A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Lettera di opinione novembre - PAROLA OPINIONE VENEZUELA da Federazione anarchica uruguaiana - fAu (ca) [traduzione automatica]

Date Mon, 25 Dec 2017 16:42:25 +0200


Nel 1989 una delle più grandi rivolte sociali conosciute come "El Caracazo" fu vissuta in Venezuela. Questa rivolta popolare fu motivata dalle misure adottate dal governo di Carlos Andrés Pérez, che consegnò l'economia venezuelana al Fondo monetario internazionale e attuò una politica di shock neoliberista. La crisi economica che il paese stava già vivendo si approfondì. L'equilibrio di questa immensa mobilitazione popolare era di tremila morti. ---- L'apparizione sulla scena politica di Hugo Chávez, un soldato nazionalista, prima attraverso un fallito colpo di stato, poi dirigendo un'importante campagna elettorale e vincendo le elezioni, ha suscitato e canalizzato tutto l'entusiasmo popolare che era stato momentaneamente messo a tacere dai proiettili. Il sistema politico venezuelano, ultra corrotto, non ha offerto uscite attraverso Acción Democrática e COPEI (i due partiti tradizionali del paese). Non potevano fare alcuna proposta che fosse considerata valida. Le chiazze che il sistema capitalista aveva bisogno in Venezuela, infine, attraverso un processo complesso, avrebbero messo Chavez.

Questa popolare adesione significa anche che vari gruppi di sinistra e persino ex guerriglieri circondarono l'attuale presidente Chávez. Suo fratello, che era stato dal Partito Comunista, è con lui. Inoltre, è stato suo fratello a influenzarlo decisamente per unirsi all'esercito per svolgere un lavoro politico nell'istituzione.

E arrivò il 2002 e il fallito golpe di AD e COPEI insieme a Fedecámaras, l'entità che riunisce tutti i capi del paese. C'era anche il sabotaggio del petrolio. Milioni di persone scendono dalle colline per difendere Chavez e ciò che hanno raggiunto e che è stato negato per secoli. Più sperano di essere nel nuovo governo con Hugo Chavez in testa.

Perché tanto supporto popolare? Il governo di Chávez supponeva che i più poveri avessero cibo assicurato e alcuni benefici e pressanti diritti sociali e molto sensi. Dopo il fallimento del colpo di stato, il governo Chavez ha approfondito diversi piani, le cosiddette "missioni"; in primo luogo, "Barrio Adentro" e "Mercal", raggiungendo 28 missioni nel 2010, riuscendo a eliminare l'analfabetismo, prestare attenzione alla salute e ai bisogni primari dell'intera popolazione. Le persone sono dette "Poder Popular" e i quartieri sono organizzati da quartieri popolari, incluse le loro stesse milizie. Fioriscono cooperative di produzione e di consumo, comuni e una organizzazione regionale piuttosto ampia dal basso.

Tutto ciò con una grande autonomia a livello sociale, dal momento che lo Stato, nel governo, aveva ancora un certo controllo sulla vecchia burocrazia che aveva sostenuto il colpo di stato. Naturalmente, il governo di Chavez era andato lo slogan di "potere del popolo", ma dall'alto, orchestrata da lì, cercando di costruire nuove istituzioni dello stato capitalista, ma erano funzionali al suo progetto e la sua concezione dello Stato.

È vero che un ruolo importante è stato generato a livello di base, che è impossibile ignorare e che al momento e in una certa misura ha strutturato una società parallela, organizzazioni reali di vera potenza popolare, inizialmente con poca o nessuna intermediazione statale. Molti attivisti radicali hanno aderito a questa attività del Potere Popolare e nel cuore stesso della gente hanno sollevato il bisogno di indipendenza di questo corpo e lottano per i propri obiettivi.

Ma naturalmente, lo Stato genera solo burocrazia e nuovi borghesi. Nel giro di pochi anni, ex militanti e alcuni carrieristi, stavano prendendo il controllo di diverse aree dello Stato e si stavano assimilando e arricchendo. Questo è il fenomeno dei "bolirricos". Lo stesso si può dire della casta militare, dell'alto comando dell'esercito che ha conquistato benefici come mai prima d'ora. Questo processo è stato accompagnato da un certo livello di corruzione.

