(fr-eng-it) Paris 30/11-01/12 - Bulletin #2 [1\2]

ecn (ecn@altern.org)
Wed, 27 Nov 1996 08:59:39 GMT


-----------------------------------------------------------

PARIS - 30 NOVEMBRE - 1er DECEMBRE 1996

RENCONTRE EUROPE'ENNE ET INTERNATIONALE
SUR LES LUTTES DE L'IMMIGRATION

ENCUENTRO EUROPEO E INTERNACIONAL
SOBRE LAS LUCHAS DE LA IMMIGRACION

EUROPEAN AND INTERNATIONAL MEETING
ABOUT IMMIGRATION STRUGGLES

INCONTRO EUROPEO E INTERNAZIONALE
SULLE LOTTE DELL'IMMIGRAZIONE

Bulletin d'information #2 - 26 novembre 1996

-----------------------------------------------------------
-----------------------------------------------------------

1- (ENG) LETTER FROM "UNITED FOR INTERCULTURAL ACTION"
2- (ENG) FOR A WORLD WITHOUT BORDERS
3- (FR) POUR UN MONDE SANS FRONTIERES
4- (IT) ALLARGAMENTO DELLA LOTTA
5- (FR) ELARGISSEMENT DE LA LUTTE

-----------------------------------------------------------
-----------------------------------------------------------

From: united@antenna.nl

Dear friends,

We congratulate you with organising this meeting. We hope the meeting will
provide a platform for a lot of groups to come together and speak of their
problems and possible solutions. For sure you will be able to provide
solidarity and understanding for each other. UNITED is very concerned about
the situation of refugees and so-called 'illegals' all over Europe. We hope
this meeting will come up with new ideas of how to support refugees and
'illegals' as well as ideas for action against detention and deportation.

We are very interested in the conference and would appreciate receiving a
report/minutes after the meeting. If any plans for action come out, we
would appreciate to be kept informed. Unfortunately we will not be able to
send a delegate, but we send you our best wishes and support instead. Have
a successful meeting!

Yours truly, for UNITED,
Saskia Daru

-----------------------------------------------------------

FOR A WORLD WITHOUT BORDERS
---------------------------

Haringey Coalition Against the Asylum Bill is made up of local
people who oppose by any means necessary, the government's
Asylum Immigration Bill due to become law this Autumn.

This law will end the right of anybody claiming asylum after they
have entered the countly to housing, child benefit, income support,
council tax and other benefits.Employers will also be penalised if
they employ someone from abroad, who is not legally entitled to
work here.

But we believe that immigration controls and punishing people
whose only crime is that they are fleeing possible death torture or
imprisonment is not the answer to the many problems we face in
this country. Immigration controls don't protect housing, jobs, the
NHS or welfare benefits - but they do make us fight amongst
ourselves while the "Fat Cats" laugh all the way to the bank.

Yorkshire Water's head has made a fortune of not providing water
- Health Authority bosses pay each other all kinds of perks and
expenses - and when Cedric Brown "retired" from British Gas he
got a £250,000 pension. It is people like this who are the real
"spongers" and parasites and the real reason why we have low
wages, poor housing, a crumbling NHS and benefits disappearing
- not a few thousand asylum seekers and refugees as some
Conservative MP's and the media would have us believe.

We're all under attack and we all need to stand together to fight for
everybody's basic right to a roof over your head, clothes on your
back and food in your stomach; otherwise very soon we could
become like America which has never bothered with such luxuries
as a Welfare State, and where if you're poor you don't even have
access to something as basic as medical care because you can't
afford the medical insurance.

Also the government never gives us the FACTS about
immigration, such as between 1988 and 1992 more people came to
this country from Australia, New Zealand, and South Africa than
from the rest of Africa, the Indian Sub-Continent and the
Caribbean, or that more people left this country in 1993 than came
to live here. But this would mean the govemment telling us the
truth - and as we all know this has never been one of their
priorities.

