A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) NS: 14 dicembre: Roma brucia, lo Stato cerca vendetta

Date Sat, 9 Feb 2013 15:47:01 +0100


4 dicembre: Roma brucia, lo Stato cerca vendetta
Questo comunicato del Nodo Solidale e' stato scritto e diffuso nel
movimento in Messico, ne rigiriamo la traduzione.
Liber* tutt*!
---
http://www.autistici.org/nodosolidale/news_det.php?l=it&id=2227
14 DICEMBRE: ROMA BRUCIA, LO STATO CERCA VENDETTA
La giustizia e' quello che e' in tutto il mondo: uno strumento al
servizio del sistema dominante. Un ennesimo esempio ce lo da la
sentenza del 31 gennaio ai danni del nostro fratello, amico e compagno
Mario Miliucci, condannato a 2 anni e 6 mesi per il reato di
"resistenza a pubblico ufficiale".
Resistere alle violente cariche della polizia italiana, resistere alle
riforme strutturali, alla schiavitu' del lavoro salariato e precario,
alla mancanza di case dignitose, all'impoverimento economico,
culturale e politico del Paese, alle politiche razziste... resistere
ad accettare il modello unico di pensiero, quello del consumo, e di
agire in maniera coerente in piazza e' un reato per il Tribunale di
Roma, Italia.
Ricordate che successe il 14 dicembre 2010? Roma bruciava:
http://www.autistici.org/nodosolidale/news_det.php?l=it&id=2065

Il 14 dicembre avvenne qualcosa di simile alle manifestazioni del 1
dicembre 2012 di Citta' del Messico: un ampio movimento della sinistra
antagonista e studentesca riuni' centomila manifestanti a Roma.
Parteciparono anche i centri sociali, gli spazi occupati e, piu' in
generale, il movimento autonomo e libertario. Correnti politiche molto
differenti furono "obbligate" a sfilare insieme al cospetto di una
crisi economica, ambientale, politica e sociale che continua a
devastare l'Italia. Era il giorno in cui il Parlamento doveva votare
se rinnovare il governo Berlusconi o se questo cadeva: per 3 voti
Berlusconi ottenne nuovamente la maggioranza.

Per le strade la rabbia spontanea crebbe con la rabbia organizzata e
dall'enorme corteo ci furono molteplici azioni con l'obbiettivo di
raggiungere il Parlamento. Diversi tentativi furono respinti dalla
celere a manganellate e lacrimogeni. Alla fine del corteo, a Piazza
del Popolo, avvennero gli scontri piu' violenti: i manifestanti
cercarono di rompere il muro di camionette delle forze dell'ordine, le
quali attaccarono violentemente e la gente si difese. Alcune
camionette furono bruciate pero' altre furono scagliati a tutta
velocita' dalla polizia nel tentativo di investire le migliaia di
persone che riempivano la piazza. Il saldo della lunga giornata di
scontri fu di cento feriti e 40 fermi.

Mario fu arrestato e picchiato da una schiera di celerini che stava
aggredendo tutto cio' che si muoveva. Mario SI' era li', perche' SI'
stava manifestando, resistendo contro le imposizioni della BCE e, piu'
in generale, all'applicazione delle politiche neoliberiste, favorite
da ogni governo di turno. Mario e' un militante libertario, e' ovvio
quindi che per le sue convinzioni etiche e politiche stesse li', al
fianco di quanti venivano attaccati dalla polizia.

La strategia della difesa legale, composta da avvocati che sono parte
del movimento, ha potuto scardinare pezzo per pezzo il montaggio del
PM che chiedeva 5 anni a Mario e quasi 3 per gli altri 4 compagni che
rimanevano imputati dopo due anni di processo. Tutti sono stati
assolti, meno Mario, grottescamete segnalato come "leader
dell'Autonomia", in riferimento allo storico movimento antagonista
italiano. Mario lo condannano perche' vogliono fargli pagare la sua
interezza politica nella lotta e, in un gioco di vecchie vendette, il
fatto di essere degno figlio di Vincenzo Miliucci, uno dei piu' noti
compagni dell'Autonomia Operaia di Roma negli anni '70 e ancora oggi
attivista del sindacalismo di base.

In Italia negli ultimi mesi abbiamo avuto dei chiari esempi riguardo
l'uso strumentale della Giustizia: a Mario hanno dato 2 anni e 6 mesi
per aver partecipato a un corteo; ai/lle compagn* arrestat* a Genova,
nel 2001, nel luglio scorso sono stati condannati fino a 10 anni di
carcere per aver rotto una vetrina; invece hanno dato neanche 4 anni
ai poliziotti che mandarono in coma a forza di botte i manifestanti di
Genova o 3 anni e 6 mesi (ridotti a sei mesi con l'indulto) ai
poliziotti che assassinarono in un controllo il 18enne Federico
Aldrovandi. Non misuriamo la giustizia nei termini di anni distribuiti
da giudici e tribunali (in carcere non ci vogliamo nessun@!) pero' ci
riempie di rabbia constatare che lanciare una pietra e rompere una
vetrina costa piu' anni di galera che, per un poliziotto, assassinare
o mandare in coma una persona inerme.

Abbracciamo il nostro compagno Mario (il quale - specifichiamo - puo'
ancora ricorrere in appello ed evitare il carcere) e ribadiamo la
nostra complicita' con i/le prigionieri/e delle lotte antagoniste in
Italia come le persone arrestate in Val di Susa e per il corteo del 15
ottobre e i/le compagn* sequestrati per le cinque operazioni
anti-anarchici dello scorso anno. Cosi' come lottiamo per la liberta'
dei prigionieri politici in Messico, lottiamo per farla finita una
volta per tutte con le galere e il sistema di accumulazione e
sfruttamento che le alimenta... in Messico, in Italia, nel mondo:
DISTRUGGERE I MURI DELLE GALERE!

Invitiamo i collettivi a diffondere questo fatto e a pronunciarsi.
Per mandare la solidarieta' al compagno Mario, scrivere a:
nodosolidale@autistici.org

Nodo Solidale - Construyendo la resistencia global
http://www.autistici.org/nodosolidale/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center