(it) letter from an anarchist in jail

luc pac (luc@ecn.org)
Mon, 08 Sep 1997 18:54:43 +0200


A AA AAAA The A-Infos News Service AA AA AA AA INFOSINFOSINFOS http://www.tao.ca/ainfos/ AAAA AAAA AAAAA AAAAA

What follows is a letter that the Anarchist Defence Committee has received from the prison of S. Vittore in Milan. It was written by Patrizia, who was arrested in June. She has been accused of being the person who claimed the attack against the Town Hall (Palazzo Marino) in Milan the 25th of April.

=========================================

Comitato Difesa Anarchici c/o El Paso Occupato - Torino

abbiamo ricevuto in questi giorni la seguente lettera dal carcere di S. Vittore. E' una lettera di Patrizia, arrestata a giugno con l'accusa di essere la persona che ha rivendicato l'attentato del 25 aprile a Milano contro Palazzo Marino.

Ricordiamo che Patrizia sara’ interrogata anche a Roma nei prossimi giorni. Il bollettino del CDA di settembre e’ disponibile in rete e richiedibile (anche su carta) scrivendo a El Paso, Via Passo Buole 47, 10127, Torino e-mail elpaso@ecn.org

WANTED: ANARCHICA CERCASI DA ACCUSARE DI "STRAGE". CHI RISOLVERA' IL PROBLEMA VERRA' RICOMPENSATO CON LA MODICA CIFRA DI 10 MILIONI.

Ed ecco pronti due avvoltoi che devono finire di pagare il mutuo della casa, due cretini che lavoravano con me in ufficio, Avete presente quelli che, quando bisogna tirar fuori i soldi per fare un regalino a qualcuno, a chi si sposa, a chi ha partorito o per qualche cazzo di compleanno, girano la faccia dall'altra parte solo per un millino? Ecco, questi avvoltoi avranno preso i famosi dieci milioni messi in palio per chi avrebbe "riconosciuto" la "postina" di Radio Popolare? Gente che non mi vede da piu’ di un anno. E visto che i magistrati non devono accertare la "verita’", ma solo giungere alla condanna di un essere umano che sanno essere anarchico, i mezzi per ottenere questo risultato sono obbligati: occorre truccare il procedimento e formulare una condanna senza andare troppo per il sottile e senza preoccuparsi della coerenza. Inoltre la storia insegna che in questi casi e’ opportuno che 1'anarchico processato nel corso del processo venga anche infamato. Sara’ bene poi costringerlo con le "torture" a confessare le "colpe" che non ha commesse e spingerlo a rinnegare le proprie posizioni ed i compagni/e anarchici, non tutti, ma solo quelli considerati da loro i piu’ "cattivi".

Ma con gli anarchici questo gioco non funziona.

Ho accettato 1'interrogatorio perche’ questo pool di Milano, oltre ad aver incriminato me senza prove, ha avuto il coraggio di accusare mia sorella Lia e il mio compagno: un ricatto infame, schifoso. Mi ha cosi irritata che ho voluto guardare in faccia quelli che mi accusano, in un interrogatorio durato certamente non sei ore, ma molto, molto meno, nel quale ho dovuto chiarire e specificare la differenza che esiste tra me e mia sorella, e la diversita’ e 1'estraneita’ delle mie scelte politiche rispetto al mio rapporto con un uomo che non ha mai condiviso ne’ le mie amicizie ne’ le mie idee. Sono stata costretta da sempre a lasciare i miei "fidanzati" perche’, ogni volta che accadeva qualcosa, oltre a me coinvolgevano anche loro, sebbene non fossero anarchici. Per molto tempo non ho voluto nessuno al mio fianco per paura che in qualche modo venisse coinvolto nelle mie scelte di vita, neanche poi cosi terribili. La stessa cosa valeva per mia sorella, che tutti sanno bene avere delle idee e un carattere completamente opposti ai miei. Non ho paura di nessuno, e trovarrni di fronte al pool che pretende, in maniera presuntuosa e arrogante, di conoscere la storia del movimento anarchico, mi ha fatto capire che i giudici, pur non avendo prove contro di me, hanno strumentalizzato 1'archivio del Laboratorio Anarchico creando un ingranaggio perverso e contorto per dimostrare la mia colpevolezza.

Al resto hanno pensato i media.