Tutto questo avviene in mezzi di nazionalizzazioni, il più importante di questi è stato quello di PDVSA, per cui lo Stato venezuelano prende il controllo del petrolio, il Venezuela è uno dei principali esportatori di petrolio, approfittando dei prezzi elevati degli ultimi dieci anni . È un processo inframmezzato. Non esiste un esperimento sociale allo stato puro. Ci vivono comuni popolari con l'esercito, chavisti Comuni con un certo grado di indipendenza, i settori della classe operaia classiste con vari gradi di supporto per i milionari Chavez che si sono arricchiti a spese delle persone e la corruzione. Non c'è carenza di borghesi tradizionali che hanno fatto l'occhiolino a Chavismo per adattarsi alla nuova situazione e approfittarne. La maggioranza è disposta a voltarsi dall'altra parte quando i loro meschini interessi glielo dicono.

Ma ciò che non può essere negato, è che non importa quanto sia misto il processo venezuelano, una parte importante della gente, quelli dal basso, partecipano alla costruzione di qualcosa che si oppone al capitalismo e alla penetrazione imperialista USA, costruisce nuove relazioni sociali, autogestione parte della produzione, dei servizi e della vita sociale di per sé.

Sullo sfondo è contro che l'auto-gestione e il progresso del Potere Popolare vera, dal basso, contro i guadagni fatti contro la sensazione generale anti-capitalista e anti-imperialista, che sono saliti su per le classi dirigenti del Venezuela e imperialismo degli Stati Uniti, dove il governo Trump a come Obama stanno giocando a livello di pressioni internazionali e il blocco certo vantaggio económico.Han di una situazione in cui il governo di Chavez ha qualche importante e popolare scontento sopra la sua incapacità e la complicità di risolvere i problemi chiave come cibo, medicine e l'aumento brutale del costo della vita. La destra politica, la borghesia ei meccanismi imperiali in azione hanno reso più profonda la crisi il più possibile e persino creato e ricreato questa situazione. Ciò si verifica in un momento in cui il governo venezuelano,

Comuni venezuelani
Nel 2013 c'erano 1.150 comuni e 31.670 Consigli comunali registrati. Attraverso i Consigli Comunali, la popolazione risolve direttamente i loro affari e interviene nelle opere di infrastrutture sociali usando le risorse che lo Stato dà a detti Consigli. Sono il germe e la base del potere popolare.
Questi consigli comunali lavorano sulla base delle assemblee di quartiere, dove vengono sollevate le richieste ma anche organizzate per svolgere diversi compiti e sviluppare il lavoro sociale e infrastrutturale nei quartieri. Questi comuni furono creati a partire dal 2009 e furono concepiti da Chavez prima della sua morte come corpo dirigente della rivoluzione, autogestito e autogestito. Nel discorso con la sua indipendenza rispetto allo Stato e ai partiti politici, incluso il Chavista.

Comuni sono venuti a prendere in consegna l'intera gestione, compresa la distribuzione di cibo e assistenza sanitaria di base, gli alloggi, progetti di infrastrutture come ponti e hanno partecipato a molti problemi dei quartieri di popolazione. Sono stati un vero corpo di democrazia e partecipazione diretta. Tuttavia costantemente e lievitazione sono stati frenato dall'alto, dalla cupola del governo di Chavez: ostacolare la sua azione, cercare di fare affidamento su agenzie governative e burocrati, ritardando l'adozione di leggi che forniscono risorse e proteggere e beneficiare delle azioni comunitarie.

Un esempio che traccia il funzionamento di un Comune è il caso di Ataroa, riunisce una cinquantina di molti gruppi sociali consigli comunali del Sud Barquisimeto (quarta città più grande del paese) e altri, e dove, tra le altre piccole imprese, Ha formato una fabbrica di mattoni che fornisce materiale alle opere realizzate in quei quartieri. Il comune ha anche assunto la gestione di un sistema di trasporto urbano con otto autobus; di una televisione, Lara TV. Aggiungere un membro attivo della community che la gente risolve i loro problemi, naturalmente, ma che "l'esperienza non è stata senza conflitti interni ed esterni acchiappare potere problemi, burocrazia e conflitti con altre istituzioni statali."

