Coglioni in vista!

Luther Blissett (nav0243@comune.bologna.it)
Wed, 6 Mar 1996 13:15:12 +0300


*****diffondere con ogni mezzo necessario*****

FATWAH!

COMUNICATO DI LUTHER BLISSETT
CONTRO IL LIBRO DI "LUTHER BLISSETT"
NETGENERATION (OSCAR MONDADORI)
Mercoledi' 6 marzo 1996

Sta per essere spacciato nelle librerie di tutta Italia Netgeneration,
libercolo firmato col nome multiplo "Luther Blissett" ma in realta' opera di
tal Giuseppe Genna, alias Scaligero@planet.it, alias "il poeta freddo" e via
cazzeggiando. L'operazione consiste nella risciacquatura e nella
banalizzazione sistematica di alcuni aspetti - a mio parere i meno
interessanti - del cosiddetto Luther Blissett Project.
Oltreche' per la pochezza dei contenuti, Netgeneration (libro tedioso e
imbecille finanche nel titolo) e' esecrabile per lo squallido tentativo di
mettere sotto copyright la firma "Luther Blissett", che e' invece libera,
fluttuante, adottabile e adattabile da chiunque (proprio da CHIUNQUE, quindi
anche da Genna, ma senza copyright!).
Genna, di cui si sa solo che e' "un venticinquenne che ha scoperto Internet"
(!), ha cercato di trasformare il Luther Blissett Project in una barzelletta
cyber-generazionale: ma il nome multiplo non e' solo roba da "gggiovani", e'
usato anche da sessantenni, e per la maggior parte da persone a cui non frega
niente di I******t.
Negli articoli che giornali e riviste dedicano a Luther Blissett ricorrono
gli aggettivi "telematico", "informatico", "elettronico" etc. etc. Compare
spessissimo anche la solita parola di 8 lettere che comincia per "I" e
finisce per "T". Bene, si tratta di idiozie pleonastiche. Chi s'e' mai
definito "telefonico", "alfabetico" o "tipografico"? Chiariamoci: Luther non
disprezza il sensazionalismo sulla tecnologia e sulla comunicazione, anzi,
finora ne ha avuto bisogno per creare diversivi e cortine fumogene: mentre
tutti si genuflettevano davanti all'altare del Tempo Reale, le informazioni
piu' utili viaggiavano su quelli che Hakim Bey definisce "Intimate Media".
Ed e' ancora cosi': il sottobosco delle fanzines e' tuttora moooolto piu'
interessante di World Wide Web; la rete postale rimarra' ancora per molto
tempo piu' estesa e ramificata di Internet - in Uganda non c'e' praticamente
nessun netwanker ("segaiolo-in-rete"), ma ci sono diversi mail-artisti -;
inoltre, e' inestimabile l'importanza di quelle BBS off-Internet che non
censurano e consentono l'anonimato (es. le reti Cybernet ed ECN).
Un esempio: The House of 7x9 Squares di Berlino, uno dei siti piu'
interessanti tra quelli dedicati ai rapporti tra "Avanguardia" e
"controculture" (nomi multipli, "guerra psichica", estetica del complotto...)
e' in pieno smantellamento: Monty Cantsin/Luther Blissett, fondatore e
webmaster del sito, si e' reso conto di quanto dispersivo e tedioso fosse
quest'ultimo, ed ha deciso di eliminare un link al giorno fino al completo
azzeramento, previsto per il 24/3/96. Il suo "Proclama di autodistruzione"
contiene la frase: "While everyone is trying to get on the Internet, I'm
doing my best to get off!" (Mentre tutti cercano di entrare in Internet, io
faccio del mio meglio per uscirne!) [Potete contemplare le macerie della
House al seguente URL: http://fub46.zedat.fu-berlin.de/~cantsin/ ]
Insomma, nel cyberspazio tutto e' troppo visibile e (pre)vedibile: ci sono
troppi Lumi! Luther Blissett usa I******t, ma ha anche bisogno di coni
d'ombra, di strade lunghe e accidentate, di dicerie che cuociano la cultura
di massa a fuoco lento. Quindi non aspettatevi da Luther le solite banalita'
hi-tech: aspettatevele da Genna e da altri come lui; e poi, Luther non
intende assolutamente "abbandonare il corpo"... Diversamente da altre teste
d'uovo, Genna non ha atteso l'andropausa per teorizzare il "sex appeal
dell'inorganico".
Se il libro fosse almeno decente, consiglierei a tutti di fotocopiarlo e/o
scannerizzarlo, di depositarlo nelle BBS e reti amatoriali, di diffonderlo
nei centri sociali in edizioni pirata a prezzo di costo...Ma il libro e' solo
un cumulo di merda [*], e non vale tanta fatica.
Chi volesse leggere qualcosa di piu' interessante da/di Luther Blissett, puo'
trovare cio' che cerca in "Mind Invaders" (Ed. Castelvecchi, appena
ristampato), nella rivista trimestrale "Luther Blissett" (Ed. Grafton 9,
tel. 051/266320) e nell'antologia "Toto', Peppino e la guerra psichica" che
le neonate edizioni AAA di Udine/Viareggio (tel. 0584/963918) pubblicheranno
in aprile/maggio.

* Tra le altre cose, Genna fa l'apologia del giornalista antisemita
Maurizio Blondet e consiglia la lettura di "Cavalcare la tigre" di
Julius Evola. Sembra proprio un tentativo da parte della destra fascista di
inglobare Luther Blissett! Inoltre, Genna cita l'aborrito Guy Debord tra le
principali influenze di Luther, la cui pratica reale e' invece completamente
diversa da quella - banalmente iconoclastica, e percio' inconcludente - dei
situazionisti.

***********************************************

*MicrosMegma*, rivista che disvela l'IPOcalisse e stimola il nervo sciatico

Emergence della Wo/Men Gemeinwesen
Emergence della Un/Dressed Gemeinwesen