A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Torino: Il CIE nel salotto di Torino

Date Sat, 2 Mar 2013 17:28:15 +0100


Il CIE nel salotto di Torino
Sabato 2 marzo
Presidio antirazzista itinerante
per portare il CIE in mezzo alla città.
Appuntamento alle 15 in piazza Castello
"Baldacci ti ricordi di Fatih? Croce Rossa assassina!"
Questo striscione è stato appeso davanti alla villa di Antonio
Baldacci, responsabile del CIE di Torino.
Fatih era un immigrato tunisino senza documenti rinchiuso nel CIE di
Torino. Nella notte del 23 maggio 2008 stava male. Per tutta la notte
i suoi compagni di detenzione chiesero inutilmente aiuto.
La mattina dopo Fatih era morto.
Non venne eseguita nessuna autopsia.
Non sappiamo di cosa sia morto Fatih. Sappiamo però che in una
struttura detentiva gestita dalla Croce Rossa nessuno lo ha assistito.

Due giorni dopo il colonnello e medico Baldacci dichiarerà "gli
immigrati mentono sempre, mentono su ogni cosa".
Parole che ricordano quelle degli aguzzini di ogni dove.

Il 2 giugno 2008 un gruppo di antirazzisti si recò a casa Baldacci per
un "cacerolazo". Si batterono le pentole davanti alla sua casa, si
distribuirono volantini, si appesero striscioni.
La protesta di persone indignate per una morte senza senso.
Oggi quella protesta è entrata nel fascicolo del processo contro 67
antirazzisti, che lottarono e lottano contro le deportazioni, la
schiavitù del lavoro migrante, la militarizzazione delle strade.

I 67 attivisti coinvolti nel processone sono accusati di fare
volantini, manifesti, di lanciare slogan, di dare solidarietà ai
reclusi nei CIE, di contrastare la politica securitaria del governo e
dell'amministrazione comunale.
L’impianto accusatorio della procura si basa su banali iniziative di
contestazione.
L'occupazione simbolica dell'atrio del Museo egizio - 29 giugno 2008 -
per ricordare l'operaio egiziano ucciso dal padrone per avergli
chiesto il pagamento del salario; la contestazione - 17 luglio 2008 -
dell'assessore all'integrazione degli immigrati Curti, dopo lo
sgombero della casa occupata da rom in via Pisa; la giornata - 11
luglio 2008 - contro la proposta di prendere le impronte ai bambini
rom di fronte alla sede leghista di largo Saluzzo; la protesta - 20
marzo 2009 - alla lavanderia "La nuova", che lava i panni al CIE di
corso Brunelleschi… ma l'elenco è molto più lungo. Decine iniziative
messe insieme per costruire un apparato accusatorio capace di portare
in galera un po’ di antirazzisti.

Nel CIE di Torino la scorsa settimana la polizia ha pestato, gasato
gli immigrati in rivolta dopo un fallito tentativo di fuga. Sei sono
stati arrestati. Il giorno dopo un'altra sezione è stata data alle
fiamme. Giovedì un immigrato è riuscito a evitare la deportazione
salendo sul tetto.

Nei CIE le lotte, le fughe, la gente che si taglia per sfuggire
all'espulsione sono pane quotidiano, come quotidiana è la resistenza
di chi crede che, nell'Italia dei CIE, delle deportazioni, dei morti
in mare, ribellarsi sia un'urgenza che ci riguarda tutti.
Per questa ragione non accetteremo che le lotte di quegli anni vengano
rinchiuse in un aula di tribunale: porteremo le nostre ragioni nelle
strade di questa città, porteremo il CIE nel salotto di Torino.

Antirazzisti contro la repressione
Ti ricordi di Fatih?

http://anarresinfo.noblogs.org
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center