(it) =?iso-8859-1?Q?solidariet=E0?= con il direttore della rivista

snd (snd@ecn.org)
Mon, 21 Oct 1996 13:08:25 +0200


da: CIPAL - Comitato Internazionalista per l'America Latina

Appello alla solidariet=E0 con il direttore della rivista "Punto final"
detenuto e processato dai tribunali militari cileni.

Tutti sappiamo che in Cile esiste un regime "democratico"; che a dire il
vero mi sembra una "demodura" o una "dictocracia"; che si =E8 lasciato alle
spalle gli anni bui della dittatura militare, durante i quali le violazioni
sistematiche dei diritti umani erano una costante.
Oggi il Cile =E8 una democrazia particolare, e ci=F2 =E8 dovuto al modo nel =
quale
il paese usc=EC dagli anni della dittatura. Fu un'uscita indolore, senza
"grandi traumi sociali", i militari potevano tornare tranquillamente nelle
caserme, non senza prima avere ingabbiato la nascente "democrazia" cilena
che faceva tutto il possibile per non disturbare il ritiro dei militari,
cos=EC, questa "democrazia" non diede risposte alle violazioni dei diritti
umani e non condann=F2 n=E8 process=F2 alcuno ufficiale o membro delle Forze
Armate cilene per tali delitti.
L'unico caso fu quello del generale Manuel Contreras, che durante la
dittatura fu il comandante della DINA e in seguito della CNI (polizia
segreta) e del generale Espinoza, condannato per l'assasinio di Orlando
Letelier (ministro degli Esteri e della Difesa del governo Allende) che fu
assassinato a Washington con la sua segretaria Rony Moffy (cittadina
nordamericana).
Questi furono gli unici ufficiali condannati rispettivamente a sette e sei
anni di carcere, condanne dovute alle pressioni del governo e della
giustizia degli Stati Uniti, in mancanza delle quali oggi potrebbero
circolare liberamente per il Cile nonostante fossero responsabili dei
crimini pi=F9 atroci perpetrati durante gli anni della dittatura.
Questa particolare "democrazia" =E8 basata sulle teorie neoliberiste pi=F9
ortodosse ed =E8 stata messa in pratica durante gli anni della dittatura
militare dai famosi Chicago-Boys.
Esistono, inoltre, grandi limiti alle libert=E0 e alle garanzie democratiche=
,
limiti dati dalle istituzioni create dalla dittatura e che ancora oggi
regolano le relazioni sociali di tutta la societ=E0 cilena: un parlamento
castrato dalla presenza di un terzo dei parlamentari nominati direttamente
da Pinochet e una banca centrale, direttamente dipendente dal Fondo
Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale, la quale non fa che
applicare in Cile le politiche di queste istituzioni di rapina mondiale.
Poche sono le voci democratiche o rivoluzionarie che si sollevano contro
questa situazione, prigioniera degli interessi delle Forze Armate e in
particolare di Pinochet (tuttore comandante in capo delle Forze Armate
Cilene), e che naturalmente soffrono la repressione da parte delle
"istituzioni democratiche".
A tuttoggi nelle carceri cilene ci sono 180 prigionieri politici, tutti
condannati nel periodo della "democrazia", e appartenenti a gruppi e
organizzazioni politico-militari que non hanno accettato il tipo di processo
"democratico" messo in atto nel Cile.
Al di l=E0 dei prigionieri incarcerati per la loro pratica rivoluzionaria, c=
i
sono persone che hanno osato levare la voce contro gli abusi e soprusi di
alcuni militari e dello stesso Pinochet, sono detenuti processati da
tribunali militari e condannati a diversi anni di carcere, come il caso del
direttore del quotidiano "El Siglo", organo ufficiale del Partito
Comunista, incarcerato due anni fa.
Oggi =E8 stato arrestato Manuel Cabieses, direttore della rivista "Punto
=46inal", sara=E0 processato da un tribunale militare per offesa e=
vilipendio al
comandante in capo delle Forze Armate (cio=E8 il generale Pinochet) a causa
della copertina della rivista da lui diretta, dove appare una foto
dell'ex-dittatore che si soffia il naso nella bandiera cilena.

=46acciamo, pertanto, un appello alla solidariet=E0 con Manuel Cabieses e=
con la
rivista Punto Final e vi invitiamo a inviare telegrammi e lettere di
solidariet=E0 alla rivista e proteste alla Corte Suprema di Giustizia
manifestando la vostra indignazione per questo sopruso nei confronti della
libert=E0 della giustizia e della democrazia.

Gli indirizzi sono i seguenti:

Rivista:

Punto Final
San Diego 31
Santiago
Chile

oppure:

Punto Final
Casilla 13.954
Santiago 21
Chile

Corte suprema de Justicia
Plaza Montt-Varas
Santiago
Chile

-----------------------------------------------
European Counter Network - Milano
-----------------------------------------------