(it) Suicidio di un giovane algerino

counter@francenet.fr
Tue, 29 Oct 1996 10:03:50 +0100


>Date: Mon, 28 Oct 1996 14:36:38 +0100
>From: feedback <ecnts@freenet.hut.fi>
>To: cslist@ecn.org
>Subject: Suicidio di un giovane algerino
>Mime-Version: 1.0
>Sender: owner-cslist@ecn.org
>Reply-To: cslist@ecn.org
>
>Le espulsioni quotidiane da parte di polizia, carabinieri e finanza
>hanno fatto un'altra vittima. Un giovane algerino si =E8 lanciato nel
>vuoto dal treno che lo riportava in territorio sloveno. Di seguito
>l'articolo sull'accaduto dal quotidiano "Il Piccolo":
>
>ESPULSO, SI GETTA DAL TRENO
>"Era stato trattenuto dalla Polfer per tutta la mattinata. Poi =E8 stato
>accompagnato sul primo convoglio utile"
>
>Non voleva essere espulso dall'Italia. Non voleva percorrere a
>ritroso la stada che dall'Algeria lo aveva portato a Trieste. Il porto
>della speranza. Per questo un giovane immigrato di 24 anni, Mohamed
>Korrich, si =E8 gettato dal treno che lo riportava in territorio sloveno,
>il paese da cui era entrato in Italia.
>Ha aperto la porta dell'ultimo vagone e si =E8 lasciato andare. Il
>convoglio correva a 80 all'ora. L'immigrato =E8 morto sul colpo col cranio
>fracassato tra il pietrisco dei binari che da Opicina portano a Sesana.
>L'hanno trovato i poliziotti dopo aver raccolto l'allarme di un ufficiale
>della guardia di finanza che sporgendosi dal cavalcavia stradale di
>Fernetti aveva visto il corpo riverso sulla massicciata. Analogo
>allarme era arrivato dai ferrovieri sloveni. Erano da poco passate le 14.
>Mohamed Korrich era arrivato alla stazione di Villa Opicina alle 5.40 di
>ieri mattina col treno proveniente da Lubiana. In tasca qualche soldo, in
>mano una piccola borsa. I documenti non erano per=F2 in regola. E' stata
>decisa l'espulsione come impone la legge. Il giovane magrebino in attesa
>di un treno ritenuto idoneo =E8 stato trattenuto in una stanzetta
>dell'ufficio di polizia della stazione. Poco dopo le 13 il convoglio =E8
>entrato sotto la pensilina. Gli agenti lo hanno fatto salire, questa =E8 la
>regola. Per la piet=E0 non deve esserci posto, specie in un momento in
>cui tanti parlano di aerei "charter", forse civili, forse militari
>su cui caricare questa umanit=E0 dolente e "diversa". Neri, magrebini,
>prostitute nigeriane, trans brasiliani, bambini albanesi, venditrici
>di fiori bosniache, ragazzi curdi. I delinquenti hanno altre strade,
>altre vie, altre opportunit=E0, altre coperture, per entrare e far affari
>nel nostro Paese. Non arrivano con una piccola borsa e coi documenti non
>in regola. Loro sono a posto. Formalmente. Le navi dei dannati, gli aerei
>dei rimpatriati non li riguardano.
>Sulla linea ferroviaria che da Opicina porta a Sesana dopo la morte
>del giovane algerino, il traffico si =E8 bloccato. Adempimenti di legge,
>fotografie, ricognizioni del cadavere, ispezioni del medico legale,
>rapporti e perizie. E' stato avvisato anche il sostituto procuratore della
>Repubblica Alberto Santacatterina. Un magistrato che lavora in
>Pretura. Segno questo che gli investigatori non avevano alcun dubbio sulla
>dinamica dei fatti. Mohamed Korrich non voleva essere espulso e ha cercato
>di scendere dal treno in corsa a 80 chilometri all'ora. Pi=F9 tardi il
>corpo dell'immigrato =E8 stato composto all'obitorio dell'ospedale
>Maggiore. Da morto =E8 stato accolto nel nostro Paese.
>
>IL PICCOLO 28 ottobre '96
>
>---ECN TRIESTE---
>http://www.geocities.com/capitolhill/2990
>