A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Palestina-Israele, la lotta unitaria continua in tempi turbolenti [en]

Date Thu, 13 Sep 2012 21:25:50 +0200


Palestina-Israele, la lotta unitaria continua in tempi turbolenti [en]
Report del 04.09.12:
Oltre alle consuete località di lotta in cui gli anarchici contro il
muro hanno unito le loro forze a quelle dei comitati locali degli
attivisti, come a Beit Ummar, Bil'in, Ma'sara, Nebi Saleh, Ni'lin, e
Qaddum, i compagni hanno preso parte ad altre lotte come a Sheikh
Jarrah, sulle colline sud di Hebron, ed all'interno di Israele: come
al tribunale regionale di Haifa, al campo di concentramento di
Saharonim, ed alle manifestazioni contro le minacce di guerra contro
l'Iran. L'incertezza sull'esplosione della bolla dei magnati, la crisi
economica, le minacce di una guerra israeliana contro l'Iran e lo
scandaloso trattamento dei profughi hanno messo a dura prova le
energie degli attivisti. I continui e crescenti tentativi di
sgomberare i contadini palestinesi dalla Valle del Giordano, dalle
colline sud di Hebron e le demolizioni di case possono portare a
momenti in cui ti senti mancare ogni aiuto.
Beit Ummar
Prima protesta settimanale di sabato l'1 settembre:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151384927655760.578827.531065759
Bil'in

Manifestazione settimanale di venerdà 31 agosto 2012 in solidarietÃ
con Rachel Corrie.
di: Rani Abdel Fatah:
â"31.08.12 - Resistenza continua a Bil'in. Dozzine di cittadini ed
attivisti internazionali sono stati soffocati nel corso della
manifestazione settimanale dalla inalazione di gas lacrimogeni nel
corso della manifestazione organizzata dal Comitato Popolare Contro il
Muro e contro gli Insediamenti. Il corteo era in solidarietà con la
famiglia di Rachel Corrie nel nono anniversario della sua morte
causata dai soldati israeliani che occupano Gaza. Nel corteo c'erano
abitanti di Bil'in, una delegazione britannica con parlamentari in
carica come Mr. John Lazman o come l'ex-parlamentare Mr. Martin
Linton, già dirigente del Partito Laburista, oltre alle dozzine di
pacifisti israeliani ed internazionali. Il corteo si à mosso dopo le
preghiere del venerdà dal centro del villaggio in direzione del muro
dell'apartheid; i partecipanti portavano bandiere palestinesi, foto di
Rachel Corrie, e chiamavano i palestinesi a restate fedeli alla
coscienza nazionale, a
resistere all'occupazione israeliana, alle demolizioni ed al muro
dell'apartheid per la liberazione dei prigionieri palestinesi.
All'arrivo dei manifestanti nell'area di Abu Lemon, adiacente al muro,
i soldati israeliani che erano al di là hanno iniziato a sparare
lacrimogeni, granate assordanti, proiettili di metallo ricoperti di
gomma, getti di acqua puzzola verso i manifestanti, con diversi casi
si soffocamento da inalazione, tutti trattati sul campo. Alcuni
giovani hanno lanciato pietre contro i soldati israeliani. Alcuni
membri del comitato popolare contro il muro e contro gli insediamenti
hanno avuto un incontro con la delegazione britannica nel centro degli
amici della libertà e della giustizia, occasione in cui à stata
spiegata la resistenza popolare non-violenta del popolo di Bilâin e la
violazione di Israele contro di loro in 8 anni."


Al-Ma'sara

Manifestazione settimanale del venerdà contro il Muro della
separazione; palestinesi, internazionali ed israeliani hanno
partecipato questa settimana alla manifestazione di Maâsara contro
l'occupazione e contro la costruzione del muro della segregazione
sulle terre del villaggio.