We therefore invite any individuals or groups who are interested in
fighting the Asylum Bill to join the campaign. We hold regular
meetings and if you would like more inforrnation about us and our
activities then either phone 341-6412 or write to us c/o PO BOX
2474, London, N8 OHW.

HARRINGEY COMMUNITY ACTION
ISSUE 11
BOX 2474, LONDON N8

-----------------------------------------------------------

POUR UN MONDE SANS FRONTIERES

La Coalition de Harringey contre le projet de loi sur l'Asile est
constitue'e de gens du quartier qui s'oppose par tous les moyens
ne'cessaires au projet de loi du gouvernement sur l'Asile et l'Immigration
pre'vue pour devenir loi cette automne.
Cette loi mettra fin, pour tout demandeur d'asile apre`s qu'il soit entre'
dans le pays, au droit au logement, aux allocations familiales, aux
allocations de revenus et autres avantages sociaux. Les employeurs seront
aussi pe'nalise's s'ils emploient quelqu'un de l'e'tranger, qui ne serait
pas le'galement en droit de travailler ici.
Mais nous croyons que controler l'immigration et punir les gens dont le
seul crime est qu'ils fuient une possible torture à mort ou
l'emprisonnement n'est pas la re'ponse aux nombreux proble`mes auxquels
nous avons à faire face dans ce pays, des controles de l'immigration ne
garantissent pas des logements, des emplois, la se'curite' sociale ou les
allocations sociales, mais ils nous font combattre entre nous pendant que
les "grosses le'gumes" rigolent sur le chemin de la banque.
La direction de la compagnie des eaux du Yorkshire a fait sa fortune en ne
fournissant pas de l'eau, les patrons de l'Autorite' de la Sante' se payent
toutes sortes de frais et de de'penses, et quand Cedric Brown a quitte'
British Gas, il a obtenu une retraite de 250 000 livres. Ce sont les gens
comme c,a qui sont les braies sangsues, et les parasites et la ve'ritable
cause de nos bas salaires, de nos logements de mise`re, du de'labrement de
la Se'curite' sociale et des allocations qui disparaissent, pas quelques
milliers de demandeurs d'asile et de re'fugie's comme certains de'pute's
conservateurs et les me'dia voudraient nous le faire croire.
Nous sommes tous attaque's et nous avons tous besoin de re'agir ensemble
pour le droit fondamental de chacun d'avoir un toit sur sa tête, des
vêtements sur son dos et de la nourriture dans son estomac; sinon tre`s
bientot nous pourrions devenir comme en Ame'rique qui ne s'est jamais
embarrasse'e avec un luxe tel que l'Etat-providence, et où si vous êtes
pauvres vous n'avez même pas acce`s à quelque chose d'aussi fondamental que
les soins me'dicaux parce que vous ne pouvez vous offrir une assurance
maladie.
Le gouvernement ne nous a jamais donne' non plus les faits concernant
l'immigration, comme par exemple entre 1988 et 1992 davantage de gens sont
devenus dans ce pays de l'Australie, de la Nouvelle Ze'lande et d'Afrique
du Sud que du reste de l'Afrique, du sous-continent indien ou des Caraïbes,
ou que davantage de gens sont partis de ce pays en 1993 que de gens venus
vivre ici. Mais cela voudrait dire que le gouvernement nous dit la
ve'rite', et comme nous le savons tous cela n'a jamais e'te' l'une de leurs
priorite's.
C'est pourquoi nous invitons tous les individus ou groupes inte'resse's
pour combattre le projet de loi sur l'Asile de se joindre à cette campagneNous tenons des re'unions re'gulie`res et si voulez davantage d'information
sur nous et nos activite's vous pouvez te'le'phoner au 341 -6412 ou nous
e'crire à l'adresse suivante : PO BOX 2474, London N8, OHW

