ECN Bologna ECN E-zine n.19 - gennaio '96

Cyber Joker (fam0393@comune.bologna.it)
Fri, 19 Jan 1996 01:03:07 +0100


ECN Bologna ECN E-zine n.19 - gennaio '96
----------------------------------------------------------------------------
E-zine ECN - notizie e documenti dal movimento antagonista italiano=20
e' possibile ricevere l'E-zine direttamente al proprio indirizzo di E-mail
facendone richiesta a Cyber Joker <fam0393@iperbole.bologna.it >
i numeri arretrati sono inoltre disponibili presso=20
http://www.geopages.com/Hollywood/1984/cs.html
----------------------------------------------------------------------------
1) NAPOLI sgombero csoa tien 'a' ment
2) PADOVA - Mozione dell'assemblea del 20-12-95 al CPO GRAMIGNA
3) NET - nuova pagina italiana
4) BOLOGNA: Stasera le fiaccole domani i cappucci i nove morti di Lubecca
sono il nostro futuro?
5) FIRENZE - Consulenza gratuita per gli immigrati al c.s.a. ex-emerson
6) ROMA - Ariokkupamose er porto fluviale=20

----------------------------------------------------------------------------
1) NAPOLI sgombero csoa tien 'a' ment
Date: Thu, 18 Jan 96 21:24:56 +0100 (CET)
X-Info: Mailed by Synapsis, Internet Provider in Naples, Italy

Sgomberato Csoa Tien'a'ment a Napoli, 4 compagni fermati ed uno con trauma
cranico in ospedale; attualmente c' =E8 un presidio al comando dei vigili
urbani, dove sono trattenuti i 4 compagni. Per ora =E8 tutto, diffondi e
aspetta news
Grazie

Subject: rettifica da Napoli
Date: Thu, 18 Jan 96 21:32:09 +0100 (CET)
I 4 compagni in stato di fermo sono stati arrestati, domattina saranno
processati per direttissima, blocchi stradali e scontri nei pressi del=
centro.

----------------------------------------------------------------------------
2) PADOVA - Mozione dell'assemblea del 20-12-95 al CPO GRAMIGNA

L'assemblea del 20-12-95 al CPO Gramigna sul tema del processo che vede 26
occupanti inquisiti, a cui hanno partecipato: coordinamento RSU di Padova,
Circolo Comunista Gastone Foco, Rifondazione Comunista, Comitato per il
diritto allo studio universitario, Collettivo studenti medi in lotta, CS
Stella Rossa di Bassano, alcuni abitanti del quartiere Paltana, alcuni
compagni di Che Fare e altri singoli compagni, ritiene questo un processo
politico promosso dall'ESU e coperto dall'aministrazione pidiessina di
questa citta' che mai ha voluto aprire il dialogo e che anzi ha sempre
cercato di rendere difficile la vita del CPO negando gli allacciamenti di
acqua, luce e gas.
Stanno inoltre tentando di far divenire l'esperienza del centro un problema
di ordine pubblico da affrontare con l'uso delle denunce e della polizia.
Questo titpo di repressione e' la stessa che colpisce il lavoratori del
Sulcis in lotta per la difesa del posto di lavoro caricati durante una
manifestazione a Roma, altri centri sociali (vedi Leoncavallo a Milano)
devastati dalle irruzioni della polizia e, in generale, tutti coloro che
lottano per difendersi dagli attacchi del governo e dei padroni. Il CPO
GRAMIGNA e' oggi colpito in questo modo perche' si e' sempre espresso
politicamente a fianco delle lotte dei lavoratori e dei proletari. Questo
lavoro si e' concretizzato: - con gli abitanti del quartiere Paltana
organizzando feste, teatro e altre iniziative per bambini e raccogliendo 300
firme per ottenere gli allacciamenti di acqua e luce;
- con gli abitanti delle case popolri che stanno lottando contro l'aumento
degli affitti;
- con i lavoratori del coordinamento RSU che gia' ci hanno portato la loro
solidarieta' contro il primo tentativo di sgombero del 12-7-95 e con i quali
ci siamo trovati assieme a lottare contro il taglio alle pensioni e contro i
provvedimenti della finanziaria;
- con tutti quelli che si stanno esprimendo contro l'invio delle truppe
italiane nella ex-Jugoslavia che, prosciugando le tasche dei lavoratori,
serve unicamente a fare gli interessi della borghesia imperialista;
- con i giovani, gli studenti, i proletari che hanno trovato nel CPO la
possibilita' di incontrarsi, organizzarsi e svolgere numerose iniziative
politiche e culturali come: assemblee, dibattiti, concerti, cene sociali e
altre attivita' sportive e culturali;
- con i disoccupati che si organizzano e lottano per raggiungere
l'obbiettivo di avere un posto di lavoro.

