Lettera aperta alle realta' dell'emilia romagna - ferrara e modena.

Cyber Joker (fam0393@comune.bologna.it)
Sun, 25 Feb 1996 00:30:57 +0100


LETTERA APERTA ALLE REALTA' DI MOVIMENTO DELL'EMILIA ROMAGNA.

Questa lettera e' il frutto della discussione redazionale tenuta a Modena
Domenica 18 febbraio 1996. Come alcuni di voi gia' sapranno, da qualche mese
e' in corso il tentativo di sviluppare una rete di collegamento tra diverse
realta' di lotta della regione. L'idea e' partita dal Centro Sociale
Dazdramir di Ferrara e, per ora, e' stata raccolta in modo continuativo dal
solo
Centro Sociale XXII Aprile di Modena.
Dopo alcune riunioni, abbiamo deciso che, per tentare di superare il metodo
poco attraente del semplice richiamo ad assemblee che, per quanto abbiano
argomenti accattivanti, spesso non sono frequentate, era necessario tentare
di operare in modo innovativo. Abbiamo cosi' deciso di dare vita ad una
pubblica- zione ,"Rozzemilia", che tendesse ad esprimere, con la
sua materialita', la possibilita' di confrontarsi tramite uno strumento
preciso, anziche' in una maniera indistinta e discontinua.
Nel giornale abbiamo messo alcune note, frutto della discussione collettiva
dei due centri, sugli assi che dovrebbero costituire l'orizzonte ideale
della rete di lotta a cui vogliamo dare vita.
Nell'ultimo incontro siamo partiti dall'analisi del giornale, per verificare
la funzionalita' di tale strumento rispetto alle nostre esperienze.

Come tutti potrete vedere i Modenesi hanno in piedi una campagna di lotta
contro il Treno ad Alta Velocita': l'assemblea di redazione e' stata utile
per chiarire assieme alle/i compagne/i di Ferrara i perche' di questa
campagna e per fare un bilancio di fase della campagna stessa.

Il confronto e' proseguito sul tema del carcere e da li' si e' ampliato il
dibattito sulla repressione piu' in generale. Il progetto sarebbe quello di
dare vita a momenti di riflessione piu' organica su questa tematica,
tentando un collegamento costante rispetto alle attivita' che si intendono
svolgere sui territori.

Il tema dell'internazionalismo si e' separato in due differenti filoni di
discussione: da una parte la questione della lotta contro il decreto
razzista anti-immigrati, con un accenno particolare alla manifestazione che
si terra' Sabato 24 febbraio a Ferrara e sulla discutibile posizione dei
riformisti in proposito; dall'altra si e' parlato della convocazione dal 27
Luglio al 3
Agosto del primo incontro intercontinentale contro il neoliberismo in
Chiapas ed e' passata la proposta di fomentare una lettura collettiva del
n.7 di EXTRA, settimanale del manifesto, nei rispettivi Centri Sociali su
questa tematica. Sempre sul Chiapas si e' discusso di un progetto a
sostegno dell'autorganiz- zazione delle realta' indigene, che alleghiamo ai
materiali
oggetto di discus- sione per il prossimo incontro.
Si e' anche accennato alla necessita' di affrontare tematiche quali: dal-
l'internazionalismo ai centri sociali, quale e' il ruolo dei centri sociali
stessi nella lotta di classe internazionale ...

Infine abbiamo trattato del problema dell'antiproibizionismo: li' e' nata
una proposta di discussione, per la verita' dai contorni alquanto generici,
sul tema del "piacere". Infatti si e' accennato ad una considerazione su
quello che attualmente e' considerato come "trasgressivo": e' emerso,
infatti, che l'individuo moderno tende ad essere annullato nella sua
possibilita' di esprimere qualunque tipo di soggettivita' originale durante
la normale settimana lavorati- va, ma guardacaso anche nei fine settimana
tende all'annullamento della sua sog- gettivita' tramite l'abuso di sostanze
stupefacenti quali alcool, allucinogeni, droghe, ecc. In realta' la
cosiddetta "trasgressione" di fine settimana si riduce alla ricerca attiva
di cio' che si
e' rimasti per tutto il resto del tempo: "sballati", "fuori", fuori della
possibilita' di essere protagonisti del proprio tempo di vita,
psicologicamente inattivi rispetto a cio' che ci circonda, esseri in fuga
dalla "realta'" percepita come minaccia anziche' come potenzialita', ecc.
Da qui l'esigenza di una riflessione sulla socialita' che noi proponiamo
all'interno dei nostri spazi
sociali.

Come tema al di fuori di quelli del giornale, ci siamo accordati sulla
importanza di trattare delle proposte di modificazione costituzionale in
senso presidenzialista, sollecitati dalla manifestazione che Rifondazione
ha proposto per il 24 di questo mese.

Dunque la decisione di realizzare questa lettera, e' il frutto del desiderio
di rivolgerci in modo efficace a coloro che intenderanno partecipare alla
prossima scadenza: infatti ci auguriamo di allargare la rete dei
partecipanti a questi incontri, perche', come sempre, la forza dei
proletari sta' nel loro agire solidale.
Chiediamo a tutti di intervenire, pero' raccomandiamo una certa
operativita': vorremmo convocare direttamente una assemblea di redazione
del prossimo numero del giornale. Pertanto invitiamo fin da ora tutti a
portare gia' al prossimo appuntamento un articolo da inserire nel nuovo
numero, che descriva o la storia e la realta' del gruppo stesso, oppure che
descriva la lotta o la campagna che tale gruppo sta portando avanti.
Il giornale infatti vuole essere uno strumento di circolazione delle lotte
ed il fatto che cio' possa avvenire dipende anche da voi!

Come data per il prossimo incontro proponiamo DOMENICA 10 MARZO ALLE ORE 16,00
IN PUNTO PRESSO IL C.S. DAZDRAMIR DI FERRARA - VIALE ALFONSO I D'ESTE, 13.

Saluti dalle compagne ed i compagni che stanno lavorando alla costruzione di
questa ipotesi collettiva.



L'ASSEMBLEA DI REDAZIONE DI
ROZZEMILIA.

-------------------------------------------------------------------------
ECN Bologna (European Counter Network)
modem 051-520986 Controinformazione Antagonista
++++ stop the execution of Mumia Abu-Jamal ++++
e-mail fam0393@iperbole.bologna.it
http://www.geocities.com/Hollywood/2656
### B O Y C O T T S H E L L ### - remember Ken Saro Wiwa
-------------------------------------------------------------------------