DiegoPhotoShoot:
http://www.demotix.com/news/1415961/al-masara-weekly-demostration-against-separation-wall
Un bimbo palestinese sfida un soldato israeliano armato di tutto punto
nel corso della manifestazione settimanale:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=433246716717900


Nabi Saleh

"Una settimana dopo che una madre attivista di Nabi Saleh era stata
strappata dalle braccia di sua figlia, i palestinesi da tutta la
Cisgiordania sono venuti alla manifestazione del venerdà per
dimostrare il loro sostegno al villaggio. Per l'esercito non era
cambiato nulla. Questa à la legge che vige da queste parti. Artisti di
tutto il mondo, prendete posizione contro tutto ciÃ. Cancellate le
date dei vostri spettacoli in Israele!"
La manifestazione settimanale a Nabi Saleh per commemorare Rachel
Corrie à stata segnata dalla violenza dei militari israeliani. I
soldati hanno usato lacrimogeni, proiettili di acciaio ricoperti di
gomma, acqua-puzzola e munizioni vere nel tentativo di reprimere i
manifestanti.

Ultime notizie: reports da attivisti a Nabi Saleh dicono che un
giovane palestinese à stato colpito allo stomaco da proiettili veri.
E' stato ricoverato in ospedale con ambulanza.
â5 arrestati finora a Nabi Saleh, e tra loro un cameraman del posto,
Bilal Tamimi. Nel frattempo, il dirigente del comitato popolare di
Bil'in, Muhammad Khatib, che era in manifestazione, veniva arrestato.

Un giovane palestinese ferito alla mano da un proiettile vero che gli
ha preso anche lo stomaco. E' stato poi ricoverato dopo che i militari
israeliani lo hanno tenuto nella loro ambulanza all'ingresso del
villaggio per qualche tempo. Quando à arrivato in ospedale pare che
fosse cosciente ed in condizioni "moderate".

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=486038414739801
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.486007514742891.117514.136633479680298
http://www.flickr.com/photos/activestills/7901085680/lightbox/
http://www.youtube.com/watch?v=OYX6I0-yLrc
Haim Schwarczenberg:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.255881317864903.56318.202358256550543
http://www.youtube.com/watch?v=LVUp8qsDzOM
http://t.co/1d8yyiJ1


Ni'lin

Lotta contro il muro dell'Apartheid - 31.09.12

hassan daboos: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.412869162102879.93494.228124070577390


Kafr Qaddum

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.486012514742391.117517.136633479680298
Jawad Siyam: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.103695329708491.5060.100002040732346
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=359433614134660


Sheikh Jarrah

I residenti di Sheikh Jarrah stanno continuando i loro presidi di
protesta nel quartiere ogni venerdÃ, per denunciare gli sgomberi
violenti dalle loro case, l'occupazione del quartiere da parte dei
coloni e la giudaizzazione di Gerusalemme Est. Lanciano un appello a
chiunque li sostenga per unirsi nella loro lotta. Bisogna fare uno
sforzo per essere con loro venerdà 31 agosto alle 16 nei giardini del
quartiere per un presidio a sostegno della lotta.

http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10151238681122868


Colline a sud di Hebron

Solidarietà con quella che Israele chiama "zona di fuoco 918"

Visita di solidarietà nei villaggi minacciati dalle demolizioni sulle
colline sud di Hebron ("Zona di fuoco 918").

