdistan. Questo è il motivo per cui cerca con tutti i mezzi possibili di soffocare questo grande movimento popolare e di affogare nel sangue la sua aspirazione alla libertà.

Dopo il barbarico assedio di Kobanê e gli abominevoli massacri di Cizre, è ora Afrin che il macellaio turco ha deciso di colpire. Afrin era una zona senza conflitti, un'oasi di pace in cui molti rifugiati erano stati in grado di trovare asilo. Anche qui, come in tutto il Rojava, le masse hanno iniziato a organizzarsi, attuando un progetto chiaramente progressista, democratico e femminista.

Noi di Libertarian Alternative condanniamo fermamente l'attacco turco e islamista al Rojava e chiediamo solidarietà internazionale al popolo curdo !

Non sorprende che gli stati imperialisti e dei loro leader, insieme ai loro lacchè regionali sostengono l'aggressione turca o accompagnare un silenzio colpevole. Vedono i curdi come semplici pedine nei loro giochi di potere e sono tutti complici del macello che sta arrivando. Macron ipocrita si inchina a Erdogan, mentre i russi ritirare le loro truppe da Afrin e spianare la strada per l'esercito turco. Nel frattempo, gli americani, i codardi che erano così felici di vedere i curdi versato il loro sangue per la lotta contro Daech, basta chiedere i turchi di agire abbastanza in fretta da non minacciare gli interessi degli Stati Uniti nella regione.

Possa questo servire da lezione per tutti noi. La vera forza di una rivoluzione non sono gli aerei americani, le forze speciali francesi o gli istruttori militari russi. No, la vera forza di una rivoluzione è nelle masse, nei milioni e milioni di uomini e donne che, in Kurdistan, Siria e altrove, si ergono a prendere il loro destino e costruire un futuro di pace e libertà. Sono il muro indistruttibile contro cui cadranno i cani della Turchia. La sconfitta di Erdogan sarà quella di Macron, Trump, Putin e di tutti gli altri leader imperialisti del mondo.

Kobanê ha conquistato, Afrin vincerà !
Lunga vita alla solidarietà internazionale dei popoli !
Abbasso l'imperialismo e i tiranni !

Album fotografico isssu di Worldaroundme.fr

http://www.alternativelibertaire.org/?Alternative-libertaire-se-mobilise-pour-la-defense-d-Afrin
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center