-----------------------------------------------------------

ALLARGAMENTO DELLA LOTTA

Le immagini della porta della chiesa di Saint-Bernard, abbattuta a colpi di
ascia dalle forze dell'ordine hanno fatto il giro del mondo. Simboli, a
detta del governo francese, della sua inflessibilita` di fronte al pericolo
pubblico numero uno, l'immigrazione! Questo "segnale forte", espressione
preferita di Chirac, Juppe', Debre' e compagnia, avrebbe dunque lo scopo
secondo loro, di scoraggiare gli eventuali candidati di viaggi verso la
Francia e di rassicurare una certa maggioranza di Francesi, sempre piu`
inclini a rifiutare gli stranieri.

La lotta dei sans-papiers assume quindi due dimensioni, peraltro
inscindibili: la politica dell'immigrazione in Francia e il rapporto
Nord-Sud.

Dal 1973 la Francia, in nome della "immigrazione zero" non ha smesso di
rinforzare i suoi dispositivi legislativi in materia di immigrazione. Le
scellerate leggi Pasqua del 1993, oltre al fatto di interdire la quasi
totalita` delle nuove popolazioni immigrate sul territorio nazionale, ha
come effetto diretto la creazione di nuovi clandestini.

La maggior parte degli occupanti di Saint-Bernard, come confermato dalle
diverse testimonianze proposte nel video "La ballade des sans papiers",
erano in possesso di un permesso di soggiorno gia` da prima
dell'applicazione delle leggi Pasqua.

La societa` francese, dagli anni '70 e ancor di piu` al giorno d'oggi, e`
costretta a confrontarsi con le trasformazioni del sistema capitalista
(globalizzazione e mondializzazione dell'economia, esordio e primato dei
concetti di produttivita` e di qualita` totale, ipertecnologizzazione degli
strumenti di produzione, ...) che si traducono soprattutto nella
precarizzazione e nella flessibilizzazione del lavoro, la cui espressione
piu` forte diventa la disoccupazione strutturale.

Di fronte all'angoscia di un avvenire incerto, la societa` francese,
certamente influenzata dai discorsi fascisti e razzisti di Le Pen ripresi
dalla quasi totalita` della classe politica, individua un capro espiatorio:
l'immigrato! Se il sistema di protezione sociale non funziona piu`, se la
disoccupazione cresce quotidianamente, se la violenza si espande, ... il
colpevole: l'immigrato!

Un certo pessimismo sulla natura umana e una lettura della storia, ci
ricordano la facilita` con cui lo straniero o il piu` debole sono sempre
stati colpevolizzati, e quando le due figure coincidono, come in questo
caso... Il consenso popolare e` talmente grande che durante la
manifestazione contro l'applicazione delle leggi Pasqua, nel 1993, ci siamo
ritrovati in meno di 10.000. I charter della vergogna che rimpatriano gli
immigrati diventano una banalita`. La caccia sistematica ai clandestini si
intensifica e cominciano a nascere pratiche delatorie verso le persone in
situazioni di irregolarita` (a scuola, negli ospedali, nei servizi
sociali,...).

In un panorama che ricorda sempre piu` i tempi oscuri della Francia di
Vichy, la questione dell'immigrazione si unisce all'efficacia della
repressione!!!

E' in questo contesto che nasce la lotta dei sans-papiers.

La prima grande forza di questo movimento sta nella sua composizione. Di
fatto, fermi nel loro proposito di non nascondersi piu` e al contrario di
rendere visibili le loro esistenze e le loro situazioni, 300 immigrati
irregolari decidono di occupare la chiesa di Saint-Ambroise.

Con questa azione, il discorso sull'immigrazione nella societa` francese va
lentamente modificandosi. Non sara` piu` soltanto una questione di cifre
sull'immigrazione clandestina ne' di misure repressive, bensì di scoprire
denunciare e modifiare le condizioni di vita di esseri umani, condizioni
inaccettabili, prodotti dell'applicazione di leggi razziste.

