(it) condanne agli antifascisti a padova

Hobo (hobo@iol.it)
Fri, 17 Jan 1997 23:21:49 +0100 (MET)


A AA AAAA The A-Infos News Service AA AA AA AA INFOSINFOSINFOS http://www.tao.ca/wind/ainfos.html AAAA AAAA AAAAA AAAAA

Mercoled=EC 15 gennaio la Pretura di Padova (PM Cameran; Pretore Citterio) h= a condannato per =93rissa e lesioni aggravate=94 tre compagni (Beppe Caccia, Giovanni Curi, Manuel Siciliani), all=92epoca dei fatti contestati studenti universitari, in relazione agli scontri con un gruppo di fascisti del Fuan verificatisi il 3 aprile del =9195 all=92interno del Rettorato/Facolt=E0 di Giurisprudenza. Oltre a loro sono stati condannati per gli stessi reati due fascisti ed un terzo =E8 stato rinviato a giudizio. L=92entit=E0 della= condanna =E8 particolarmente pesante e spropositata rispetto alla gravit=E0 dei fatti: 9 mesi per Beppe, 7 mesi per Giovanni e Manuel. La stessa requisitoria del Pubblico Ministero ha evidenziato una gestione del processo tutta politica: =93non interessa qui l=92accertamento delle responsabilit=E0 di ciascuno ris= petto allo svolgimento dei fatti - ha detto in sostanza la dottoressa Cameran - bisogna dare un segnale, Padova deve cessare di rappresentare un=92anomalia, una citt=E0 dove c=92=E8 ancora chi pensa che la violenza rappresenta un= metodo di lotta politica=94. Dopo la sentenza i tre compagni imputati hanno diffuso il seguente comunicato alla stampa cittadina:

COMUNICATO STAMPA 1. Come evidenziato dalla ricostruzione processuale e dalla equivalenza delle condanne comminate, i fatti avvenuti il 3 aprile 1995 nel cortile del palazzo del Bo' non sono riconducibili - come sostenuto dall'allora Rettore Muraro, dagli esponenti di AN, dalla Questura e dalla stampa locale - ad una "aggressione premeditata attuata da un gruppo organizzato di autonomi nei confronti di due inermi studenti di destra". Si =E8 trattato invece di uno scontro che ha visto un gruppo di studenti, impegnato in un volantinaggio per il diritto alla casa, costretto a rispondere alle pesanti provocazioni di chi, come gli squadristi del Fuan, ritiene il Bo' "casa propria". 2. Come gi=E0 allora scrivemmo e come abbiamo affermato nelle nostre deposizioni in sede processuale, riteniamo che nessun luogo dell'Universit= =E0, della citt=E0 di Padova, del mondo possa essere libero territorio di caccia per le bande di fascisti, sotto qualsiasi etichetta essi si presentino. Ed il biglietto da visita dei "democratici ragazzi" di Alleanza Nazionale sta tutto nella frase allora pronunciata all'indirizzo di uno studente di colore del nostro gruppo, e da essi non negata in sede processuale: "negro di merda, vai via dalla mia facolt=E0". 3. Di fronte all'arroganza di questi personaggi, alla cultura e alla pratica, istituzionale e di strada, del razzismo di cui sono portatori, rivendichiamo il legittimo diritto - nell'aprile '95, oggi e domani - all'esercizio dell'autodifesa con ogni mezzo si renda necessario. Un diritto che, per sua natura, nessun tribunale di Stato potr=E0 mai riconoscere e l'inaudita sproporzione tra pesantezza delle condanne e relativa gravit=E0 d= ei fatti, testimonia ancora una volta di questa incolmabile distanza tra diritto penale e pratiche sociali.

------------------------- collettivo infodiret(t)e ECN - Padova e-mail: hobo@ecn.org http://www.ecn.org/pad/

******** The A-Infos News Service ******** COMMANDS: majordomo@tao.ca REPLIES: a-infos-d@tao.ca HELP: a-infos-org@tao.ca WWW: http://www.tao.ca/wind/ainfos.html