PER LA RIPRESA DEL DIBATTITO E DELL’INIZIATIVA POLITICA

Cyber Joker (fam0393@comune.bologna.it)
Sun, 3 Mar 1996 11:25:44 +0100


PER LA RIPRESA DEL DIBATTITO E DELL=92INIZIATIVA POLITICA=20

1. Ci=F2 che stiamo verificando in questo paese - attacchi=20
alle condizioni di milioni di lavoratori, disoccupati, pre
cari, donne studenti, immigrati (flessibilizzazione del la
voro, licenziamenti, tagli alle pensioni e ai servizi, re
stringimenti degli spazi sociali, razzismo), dovrebbe in
durre tutte le compagne e i compagni ad una seria e col
lettiva riflessione sia sulla realt=E0 storica in cui viviamo,=20
sia intorno alle risorse che ognuno pu=F2 offrire per co
struire una decisa opposizione sociale e politica. La si
tuazione attuale =E8 caratterizzata dalla mondializzazione=20
dei sistemi finanziari e dei processi produttivi, dal liberi
smo, dalla crisi dello stato-nazione.Lo stato nazionale ha=20
da tempo perduto una serie di funzioni che lo individua
vano come la riconoscibile controparte nel conflitto socia
le. Lescelte economiche e politiche che contano sono=20
prese altrove, nelle sedi internazionali, qualiil F.M.I. e la=20
Banca mondiale, Maastricht, dunque il conflitto sociale=20
dovendosi attrezzare ha lanecessit=E0 di ampliare la schiera=20
della propria controparte, includendovi oltre che lo stato,=20
anche queste sedi che si sono citate. D=92altro canto, negli=20
ultimi anni l=92autonomizzazione degli apparati finanziari=20
si =E8 pressoch=E8 completata,ci=F2 significa che la specula
zione e il predominio della borsa (la cosiddetta finanzia
rizzazione dell=92economia) costituiscono un ostacolo for
midabile per qualsiasi azione che minimamente voglia=20
equilibrare le grandi ingiustizie e diseguaglianze esistenti=20
nella distribuzione delle risorse prodotte a livello globale.=20
Le crisi che si manifestano, in particolare quelle del terzo=20
mondo, a partire da quella endemica del debito, ma anche=20
quelle sociali, relative alla povert=E0 che avanza, ai tagli=20
alle spese sociali, all=92assistenza, ecc., dipendono in una=20
certa misura dalla sfrenata liberalizzazione dei movi
menti di capitale. Anche il nuovo modo di produrre, il to
yotismo, presuppone un orizzonte che va al di l=E0 del ri
strettoambito nazionale. Anche qui il liberismo impone =20
liberalizzazione nel rapporto capitale-lavoro poich=E8 valo
rizzazione e profitti si danno a condizione della precariz
zazione totale della forza-lavoro. Ma l=92abbassamento del=20
costo della forza-lavoro =E8 un fenomeno di dimensioni=20
mondiali. Questi brevi accenni hanno lo scopo di convin
cere alla seguente riflessione: le forme e i contenuti=20
dell=92azione politica vanno modificati, ci=F2 perch=E8 il potere=20
cambia volto e si d=E0 sembianze internazionali, in unasi
tuazione di fatto in cui lo stato nazionale ne rappresenta=20
soltanto un segmento anche se importante.Vi sono parole=20
d=92ordine come la riduzione generalizzata dell=92orario di=20
lavoro, il salario sociale, i servizi sociali, ecc., che hanno=20
necessit=E0 di circolare in un contesto continentale e mon
diale, cos=EC come una lotta contro il liberismo non ha ri
sorse se non assume subito caratteristiche internazionali.=20
Insomma, le lotte per avere una possibilit=E0 di incisione=20
sulla realt=E0 esistente devono inserirsi in un orizzonte=20
molto pi=F9 ampio che nel passato. =20
2. Per ci=F2 che concerne la nostra situazione nazionale,=20
molti compagni hanno da un po' di mesidibattuto intorno=20
ai temi richiamati. Ne =E8 nata la proposta sintetizzata nella=20
lettera aperta al movimento "Per l=92autonomia possibile"=20
relativa alla costruzione di uno spazio nazionale di dibat
tito e di iniziativa politica. Le realt=E0 che hanno aderito a=20
questo appello hanno poi deciso di darsi un primo appun
tamento a Bologna il 23 e 24 marzo a Bologna. Si tratta=20
di un=92assemblea nazionalecostitutiva di tutte le realt=E0 an
tistituzionali e anticapitaliste, al di l=E0 delle passate espe
rienze e appartenenze, che proprio in questa caratteristica=20
di pluralit=E0, possano trovare le risorse e l=92intelligenza=20
sufficiente per ragionare e proporre percorsi antagonisti=20
di lotta sociale e politica.Percorsi, soggetti e conflitti so
ciali - dunque - per l=92autonomia di classe. Un=92assemblea=20
itinerante, da tenersi bimestralmente ogni volta in una=20
citt=E0 diversa, che sappia, dalla riflessione intorno alla=20
mondializzazione, al liberismo e alla precarizzazione del=20
lavoro e della vita, trovare i percorsi di lotta e i collega