Così, nel corso dei mesi - questa lotta e` nata in marzo e prosegue
tutt'oggi - e con il succedersi di occupazioni e sgomberi, la questione dei
sans-papiers si impone all'interno della societa` francese rompendo il
consenso creato intorno alle leggi Pasqua. Preferiamo tacere a proposito
delle critiche strumentali e demagogiche provenienti dai partiti della
sinistra e soprattutto dal Partito Socialista - che durante i suoi mandati
si e` tanto adoperato per la chiusura delle frontiere, che ha preso
posizione sulla questione dei sans-papiers soltanto alla vigilia
dell'intervento poliziesco nella chiesa di Saint-Bernard e che,
attualmente, propone come soluzione al problema dell'immigrazione
l'introduzione di una quota annua di ingressi per paese - e dalle diverse
associazioni cosiddette antirazziste legate a questi stessi partiti.
Preferiamo riferirci alla societa` civile, anche se non sempre riusciamo a
comprendere bene il significato di questo termine, a quanti sono stati
presenti alle manifestazioni o davanti alla chiesa di Saint-Bernard, venuti
a portare il loro sostegno ai sans-papiers e a gridare il loro disgusto per
la Francia razzista governata da Chirac e Juppe'. Queste persone attraverso
la lotta dei sans- papiers si sono pronunciate in favore della
solidarieta`, del diritto di cittadinanza per tutti, contro la repressione
poliziesca e la chiusura delle frontiere.

L'altra conseguenza diretta di questo movimento e` la creazione in tutta la
Francia di collettivi di sans-papiers. Altri immigrati in situazione
irregolare hanno deciso di seguire l'esempio di quelli di Saint-Ambroise.
Attualmente sono migliaia i sans-papiers che si sono uniti per far valere
illoro diritto di esistenza nella societa` francese. Quasi tutte le
comunita` sono rappresentate e, per la prima volta nella storia delle lotte
degli immigrati in Francia, anche dei membri della comunita` cinese si sono
uniti al movimento (in un collettivo parigino di sans-papiers sono piu` di
300).

La volonta` di manifestarsi pubblicamente e` una novita` ed implica
l'obbligo di proseguire la lotta ad oltranza, vale a dire fino
all'ottenimento di un permesso di soggiorno, non per un atteggiamento
oltranzista, ma perche' non ci sono alternative. Una volta dichiarata
pubblicamente la propria situazione "irregolare", i sans-papiers si
espongono al rischio di espulsione; alcuni del gruppo di Saint-Ambroise e
di Saint-Bernard sono gia` stati rispediti manu militari ai loro paesi di
origine.

Un'altra caratteristica di questo movimento sta nella sua unita`.

Nei primi mesi di lotta, il governo francese ha tentato di dividere il
movimento concedendo, ad esempio, il permesso di soggiorno a qualcuno e
cercando di trattare il problema in maniera individuale. La risposta dei
sans-papiers e` sempre stata e resta la seguente: "Abbiamo intrapreso
questa lotta insieme, quindi dobbiamo essere tutti regolarizzati o tutti
espulsi", "Quello dei sans-papiers non e` un problema individuale ma
scaturito da un problema legislativo e quindi collettivo". Questa esemplare
solidarieta` ha permesso al movimento di allargarsi e di assumere
un'identita` forte che ha impedito di inquadrare questa situazione sotto
l'angolazione umanitario-caritativa, conferendole un proprio terreno
politico rapportato
al dibattito sul diritto di cittadinanza e la libera circolazione degli
uomini e delle donne.

La questione della libera circolazione degli uomini e delle donne, alla
quale aggiungiamo quella delle idee, e` uno dei problemi cruciali di questo
fine millennio. Di fatto la situazione francese dell'immigrazione, malgrado
le sue particolarita` - la Francia e` stata uno dei piu` grandi paesi
colonizzatori e possiede, in materia di politica sull'immigrazione, una

[1\2]