(it) arresti di anarchici in italia (eng)

luc pac (lucpac@freenet.hut.fi)
Tue, 17 Sep 1996 22:20:11 +0200


La mattina del 17 settembre 1996 circa 300 uomini dei reparti speciali
dei carabinieri di Roma hanno effettuato perquisizioni e arresti a
carico di anarchici in tutta Italia.

L'operazione repressiva fa parte della montatura orchestrata dal giudice
romano Antonio Marini e dai pm Ionta e Vigna, tendente a provare
l'esistenza di una fantomatica organizzazione paramilitare anarchica
eversiva. La prima ondata di perquisizioni risale al febbraio 95, ma non
sono mai state trovate ne' armi, ne' denaro, ne' covi, ne' documenti
relativi alla 'banda', che infatti tuttora manca ancora di un nome.

Le azioni di martedi 17 settembre sono state condotte da carabinieri dei
ROS incappucciati e con le armi in pugno, i risultati sono pesantissimi:
decine di avvisi di garanzia e ben 29 mandati di cattura. Alcuni degli
accusati sono stati arrestati e immediatamente condotti nel carcere di
Rebibbia a disposizione del giudice Marini, altri sono al momento
latitanti. Non si conoscono ancora esattamente il numero e l'identita'
degli arrestati, che comunque non possono vedere nessuno e non possono
parlare nemmeno con i propri avvocati.

Le accuse sono gravissime e vanno dall'associazione eversiva alle
rapine, ricettazione di armi e omicidi. In pratica si vuole accusare il
movimento anarchico di tutti i delitti irrisolti degli ultimi anni,
senza che siano mai emerse prove al riguardo. Particolarmente indicativa
del clima persecutorio in atto e' una affermazione del giudice Marini:
"Prima di andare in pensione arrestero' una banda di terroristi".

Molto preoccupante e' anche il comunicato stampa dei carabinieri, in cui
si parla di una inesistente organizzazione eversiva strutturata su 'due
livelli': un livello interno palesemente nascosto e illegale, protetto
da un 'secondo livello' piu' visibile, ideale per "mimetizzarsi nel
tessuto sociale ed interagire con altre cellule eversive con pericolosi
sodalizi criminali". E' evidente che con questo 'secondo livello' si
intendono colpire tutte quelle situazioni di socialita' e solidarieta'
diffusa (come El Paso di Torino o altri posti occupati in tutta Italia)
che hanno fornito e continuano a fornire appoggio a tutti coloro che non
si sottomettono agli apparati repressivi dello Stato. Il teorema del
'secondo livello' e' il meccanismo attraverso il quale potrebbe essere
attuato, nel prossimo futuro, un attacco violentissimo contro moltissime
situazioni di movimento.

Sono attese maggiori notizie e nuovi comunicati nei prossimi giorni.

---
Key fngrprnt (since 1993) =  52 DB 96 92 FA 1D CE 71  0D 63 96 E5 9A 9B 07 0A
http://www.geocities.com/Hollywood/3879