Voi dovreste poter vedere il materiale sequestrato, un lavoro di raccolta di anni e anni di lotte, materiale anarchico ormai introvabile che, sgombero dopo sgombero, mi sono trascinata dietro in questi anni; materiale che ho distribuito a tanti giovani compagni che volevano conoscere il lavoro precedentemente fatto su atti di repressione accaduti 10-20 anni fa. Questo materiale era gia’ stato visionato dagli inquirenti nelle centinaia di perquisizioni che mi hanno fatto. Ma ormai i vecchi sbirri non ci sono piu’ e questi nuovi credono di aver trovato chissa’ che cosa; in realta’ nella mia casa c'era materiale proveniente da tutte le parti del mondo, manifesti e volantini da me custoditi e che loro hanno trasformato e travisato. Ho dovuto chiarire che non ho mai avuto nomi di battaglia e che gia’ nell'81 dissero che Patrizia era il mio nome di battaglia, mentre invece e quello di battesimo. Sono stata regolarmente sfrattata da via Candiani 10, ma loro hanno perquisito ugualmente quell'appartamento, abitato da nuovi inquilini a me sconosciuti; a Macomer hanno perquisito le case dei miei parenti, che non vedo da anni, cioe’ da quando mio padre fu investito dal figlio del maresciallo dei carabinieri, per non parlare poi delle centinaia di perquisizioni in tutta Italia a compagni/e meravigliosi che propagandano da sempre 1'idea anarchica con grande coerenza e serieta’.

I giornali mi hanno privata della mia vita personale, distruggendo I'intimita’ dei miei rapporti. I magistrati si chiedevano perche’ non fossi scappata, sapendo che la polizia era fissa fuori dal Laboratorio Anarchico. Voi controllavate me e io controllavo voi! E facevo bene a controllarvi, perche’ avete fatto di tutto per creare delle condizioni tali da spaventare chiunque: microfoni nelle macchine, pedinamenti cosi scoperti che solo un deficiente non se ne sarebbe accorto. Perche’ scappare? Da chi? Io non avevo nulla da nascondere. E voi, cari magistrati, siete incazzati con me perche’ non ho avuto paura nonostante ne abbiate fatte di tutti i colori. Voi, con il vostro atteggiamento, avreste fatto abiurare la fede in Dio anche a una suora!

Invece io ho continuato ad organizzare concerti, ho continuato a produrre vo1antini, ho continuato ad organizzare le attivita’ del Laboratorio, ho continuato a fare tutto quello che ho sempre fatto. Voi mi state accusando e voi dovrete trovare le prove; cosa volete sapere da me? Se mi avete fatto pedinare giorno e notte a cosa mirate? Sono colpevole di essere un'anarchica! Perche’, senza armi e senza bombe, vi faccio paura ugualmente! Le mie quattro ossa bastano ed avanzano per portare avanti le lotte di cui vado fiera; so bene quanto il mio atteggiamento possa far credere che io sia una persona particolarmente violenta, ma chi mi conosce sa quanto il mio spirito di sopportazione sia grande. Se ho saputo portare avanti le mie occupazioni senza ricorrere alla violenza, anche nei confronti di chi qualche mazzata 1'avrebbe meritata, e proprio perche’ ho sempre ritenuto valido il dialogo, anche violento, ma pur sempre un dialogo.

Cosi da sempre, anche nelle assemblee affollate, quando mi alzavo per parlare, magari sopra una sedia perche’ sono un tappino, vedevo negli occhi dei compagni la paura per le mie parole, per la mia sicurezza nell'esporre le mie convinzioni di anarchica, decisa, pungente, mai ambigua con nessuno, neanche con i giudici! Per questo sono stata arrestata e per questo verro condannata, perche’ uso la mia voce come una mitragliatrice, capace di farmi sentire anche da sola, in mezzo ai cani svenduti che in tanti anni hanno cercato di farmi star zitta.

A Milano ormai ero 1'unica a portare avanti il discorso dell'autogestione reale, senza concedere nulla, dimostrando a tutti che non e necessario creare un'associazione ne’ mediare con qualcuno, perche’ l'autogestione fosse possibile solo con le nostre forze, stabilendo con il quartiere dei rapporti umani e sinceri e rispettando, come ho sempre fatto, gli spazi esterni. Ma non c'e’ bisogno che queste cose le dica io, tutti le possono confermare.

