A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Comidad, le news del 27 settembre 2012

Date Sat, 29 Sep 2012 21:35:11 +0200


Comidad, le news del 27 settembre 2012
NEWSCOMIDAD
Ecco le news settimanali del Comidad: chi volesse consultare le news
precedenti, può reperirle sul sito http://www.comidad.org/ sotto la
voce "Commentario".
QATAR, SICARIO DELLA NATO E DELLA FAMIGLIA REALE INGLESE
Sulla vicenda dell'aggressione NATO alla Libia dello scorso anno,
quella parte della "sinistra" che ha aderito alla fiaba della
rivoluzione democratica contro Gheddafi, potrebbe sempre accampare
l'alibi di essere stata presa di sorpresa da una campagna
propagandistica senza precedenti. Il fatto strano è che l'adesione
acritica di quella parte della "sinistra" alla fiaba ufficiale si stia
puntualmente ripetendo nel caso della Siria.
Il maggiore polemista e militante antimperialista negli Stati Uniti
degli inizi del '900 è stato Mark Twain, il quale diceva che una bugia
fa in tempo a fare il giro del mondo mentre la verità si sta ancora
mettendo le scarpe. Nel caso siriano però sono passati diciotto mesi
dall'inizio dell'aggressione della NATO, perciò alla fine anche la
verità è riuscita a mettersi le scarpe ed a fare un bel po' di strada.
Alla fine del 2011 le notizie sulle gesta dell'emiro del Qatar in
Siria avevano libero corso già sulla stampa turca, dato che è appunto
in Turchia che si sono installate dall'inizio dello scorso anno le
basi dei mercenari che si infiltrano quotidianamente in territorio
siriano. [1]
Ma ormai anche sul resto della stampa occidentale non si cerca più
neppure di negare il ruolo decisivo del denaro, della televisione,
delle armi e dei mercenari dell'emiro del Qatar, Al Thani, nella
"rivoluzione" in Siria. Anzi, l'agosto scorso il quotidiano britannico
"The Guardian" ha ritenuto che fosse persino il caso di pubblicare un
articolo celebrativo sui moventi tutti "morali" che spingerebbero il
Qatar a questo attivismo contro Assad. Il quotidiano britannico si
spinge al punto di augurarsi che questo attivismo disinteressato del
Qatar costituisca l'alba di una palingenesi morale e politica del
Mondo Arabo. [2]
Il ruolo internazionale del minuscolo - ma danarosissimo - Emirato
risale al vertice NATO di Istanbul del 2004, quando questo Paese è
stato integrato a tutti gli effetti nell'imperialismo atlantico. In
quell'occasione deve essere stato allestito il programma di
aggressioni che abbiamo visto attuarsi negli ultimi due anni, con un
ruolo enorme della emittente qatariota Al Jazeera. [3]
Da alcuni mesi vi sono segnali di tentativi di espansione del dominio
televisivo di Al Jazeera anche in Italia, dove secondo il quotidiano
"Il Sole-24 ore", l'emiro del Qatar starebbe cercando di acquisire la
proprietà di La-7. [4]
Ancora più importante è l'accordo che la maggiore agenzia di notizie
italiana, l'Ansa, ha stretto pochi giorni fa con l'omologa agenzia del
Qatar, la QNA. Sono evidenti i risvolti di carattere militare di
questo accordo, che va considerato un passo ulteriore nella
militarizzazione dell'informazione riguardante i teatri di crisi nel
Mediterraneo. [5]
Ma il controllo che il Qatar si assicura così sull'informazione
italiana riguarda anche altri aspetti. Nell'aprile scorso il
quotidiano "La Repubblica" anticipava qualcosa sulle manovre del Qatar
per mettere le mani su Unicredit e Finmeccanica. Per quanto riguarda
Unicredit, le manovre dell'emiro si sono concretizzate già dal giugno
scorso con massicci acquisti azionari. [6]
Il Qatar è presente anche tra i potenziali acquirenti del piano di
dismissioni del patrimonio pubblico messo in cantiere dal governo
Monti, e gestito dall'attuale ministro dell'Economia, Grilli. Il Qatar
ha assunto quindi un ruolo essenziale non solo nell'imperialismo
militare della NATO, ma anche nel suo imperialismo finanziario e
commerciale. Su tutti questi fatti non sono mancate le notizie di
stampa, e neppure gli approfondimenti seri su internet, ma l'opinione
pubblica italiana nel frattempo era stata attratta e distratta dalle
consuete sceneggiate sulla corruzione della "Casta". [7]
All'emiro Al Thani è stato riconosciuto anche un ruolo di campione dei
diritti umani. Nel momento in cui il Qatar aggredisce la Siria, lo
stesso Qatar è membro del Consiglio dell'ONU per i Diritti Umani,
quindi l'emiro può anche fare la parte del giudice super partes contro
Assad. Abituato a recitare tutte le parti in commedia, l'emiro da una
parte aggredisce Siria, dall'altra parte sollecita un intervento
armato "pacificatore" della Lega Araba. [8]
Al Thani ha dimostrato di non essere un semplice esecutore, ma un
gangster che sa il fatto suo; d'altra parte risulta un po'
irrealistico ritenere che il Qatar abbia potuto assumere un ruolo così
centrale soltanto in base alle proprie risorse. La storia del Qatar ci
presenta questo Stato come un ex protettorato britannico, e lo stesso
potere della famiglia Al Thani come una concessione della Gran
Bretagna. [9]
Che il Qatar sia rimasto in effetti un protettorato britannico, è più
di un sospetto, e spiegherebbe tanta fiducia nei suoi confronti da
parte dei vertici della NATO. Anzi, il Qatar, più che una colonia
britannica appare come una colonia della famiglia reale inglese, una
specie di feudo familiare. Negli articoli celebrativi sul Qatar che
affollano la stampa britannica, si ammette candidamente che l'emiro Al
Thani può agire tranquillamente in Gran Bretagna grazie ai rapporti
personali con la famiglia reale inglese. Il "Daily Mail" ha riportato
una notizia secondo cui l'emiro ha potuto concludere un grosso affare
immobiliare solo grazie ad una lettera privata di presentazione da
parte del principe Carlo. [10]
I reali inglesi sono famosi soprattutto per le loro vicende mondane,
ma il dato più significativo che li riguarda consiste nel fatto che
controllino la più grande banca britannica, la storica Royal Bank of
Scotland, che in questi mesi è stata salvata dal fallimento grazie al
denaro dei contribuenti britannici. Nel 2009 il principe Carlo
promosse personalmente una ristrutturazione dei vertici della banca,
andata in passivo per le solite vicende di titoli tossici. [11]
Ma la stessa Royal Bank of Scotland può avvalersi di accordi che le
conferiscono una sorta di status privilegiato in Qatar. Se il Qatar
investe in Gran Bretagna, la famiglia reale inglese investe in Qatar,
e ne alleva e seleziona la classe dirigente attraverso i programmi di
"aiuto allo sviluppo" della Royal Bank of Scotland. In fatto di
gangsterismo, Al Thani ed i suoi collaboratori sono quindi debitori
del know-how alla famiglia reale inglese, la quale in questo campo
certamente non ha nulla da farsi insegnare da nessuno. [12]