Abbiamo allora che il potere popolare in Venezuela, inizialmente spinto dal carismatico Hugo Chavez, è stato in costante tensione con lo Stato, il partito al governo, il Boliburgeny, l'esercito e l'intera casta di burocrati che hanno trovato un posto nel Dichiara e morde un po 'di energia e guadagni petroliferi. Dall'alto delle risorse sono state tagliate, gli ostacoli sono stati posti, il più possibile, allo sviluppo dei Comuni e del Potere Popolare, perché la crescita di questa esperienza implica di per sé una forte contraddizione con lo Stato e il potere dominante. Un conflitto che non si risolverà pacificamente, senza traumi, senza rotture, come vorrebbero molti teorici, ma come insegna la storia, conflitti di classi e interessi, quando un processo emerge dal basso potere popolare,

Il diritto, la crisi e il ruolo degli Stati Uniti
Indubbiamente le cose erano andate troppo oltre per il rancido diritto del Venezuela. Dopo il colpo di stato fallito del 2002, a poco a poco la destra ha ricostruito le sue forze ed è tornata dai suoi fueros dopo l'assunzione di Maduro. Scioperi dei datori di lavoro, carenze generate dai capi, tra cui i proprietari di Polar - un gruppo alimentare concentrato - tra gli altri. Nei telai del malcontento popolare, ottiene la maggioranza per l'Assemblea nazionale. Luogo da dove proverai le politiche e le tecniche di destabilizzazione e pressione per trasformare il presidente Maduro. Ciò alla fine mira a rovesciare il regime di Chavez. Le "personalità" di questa Assemblea appartenenti al MUD effettuano tournée internazionali e mantengono i contatti con i leader e le organizzazioni politiche degli Stati Uniti. e l'Europa con una vocazione per il golpe e che sono disposti a giocare la carta del più grande intervento possibile in Venezuela. Quindi le "guarimbas" e la strategia per vincere le strade e destabilizzare il più possibile con metodi diversi.
Il sostegno degli Stati Uniti alla destabilizzazione della destra venezuelana è stato totale. Ci sono varie organizzazioni imperiali che forniscono un sostegno economico alle azioni di natura coupista che il Democratic Unity Table (MUD) svolge. La CIA (Central Intelligence Agency) degli Stati Uniti finanzia queste azioni attraverso varie agenzie come NED (National Endowment for Democracy), una garanzia che devia i fondi dalla CIA a varie ONG e organizzazioni che cercano di generare isolamento e boicottaggio del Venezuela . Evocano "democrazia" e non hanno nulla di "democratico" e con il pretesto di "diritti umani" cercano di destabilizzare la situazione politica e sociale del Venezuela, un compito che queste organizzazioni svolgono sistematicamente in tutta l'America Latina e che si adattano al situazione esistente.

Prendiamo, per esempio Provea, ONG legato al tema dei "Diritti Umani", ma che è finanziato da organizzazioni come Open Society del finanziere miliardario George Soros, la Fondazione Ford, l'ambasciata del Regno Unito, l'Unione Europea, tra cui altre ambasciate e diversi organismi. Sicuramente l'Unione europea è preoccupata per i diritti umani di venezuelani e di altri paesi dell'America Latina, ma non i milioni di immigrati che arrivano sulle sue coste subire una miseria lacerante, il risultato delle guerre che hanno seminato in Africa e in Medio Oriente, dopo saccheggiato per oltre due secoli ha detto territori.

Tutto questo è documentato. Non è un semplice evento. Ci sono dati, rapporti, che assicurano il finanziamento yankee all'opposizione venezuelana, opposizione che vuole solo dare un colpo di stato. Opposizione profondamente anti-città. L'intenzione è di installare il modello neoliberale puro e duro come quello che stanno già portando avanti in Argentina e in Brasile, rimuovendo conquiste popolari e seminando più miseria.

Inoltre, in politica, ciò che è stato praticato in Venezuela per molti anni, non è né più né meno lo stesso piano sviluppato in Cile per rovesciare il governo di Allende nel 1973 e imporre la feroce dittatura di Pinochet o sconfiggere la Rivoluzione. Sandinista in Nicaragua negli anni '80. Ovviamente, un piano che ha richiesto alcuni aggiustamenti in base al contesto storico ma il modello è lo stesso. Attira anche l'attenzione sulla loro somiglianza.

Ovviamente ci sono state risposte dal governo Maduro. Alcuni dei calcoli politici non hanno molto successo o hanno risultati dubbi. Non hanno assunto adeguatamente la tremenda situazione interna in cui alla popolazione mancavano le cose indispensabili e l'enorme speculazione intorno a questa tragica situazione. D'altra parte hanno passato l'argomento della cospirazione imperiale fino quasi a lasciarlo senza l'effetto dovuto. Cosa hanno cercato di sfruttare i dispositivi di penetrazione e l'azione imperiale per diventare innocenti.