La solidarieta’ ai compagni/e in carcere per me e una cosa naturale, ce 1'ho nel sangue, scorre nelle mie vene sarde; la solidarieta e 1'amore che ho per i miei compagni sono limpidi come puo’ esserlo il mare della mia terra, si alzano come il vento di Macomer, capace di tagliare le pietre e di levigarle nel tempo, cosi come il mio cuore, levigato dal tempo, troppo straziato dalla vita che ho fatto. Vi e scritta sopra una parola, anarchia, e bisognera’ strapparmelo perche’ io rinunci ai miei ideali di liberta’ e giustizia, una giustizia che per lo stato equivale a delazione e pentimento e che invece per me e lotta, solidarieta’, rivendicazione del passato e del presente. Parliamoci chiaro, perche’ mai un anarchico dovrebbe pentirsi o dissociarsi? Da chi e da che cosa? Un anarchico sincero non fara’ mai qualcosa in cui non crede, non fara mai qualcosa perche’ qualcuno gli ha detto di farlo, non sarebbe piu’ un anarchico! Ma soprattutto io rispondo di me stessa, perche’ mi considero un'anarchica individualista, e non ho bisogno che qualcuno garantisca per me. Durante l'interrogatorio mi e stato detto che io non ho le stesse posizioni del Ponte della Ghisolfa e della F.A.I.; che cazzo vuol dire? Voi mi state criminalizzando perche’ non ho le stesse idee di questi due gruppi? Vogliamo scherzare? Non posso avere le stesse posizioni di chi frequenta abitualmente i comunisti svenduti; io mi sono sempre fatta i cazzi miei, non sono andata in giro a parlar male di loro, rispetto tutti i gruppi anarchici, ed anche se per anni ho avuto dei diverbi con il Ponte e con la F.A.I., come sostenete voi, non devo certo dire a voi giudici i motivi che mi tengono lontana da loro e per cui loro sono distanti da me.

Io faccio parte del movimento anarchico, e nessuno si deve permettere di dire il contrario: lo dimostra la mia storia, che tutti conoscono, anche loro. Questa e stata per me la cosa piu’ straziante, il fatto che abbiano usato gli scazzi interni del movimento per colpevolizzarmi; mi hanno fatto salire il sangue agli occhi. Non sono riusciti comunque a farmi odiare il Ponte ne’ la F.A.I., anche quando pensavo a tutti quelli che, con interviste ai giornali e in TV, hanno contribuito alla mia carcerazione e a quella di altri compagni solo perche’ preferisco coerentemente autogestire uno spazio invece che starmene seduta dietro una linda vetrina. Ho negato che ci sia odio fra i compagni/e dei diversi gruppi e ho detto che tutti sono liberi di portare avanti il proprio anarchismo come meglio credono. I magistrati non si sono dimenticati di sottolineare i fatti di Forli’, per la centesima volta; io ho ricordato loro il documento prodotto dalla F,A.I,, ho detto che anche recentemente la F.A.I, aveva pubblicamente chiarito quell'episodio, e che quindi non e’ vero che alcuni anarchici in quel convegno vennero buttati fuori da altri anarchici. Ma loro sono sordi, non vogliono capire e continuano a mostrare all'opinione pubblica falsita’, che la stampa usa ed usera’ sempre per criminalizzare gli anarchici e metterli l'uno contro l'altro. Io credo che questa cosa vada chiarita una volta per tutte, e quando usciro’ cerchero’ tutti i partecipanti a quel convegno e li trascinero’ in un'assemblea pubblica dove, davanti a tutti, dovranno raccontare esattamente cosa accadde. Andro’ a ripescare tutti i vermi che si sono permessi di infangare i compagni, come ho fatto gia’ altre volte, perche’ mi piace la chiarezza. Ci si puo’ fare anche la galera senza prove, ma certo non voglio farmela con l'accusa di non essere del Ponte.

L'interrogatorio, o meglio quelle sei ore di passeggiate e di attesa, durante le quali ti fanno sentire "a tuo agio" e, quando ti lasciano sola, ti osservano, scrutano ogni movimento e ogni respiro che fai, serve loro per capire se hai paura. Ma io ero tranquilla e non ho versato una lacrima: sono stata arrestata per il solo fatto di non aver rinnegato le mie idee.