menti internazionali adatti ad un rilancio contro lo stato=20
di cose presenti.3. Vorremmo far corrispondere ad uno=20
spazio nazionale di dibattito, anche uno spazio territo
riale, a Bologna, tra tutte le compagni e i compagni inte
ressati, che prenda un suo respiro e un suo ritmo adeguato=20
all=92esigenze specifiche. E=92 un invito che facciamo alle=20
realt=E0 consolidate di lavoro politico,ma anche alle com
pagne e ai compagni che singolarmente hanno interesse e=20
tensione a costruireinsiene su alcune tematiche una ri
flessione collettiva.Diversi compagni si sono confrontati=20
in queste ultime settimane sui seguenti temi che, se ce ne=20
saranno le condizioni, potranno essere ulteriormente di
battuti in una prima assemblea pubblica.
a) Liberismo e opposizione sociale e politica . Il discorso=20
si =E8 concentrato sull=92appello fatto recentemente=20
dall=92Esercito di Liberazione Zapatista contro il liberismo=20
che include un appuntamento internazionale per discutere=20
delle politiche neoliberiste nei vari Paesi, della funzione=20
di organismi come il F.M.I. e la Banca mondiale e dei=20
modi e dei tempi della costruzione continentale e=20
mondiale di un=92efficace opposizione popolare.Si tratta,=20
anche a Bologna, di dare il nostro specifico contributo di=20
dibattito e proposta, di utilizzare questa prima scadenza,=20
o, meglio, questo processo generale di circolazione delle=20
idee e delle lotte, che si inaugura in Messico, per passare=20
da una visione puramente di solidariet=E0 nei confronti=20
delle popolazioni in lotta, ad una pi=F9 chiara e coerente=20
visione internazionalista dei problemi, la quale=20
presuppone un collegamento stabile e non precario e con
tingente tra le forze anticapitalistiche sulpiano non solo=20
nazionale ma mondiale.
b) Gli scenari possibili dopo le elezioni di Aprile: semi
presidenzialismo o cancellierato? Quale rapporto tra ri
forme istituzionali e restringimento degli spazi del con
flitto sociale? Quale governo,quali misure ancora pi=F9 re
strittive per le classi popolari? Anche qui si tratta di un=20
impegno volto a valorizzare di nuovo la costruzione di=20
una reale partecipazione in questa citt=E0 di tutti coloroche=20
non intendono appiattirsi sulla politica ufficiale. Questa=20
citt=E0 ha perso da tempo la sua immagine di "vetrina"=20
della buona amministrazione, vengono alla luce aree di=20
povert=E0, di emarginazione,mentre si acuiscono il bisogno=20
di reddito, di spazi, di servizi. Una realt=E0 che va fatta=20
emergere in modo inequivocabile e che colpisce i seg
menti da sempre pi=F9 deboli: il mondo giovanile, gli stu
denti,la vasta area del precariato e della disoccupazione=20
diffusa...
c) Immigrazione a Bologna, discriminazione, razzismo.=20
Le lotte di qualche anno fa, che fecero emegere=20
l=92immigrato come soggetto politico, portatore di bisogni,=20
hanno esaurito la lorospinta propulsiva. Nel frattempo, lo=20
stato si =E8 dotato di altri strumenti di controllo, come=20
l=92ultimodecreto, rafforzando un clima che anche a Bolo
gna diventa sempre pi=F9 pesante nei quartieri neiconfronti=20
del "diverso", di chi appartiene ad un=92altra cultura, in=20
questo allineandosi a quel clima pi=F9 generale del paese in=20
cui si fa strada l=92idea che l=92immigrazione =E8 un problema=20
di ordine pubblico.Insieme agli immigrati, questo mondo=20
sommerso va fatto salire velocemente alla superficie, poi
ch=E8la battaglia delle minoranze diventa la battaglia di=20
tutte le minoranze esistenti nelle metropoli.Attiviamo=20
dunque un confronto, spendiamo in modo costruttivo le=20
intelligenze e le risorsepur ci sono. Facciamo lo sforzo di=20
abbandonare quanto nel passato pu=F2 aver diviso, per fare=20
leva sui fattori che richiamano l=92urgenza di modificare=20
comportamenti acquisiti e pratiche politiche. Quel che=20
conta oggi =E8 la comunicazione, ma anche la collaborazio
ne, un laboratorio collettivo.
L=92appuntamento settimanale rimane, per ora, il martedi=20
alle ore 21.
Il luogo rimane, per il momento, Via Avesella 5A.

23/24 marzo Assemblea nazionale su=20
"Autonomia Possibile" via Gorki sala 100 fiori
-------------------------------------------------------------------------
ECN Bologna (European Counter Network)=20
modem 051-520986 Controinformazione Antagonista
++++ stop the execution of Mumia Abu-Jamal ++++
e-mail fam0393@iperbole.bologna.it
http://www.geocities.com/Hollywood/2656
### B O Y C O T T S H E L L ### - remember Ken Saro Wiwa
-------------------------------------------------------------------------