[1] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.turkishnews.com/en/content/2011/12/31/qatar-creates-anti-syria-mercenary-force-based-in-turkey/&prev=/search%3Fq%3Dqatar%2Bmercenaries%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=8UlhUPuEAoTctAaXuIGQBw&ved=0CEkQ7gEwBA
[2] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2012/aug/08/qatar-syria-opposition&prev=/search%3Fq%3Dsyria%2Bqatar%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=EotgUN_-K4_gtQbo64DwCw&sqi=2&ved=0CDEQ7gEwAA
[3] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=fr&u=http://www.nato.int/cps/fr/natolive/topics_52956.htm&prev=/search%3Fq%3Dqatar%2Bnato%2Botan%26hl%3Dit%26sa%3DN%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=0IxgUP2zD8TitQaD34CgDg&ved=0CC0Q7gEwAQ
[4] http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-07-05/mire-qatar-italiana-064153.shtml?uuid=AbPrdw2F
[5] http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cultura/2012/09/18/Firmato-accordo-Ansa-agenzia-Qatar-Qna-_7493280.html
[6] http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/04/17/lo-shopping-dell-emiro-del-qatar-nel.html
http://www.ilnuovomercato.it/?p=19965
[7] http://geopoliticamente.investireoggi.it/litalia-svende-il-qatar-compra/
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=10851
[8] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.ohchr.org/EN/HRBodies/HRC/Pages/CurrentMembers.aspx&prev=/search%3Fq%3Dhuman%2Brights%2Bcouncil%2Bun%2Bmembership%26hl%3Dit%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=SkxhUIWvO87GswaOh4FI&ved=0CD4Q7gEwAg
http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Esteri/Siria-Qatar-intervento-militare-arabi/25-09-2012/1-A_002800416.shtml
[9] http://www.treccani.it/enciclopedia/qatar_(Dizionario-di-Storia)/
[10] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.dailymail.co.uk/news/article-2113159/Qatar-bought-Britain-They-Shard-They-Olympic-Village-And-dont-care-Lamborghinis-clamped-shop-Harrods.html&prev=/search%3Fq%3Dbritish%2Broyal%2Bfamily%2B%2Bqatar%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=HVNhUL7lLcT2sgaj44CYDQ&ved=0CCYQ7gEwAA
[11] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.mirror.co.uk/news/uk-news/prince-charles-dumps-rbs-boss-372885&prev=/search%3Fq%3Droyal%2Bbank%2Bof%2Bscotland%2Bprince%2Bcharles%26hl%3Dit%26prmd%3Dimvnso&sa=X&ei=RjljUJScLoaWswbKn4HgBA&ved=0CCcQ7gEwAA
[12] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.ipfa.org/news/12957/rbs-pledges-its-expertise-to-support-long-term-qatar-growth&prev=/search%3Fq%3Dthe%2Broyal%2Bbank%2Bof%2Bscotland%2Bplc%2Bqatar%26start%3D10%26hl%3Dit%26sa%3DN%26biw%3D960%26bih%3D513%26prmd%3Dimvns&sa=X&ei=HFJhUOdpj8yzBov0gcAK&ved=0CGkQ7gEwCTgK

27 settembre 2012

Se non desideri continuare a ricevere informazioni dal Comidad, o vuoi
fare delle osservazioni, invia un messaggio a: webcomidad@comidad.org
. Grazie.
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center