(it) manif. Parigi 30 nov.

Hobo (hobo@iol.it)
Tue, 26 Nov 1996 09:38:28 +0100


SANS PAPIERS MANIFESTAZIONE E ASSEMBLEA INTERNAZIONALE A PARIGI
30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 1996

P R O G R A M M A

SABATO 30 NOVEMBRE
12.00
Appuntamento per tutti al Centro Internazionale di Cultura Popolare (CICP):
21 ter, rue Voltaire, 75011 Paris. Me'tro "rue des Boulets-rue de Montreuil"=
.
13.00
Appuntamento Place de la Re'publique (Me'tro "Re'publique") per la
manifestazione
14.00
Partenza della manifestazione alle 14, piazza Re'publique.
20.30
Cena a lume di candela, Rue Voltaire.
Organizzazione del pernottamento.

DOMENICA 1 DICEMBRE
10.30
Assemblea Generale con presentazione dei gruppi e dei contributi,
presentazione e
formazione di tre gruppi di lavoro (workshop).
12.30
Pranzo.
15.00-17.00
Gruppi di lavoro (workshop)
17.00-19.00
Relazioni dei gruppi di lavoro e prospettive.

W O R K S H O P S

1) INTEGRAZIONE, ASSIMILAZIONE, CITTADINANZA: QUALE ALTERNATIVA?

Si tratta, a partire dalle esperienze dei diversi paesi europei, di
confrontare i diversi modelli applicati :

- modello francese dell'integrazione sulla base dei valori repubblicani;
- modello anglosassone basato sulle comunita';
- "diritto del sangue", in Germania, etc.

Quale "modello" di vita comune possiamo noi difendere ponendoci in rottura
col sistema capitalista ?
Come conciliare il diritto per ogni cultura di esercitare la propria
specificita' lottando, allo stesso
tempo, contro ogni forma di sfruttamento e di dominazione ?
Come rispondere alla questione dell'identita' e al ripiegamento comunitario
e nazionalista ?
Possiamo proporre un diritto di cittadinanza attiva che si ponga in
contraddizione con la visione della
sinistra umanitaria e dei democratici liberali ?

In questo gruppo di lavoro si fara' un particolare riferimento a :

- le lotte portate avanti negli ultimi dieci anni in Francia (la marcia per
l'uguaglianza del 1983, le
lotte del 1984, etc.)
- le lotte portate avanti nei Foyer [centri di accoglienza, alloggi
collettivi per i lavoratori africani,
magrebini, etc.] (caso del Foyer "Nouvelle France" a Montreuil)
- la negazione degli altri gruppi viventi in Francia (Baschi, Bretoni,
Occitani, etc.) imposta dalla
costruzione dello Stato francese.

2) RAPPORTI NORD/SUD : SVILUPPO SEPARATO ED APARTHEID SOCIALE

Tramite la lotta, uscendo dall'anonimato, i "sans papiers" hanno affermato
la loro volonta' di vivere la'
dove vogliono. In un mondo in cui le merci circolano piu' liberamente degli
uomini e delle donne, la
problematica che affrontiamo qui non riguarda solamente l'esistenza
dell'immigrazione in Francia ma
la realta' di una distribuzione ineguale delle ricchezze a livello
internazionale. I flussi migratori sono
creati dai rapporti ineguali tra le Nord e il Sud. In maniera piu' globale
tra i paesi occidentali e il resto
del mondo.

A partire degli anni 60, lo sviluppo e' stato il leitmotiv di tutte le
politiche condotte nei paesi del Terzo
Mondo. L'idea era quella che i paesi "poveri" avrebbero colmato la distanza
che li separa dai paesi
"ricchi" tramite un'industrializzazione e un modello di crescita calcati sui
modelli occidentali.

Lo sviluppo era allo stesso tempo la base della colonizzazione.
La mondializzazione economica ha come corollario lo sviluppo globale ?
Lo sviluppo separato fa parte di una concezione ideologica del rapporto tra
le societa', cioe' di una
gerarchizzazione delle culture e delle societa'.
L'apartheid sociale esiste non solo a livello internazionale ma anche nei
paesi occidentali? La lotta dei
sans papiers non e' l'espressione di questo apartheid che riguarda sia
l'immigrato che il lavoratore e il
precario?.

3) LOTTE DEI SANS PAPIERS E RESISTENZE EUROPEE CONTRO LE LEGGI
ANTI-IMMIGRAZIONE

Con la lotta dei sans papiers si assiste di nuovo ad una lotta globale
sull'Uguaglianza, alla
rivendicazione di poter vivere come tutti gli altri. Questa lotta si e'
evoluta durante questi otto mesi.

Quali sono state le tappe? Quali i legami con la popolazione? Quali
difficolta' sono state incontrate?
In che modo le lotte dei sans papiers escono del quadro di un movimento
isolato e si affermano
come un movimento sociale vero, capace di rimettere in causa le basi del
sistema capitalista?

Attraverso le leggi europee, si potra' verificare che c'e' l'urgente
necessita' di far nascere una
solidarieta' europea. Di fatto, sono le leggi sulla base degli accordi di
Schengen e di Dublino che
colpiscono al giorno di oggi le comunita' presenti sul suolo europeo.

Le quote di stranieri per paese e per settori di attivita' sembrano essere
una domanda degli capitalisti
europei.

Il capitalismo non ha mai avuto problemi per coordinarsi oltre le frontiere.
Lo scopo della borghesia
e' quello di dividere le diverse lotte (sans papiers, lavoratori, precari,
...) per controllare meglio ed
organizzare la repressione.

Come si puo' giungere ad un'unita' delle lotte di tutti gli sfruttati contro
il nemico comune e organizzarsi
a livello internazionale?

Saranno presenti per questo workshop una delegazione dei sans papiers di
S.Bernard, una
delegazione del "3=B0 Collettivo parigino di sans papiers", una delegazione
dei residenti del centro
d'accoglienza "Nouvelle France", membri del MIB (Movimento dell'Immigrazione
e delle Banlieues)
e quasi certamente membri dei collettivi di sans papiers (Nantes, Lille,
Nimes, ...).

INFORMAZIONI PRATICHE

Per il pernottamento, l'organizzazione dei pranzi, ..., i compagni stranieri
e di provincia sono
pregati di segnalare il numero di persone presenti.
Un volantino internationale e' stato proposto. Per essere fra i firmatari
bisogna mandare la
propria adesione ad uno dei diversi contatti.
Un dossier multilingue (se ce la facciamo!) sara' dato ai partecipanti: ogni
contributo e' gradito
(magari anche in diverse lingue...).
Diversi siti WWW contengono informazioni (in diverse lingue) sulla lotta dei
sans papiers:

Manifestazione europea a Parigi : http://www.ecn.org/sans

Site "Des papiers pour tous" : http://www.anet.fr/~aris/dppt.html

Site "Les Africains sans-papiers de St Ambroise" : http://bok.net/pajol/

-------------------------
collettivo infodiret(t)e
ECN - Padova
e-mail: hobo@ecn.org
http://www.ecn.org/pad/