I residenti dei villaggi, insieme agli attivisti ed ai gruppi attivi
nella zona, hanno lanciato un invito per una visita di solidarietà nei
villaggi che sono in imminente pericolo di demolizione da parte
dell'esercito israeliano e della sua "civile amministrazione". Il
ministro della difesa israeliano, Ehud Barak, ha dato recentemente
ordini di distruggere 8 villaggi palestinesi sulle colline sud di
Hebron e di espellere da quell'area i suoi 1.500 residenti. Questi
vengono definiti, nell'ordinanza del ministero, come "squatters nella
zona di fuoco 918." Questa definizione ignora clamorosamente la
documentazione storica la quale prova che questi villaggi sono là da
centinaia di anni. La "Zona di fuoco 918," in cui si fanno le
esercitazioni militari "necessarie per mantenere l'irrinunciabile
preparazione delle forze militari" copre un'area di 3.000 ettari sulle
colline a sud di Hebron, comprendente terreni privati ed aree
coltivate. Dopo il patto ad
interim seguito agli Accordi di Oslo, firmato nel 1995, il 60.2%
della Cisgiordania venne definito come "Area C," e posto sotto il
completo controllo civile e militare di Israele (accordo che doveva
durare solo 5 anni a partire dalla sua sottoscrizione). Il governo
israeliano da allora ha perseguito nell'Area C una politica coerente
con l'intensificazione del suo controllo permanente sull'area,
riducendo al minimo le possibilità di sopravvivenza in loco per i
palestinesi. Questa politica viene dispiegata con una serie di diversi
interventi: dalla confisca dei terreni in via unilaterale
dichiarandoli "terre del demanio", "Parchi nazionali" e "Speciali zone
di sicurezza" alla non concessione di permessi edilizi (oltre il 95%
delle richieste palestinesi tra il 2000 ed il 2009 sono state
respinte), dalla conseguente demolizione di case e strutture costruite
senza permessi alla`mancanza internazionale di progetti di piano per
l'area (cosa che consente ad
Israele di decidere e dichiarare virtualmente qualsiasi cosa come
"struttura illegale"), fino, naturalmente, alla dichiarazione di aree
chiuse in quanto "aree per le esercitazioni militari" o anche
"poligoni di tiro." Circa il 18% della Cisgiordania à stato dichiarato
"zona di fuoco" chiusa. L'esistenza del regime israeliano fondato
sulla separazione e sulla discriminazione non à una novità per le
colline sud di Hebron o per i palestinesi che vivono in generale nell'
Area C. Al tempo stesso pende una minaccia di demolizione su questi 8
villaggi ed altri nell'area, tra cui Susiya, mentre dozzine di
avamposti coloniali sono stati costruiti e resi stabili nell'area,
senza nessun ostacolo.

La minaccia di sgombero pende su questi 8 villaggi dal lontano 1999.
Il loro destino à stato deciso ora!

Il 31 agosto visita di solidarietà in alcuni villaggi sotto minaccia
di demolizione; portate il vostro sostegno, fate domande e guardate
con i vostri occhi questi villaggi amministrati da Israele e che
l'esercito intende cancellare.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151139812532138.466615.779192137
Lior Ben Eliahu:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3473939978241.165361.1563442697


Tribunale regionale di Haifa

Un tribunale israeliano ha sentenziato che lo Stato di Israele non ha
nessuna colpa nella morte di Rachel Corrie. Giusto per ricordarci,
Rachel Corrie à stata investita da una ruspa dell'esercito mentre
tentava di impedire la demolizione di una casa. Non c'Ã giustizia
nello stato dell'apartheid.

MartedÃ, manifestazione davanti al tribunale. Il magistrato ha
dichiarato l'esercito israeliano non responsabile, ha detto che Rachel
Corrie "ha scelto di morire" e che l'ISM "minimizza i terroristi".

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=524255177590566
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.411049292244489.123628.100000182654841
http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10150987837867554
http://www.youtube.com/watch?v=O3JI-axaRF4


Campo di concentramento di Saharonim

Protesta contro l'internamento dei profughi, davanti al carcere di
Saharonim, nel deserto del Negev, il 31.08.12

Profughi eritrei ed attivisti israeliani hanno protestato il 31 agosto
contro l'incarcerazione senza processo di richiedenti asilo e di
profughi all'interno di una nuova prigione di massa costruita nel
deserto del Negev.

Presidio di protesta alla prigione di Saharonim, diretto alle decine
di migliaia di profughi africani incarcerati (dall'Eritrea, dal Sudan
ed altri paesi) che sono arrivati in Israele e che hanno addosso la
colpa di non essere ebrei.

Photo by: Yotam Ronen/Activestills.org
http://www.flickr.com/photos/activestills/7899636186/in/photostream/lightbox/
http://www.facebook.com/photo.php?fbid=486012798075696
http://www.youtube.com/watch?v=YM_BZ0NXUOQ
http://www.facebook.com/ICAI2?ref=stream

No alla guerra con l'Iran, contro la destra razzista e l'odio
criminale https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10151112503257138


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center