Finalmente arrivò l'appello per l'elezione dell'Assemblea nazionale costituente. Qui per la sua composizione è stato chiamato, in modo timido, a diverse organizzazioni sociali per farne parte. Nonostante la limitazione della loro partecipazione, le organizzazioni popolari hanno rinvigorito la loro azione in vista di questa integrazione. Ci sono degli indicatori che questi hanno ritenuto nuovamente nel progetto attuale, che ha dato origine a qualche speranza e ha dato una vita sociale a coloro che erano piuttosto distanti. Anche con alcuni accenti critici, hanno schierato attività a favore di questo corpo costituente. Forse pensando che una volta nel loro grembo potrebbero ottenere alcuni effetti sociali favorevoli e alcune correzioni.

Una strategia politica del maltrattato governo di Maduro che si opponeva ad un altro che aveva vinto la strada e che ha schierato azioni in diversi campi, incluso quello internazionale. Una strategia politica che a volte è stata sommersa da una controversia sul fatto che fosse legalmente legittima. L'aereo sul quale è stata risolta la questione non era legale, era politico e riguardava chi seguiva o prendeva il governo. Né uno né gli altri hanno rivelato l'autenticità legale.

Il sotto parlò
Questa crisi politica ed economica pagata dalla destra di stampo e dagli Stati Uniti ha avuto un'altra risposta. Sembrava che il popolo venezuelano a livello generale non si mobilitasse, che non riuscisse a trovare i modi per fermare questo colpo di stato, ma alle elezioni regionali del 15 ottobre quella maggioranza popolare "parlò" e rifiutò la via verso destra e al colpo di stato, dando la vittoria ai candidati di Chavez in 17 dei 23 stati. La gente ha parlato alle elezioni, non tanto per strada e riprendendo le attività del potere popolare che è in definitiva ciò che conta, ma senza dubbio, questo indica che qualcosa in basso, qualcosa nel tessuto popolare è stato sviluppato, è lì ed è expresso.Ha una soggettività a livello popolare, con elementi confusi e contraddittori è vero, ma ciò indica che "qualcosa" di quel potere popolare vive e cammina. "Qualcosa" di tutta quell'esperienza è lì, fresca, viva e rivendica, anche inciampando, il suo spazio e il suo posto nella storia.
Nell'elettorale il diritto non può dimostrare frode o qualcosa di simile. Erano calci nell'aria, ma la verità è che il popolo venezuelano ha scelto questo modo particolare di farsi sentire e cercare di mantenere i fondamenti di un processo che ha riferimento, anche se oggi appare espresso in modo contraddittorio, intrecciato ea volte falsificato. Quindi, "qualcosa" di quel protagonista popolare, elementi ideologici, produzione, distribuzione di beni, autodifesa delle comunità, è presente e non è mera propaganda. È chiaro che questi elementi devono operare in un quadro complesso e al momento nulla di favorevole.

Ma "qualcosa" di tutto quel processo ha uno status di realtà. C'è un popolo in America Latina che sogna e agisce per costruire "qualcosa" diverso dalla società in cui viviamo. Quel "qualcosa" può progredire in una direzione o nell'altra. Dipende dal sostegno popolare dal basso dei popoli latinoamericani, che questo "qualcosa" si trasforma in un popolo forte sulla strada per un'autentica Potenza Popolare senza alcuna protezione statale. Con un orizzonte di socialismo nei suoi occhi.

I processi storico-sociali non sono perfetti, non sono di laboratorio. Non escono da un manuale. Sono contraddittorie, intrecciate, molto complesse, con la cultura di ogni città e la sua storia. Ma sono il popolo, gli oppressi, coloro che sono stati sfruttati e hanno subito saccheggi, violazioni di tutti i loro diritti, persecuzioni, morte, carcere, torture. Queste esperienze di dolore e speranza possono aprire un varco, fare pause e essere la fonte di nuove strade.

Inoltre, quando arriva il diritto per tutto, quando interviene il potere del mondo imperiale, per sommergere ancora di più ciò che considerano il loro "cortile", non possiamo dubitare su quale parte stare. Non si tratta di difendere questo o quel governo. Per gli anarchici della FAU, il centro della discussione è come le popolazioni latinoamericane avanzano verso la nostra completa emancipazione e libertà, come forgiamo i popoli forti e avanziamo nella costruzione del potere popolare.

IN VENZUELA: NEANCHE YANQUIS, NÉ BUROCRATAS NÉ WORMS
Per l'autodeterminazione delle persone

POTENZA POPOLARE DA SOTTO!!

FEDERAZIONE ANARCHICA URUGUANA
Link correlati: http://federacionanarquistauruguaya.com.uy/

https://www.anarkismo.net/article/30704
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center