(it)WOMEN'S DAY ON FOOD

Tactical Media Crew (tmcrew@corelli.nexus.it)
Thu, 14 Nov 96 20:10 EST


WOMEN'S DAY ON FOOD

Le donne di tutto il mondo stanno venendo a Roma durante i lavori del
WORLD FOOD SUMMIT, per ricordare ai rappresentanti del mondo, che il cibo e'
una delle
parti della lotta delle donne per liberare il mondo dalla fame e dalla
distruzione
corporativa. Non e' accetabile come donne che l'etica globale e la
responsabilita'
sociale, della sicurezza del cibo, sia lasciata in mano ai businness
agrari, e al mercato
del profitto.
Le donne del mondo, resistono e rifiutano di accettare il modo
pervertito che riduce
la neccessita' di cibo ad una comodita'.
Il cibo fa parte dei nostri sistemi culturali, ed e' oltraggioso vedere
come la
modificazione del cibo, ha rimpiazzato il suo valore, il quale attacca
il nostro rispetto
di vita e il diritto ad una qualita' della vita.
E' ora che parliamo di questo problema in maniera forte.
Le donne giocano un ruolo maggiore nella produzione del cibo: circa il
60% di tutto il
lavoro agricolo. Solo in Africa per esempio, l'80% del cibo
giornalmente richiesto, e'
prodotto dalle donne. Le donne in Asia e in America Latina, hanno un ruolo
altrettanto importante nella produzione del cibo, sia per le proprie
famiglie che per la
comunita'. Dall'altra parte le donne nei paesi industrializzati, sono
vittime come
consumatrici di un cibo "insano" e private delle opportunita' di
produrre il proprio
cibo, in quanto le piccole aziende familiari, sono state rimpiazzate
dal business di
grandi serre con trattamenti chimici.
Il patriarcato ha sistematicamente negato il ruolo di produttivita'
delle donne, e sin
dall'inizio dell'era della colonizzazione, ha distrutto le basi della
produzione del cibo.
La qualita' della vita e' stata distrutta con l'accrescimento della
capitalizzazione
dell'esistenza umana, e ora cxome conseguenza della "globalizzazione"
le donne sono
state costrette ad entrare nel mercato come compratrici

I capi del mondo, nel World Food Summit, andranno a decidere cira la
politica
globale del cibo per ridurre la fame e la malnutrizione, e ancora ci
sono molte poche
donne che rappresentano i governi ufficiali. E anche il contributo
sulla sicurezza
qualitativa e quantitativa della sicurezza del cibo, non e' discussa
nel WFS.

La nuova politica mondiale del cibo, formulata, ha preso il controllo
della produzione,
distribuzione e consumo del cibo, lontano dalle donne, dalle comunita'
locali e messe
nelle mani di industrie e multinazionali del cibo, i cui interessi sono
rappresentati dalla
Banca Mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale.

Nel Women's Day on Food, dobbiamo far conoscere al mondo che le donne e i
bambini non sono solo vittime della politica neo-liberista ma che
stanno praticando
forme di produzione, conservazione e distribuzione, alternative.
-----------------------------------------------------------------
Tactical Media Crew
http://www.nexus.it/tmcrew
e-mail: tmcrew@mail.nexus.it
-----------------------------------------------------------------