Il carcere e la conferma di quello che ho sempre sostenuto, il luogo piu’ disumano e atroce che 1'uomo abbia mai concepito, strutturato in modo tale da annientare la mente e il corpo. Mi ritengo fortunata, perche’ il carcere che vivo io non e come quello che hanno vissuto i compagni negli anni '70; oggi e’ apparentemente piu’ leggero, ma al posto delle torture fisiche c'e’ un'altra forma piu’ sottile di annientamento, che qui per ora non affrontero’.

Vi ho dovuto spiegare, ed e giusto che sia cosi, i motivi che mi hanno spinto ad accettare la farsa dell'interrogatorio. Avrei voluto essere sola al mondo in quel momento.

Non ho fatto nessun tipo di scelta particolarmente strana, non vivevo in clandestinita’, anzi, tutt'altro, piu’ conosciuta e piu esposta di me non so chi cazzo possa esserci! La mia vita era dentro il Laboratorio Anarchico, non ho mai amato la vita mondana dei locali, ne’ altre stronzate del genere, e questo pool dice che mi sono chiusa in casa. E' piu di un anno che il mio fisico vive grazie al mio spirito, ci sono tante cose da fare e da organizzare, la situazione di molte persone che conosco e gravissima: molti sono senza lavoro, chi finisce in galera rimane isolato, tagliato fuori dal mondo, i compagni fuori non sono in grado di dar vita a una reale contrapposizione. Le cose vengono fatte sempre dagli stessi gruppi e dalle stesse persone, che di volta in volta vengono criminalizzate o arrestate solo perche’ danno solidarieta’ a quelli che finiscono dentro! Anarchici, dove siete? Anarchici che tremano solo se gli fai "bu"! E' chiaro che una come me, che non ha paura e si comporta in maniera completamente diversa dagli altri, passi per una fanatica! Io credo veramente nei nostri ideali, la vita non e un gioco: nella mia vita non ho mai giocato, ho sempre fatto le cose seriamente, anche le piu’ piccole, ed ho rispettato tutti, quelli che con me hanno condiviso il freddo del Laboratorio, le nostre minestrine, le risse da paura, le sbronze, i compleanni, le lacrime, l'amore per i nostri gattini, le notti, i turni di guardia, 1'alba, i tramonti, la pazienza di Hugo, le ire di Lia, i disastri di Tony che ci dava pero la luce "eterna", il cibo vegano di Miki, il "Burghy" di Carlo, la Clari che scappa, Fanta che balla, che sogna e si addormenta!

Chi potra’ mai capire chi siamo veramente e quello che abbiamo fatto nella semplicita’ dei nostri gesti, quando bastava uno sguardo per capirci e per parlarci 1'uno con I'altro! Dove sono tutti quelli che ci hanno conosciuti? Non mi basta la solidarieta’ degli anarchici, che so quanto bene mi vogliano! Non mi basta, voglio sapere dove cazzo sono tutti gli altri! Da questa cella organizzero’ una manifestazione nazionale contro la repressione per tutti gli anarchici chiusi nelle galere!! VEDREMO!!

Grazie a tutti quelli che mi hanno scritto, compresi gli sconosciuti. Ho fatto un sogno, ripercorrevo la mia vita velocemente e mi rendevo conto di quanto sia stata difficile ma lineare, senza ombre, sempre uguale e costante nel tempo e nella ricerca di una liberta’ che non puo’ certo venir rinchiusa qui dentro e non puo’ essere imbavagliata.

Dal carcere metropolitano di una Milano opulenta e ipocrita.

VI AMO TUTTI ANARCHICI CORAGGIOSI E FIERI PER L'ANARCHIA SEMPRE

Patrizia Cadeddu

---
Key fngrprnt (since 1993) =  52 DB 96 92 FA 1D CE 71  0D 63 96 E5 9A 9B 07 0A
http://www.ecn.org/zero
http://www.ecn.org/zero/anarchy.htm
http://www.ecn.org/crypto

****** A-Infos News Service ***** News about and of interest to anarchists

Subscribe -> email MAJORDOMO@TAO.CA with the message SUBSCRIBE A-INFOS Info -> http://www.tao.ca/ainfos/ Reproduce -> please include this section