L'assemblea, ritenendo vittorioso il percorso svolto durante il primo
tentativo di sgombero, intende promuovere una raccolta firme contro il
processo e una manifestazione regionale a Padova per SABATO 20-1-96, in
quanto ritiene che solamente facendo divenire la repressione del CPO un
problema politico a Padova, sara' possibile vincere e continuare questa
esperienza.
L'assemblea ha deciso di riconvocarsi per giovedi' 18-1-96.

SOLIDARIETA' AI LAVORATORI DEL SULCIS
IN LOTTA CONTRO I LICENZIAMENTI

LE LOTTE NON SI PROCESSANO

L'assemblea del 20-12-95 al CPO GRAMIGNA

----------------------------------------------------------------------------
3) NET=20
Ciao tutti!

Abbiamo una nuova pagina italiana -
http://jefferson.village.virginia.edu/~spoons/aut_html/itaut.html
Saluti comunisti/libertari/autonomi/anarchici,

Steve (PM)
----------------------------------------------------------------------------
4) BOLOGNA

Stasera le fiaccole domani i cappucci=20
i nove morti di Lubecca sono il nostro futuro?

Le fiaccolate di oggi possono portare ai roghi di domani.

Lubecca, mercoledi' 17 gennaio 1995: un attentato fascista causa la morte di
9 immigrati, adulti e bambini.
Bologna, Venerdi 19 gennaio 1995: quartiere Navile alle ore 18 e 30 si
terra' una manifestazione razzista organizzata dalla destra storica, i
fascisti riciclati di alleanza nazionale e del fronte della gioventu'.=20

Fino ad oggi questi personaggi non avevano cittadinanza nei quartieri
popolari di Bologna. Oggi si presentano cavalcando una situazione di
oggettivo disagio vissuta quotidianamente dagli abitanti del quartiere
costretti a convivere con la violenza di piccoli spacciatori. Come gia' in
altre citta' il tentativo e' quello di accreditare una sorta di
giustizialismo forcaiolo come soluzione rapida alla questione immigrazione
ma la realta' dimostra che questo percorso non puo' che radicalizzare e far
degenerare una situazione indubbiamente molto difficile.=20
Gli interessi in gioco non sono pero' quelli dell'"ordine pubblico" e della
convivenza pacifica. I fascisti sul disagio, sulla "guerra tra poveri", ci
marciano, si qualificano, costituiscono comitati e ne traggono vantaggi
politici tali da portare anche i partiti della sinistra storica a scedere
sullo stesso piano. Nel nostro quartiere, in via Barbieri, l'immobiliare
Marzaduri affitta a caro prezzo le cantine invivibili agli immigrati
determinandone una concentrazione artificiosa e tenendo contemporaneamente i
commercianti per il collo con canoni spropositati. Probabilmente l'intento
e' quello di indurre la svalutazione dell'area per poter speculare in
previsione della prossima ristrutturazione della zona (mercato=
ortofrutticolo).

Ma questo i fascisti non lo dicono.
Raccolgono firme e alimentano il malcontento, mentre la loro teoria parla di
difesa della cultura bianca occidentale, di orgoglio nazionalista: nelle
sedi romane di AN hanno trovato ospitalita' i camerati fuorilegge del
neonazista Movimento Politico che oggi inneggia al boia ex ufficiale SS=
Priebke.

Comitato antirazzista antifascista Bolognina
----------------------------------------------------------------------------
5) FIRENZE - Consulenza gratuita per gli immigrati al c.s.a. ex-emerson

A seguito delle normative contenute nel decreto anti-immigrati emanato dal
governo italiano in novembre, acclamato dalla destra fascista di Fini e
Bossi e approvato senza rimorso dal centrosinistra, circa 500.000
lavoratrici e lavoratori stranieri si vedono costretti a vivere sulla
propria pelle una situazione drammatica da apartheid. Non solo questo
famigerato decreto introduce la "presunta colpevolezza" dell=92immigrato
prevedendo l=92immediata espulsione per chi commette certi reati (=E8
incostituzionale non processare il reo nel paese in cui il reato =E8
commesso), ma riconosce due "categorie" di stranieri: quelli che hanno un
lavoro regolare (e sappiamo quanto sia difficile oggi trovare un lavoro che
non sia a nero) e quelli che non=20
lo hanno. solo i primi possono restare previa regolarizzazione del permesso
di soggiorno. Questo assurdo principio divenuto decreto =E8 stato preceduto=
da
un clima razzista fomentato dalle destre con raccolte firme e marce
anti-rom, clima di intimidazione che ha raccolto l=92odio di piccoli=
borghesi
e bottegai manovrati da chi cavalca la tigre del disagio e malcontento
sociale. Contro queste mistificazioni, contro queste forme di odio e
violenza i CSA, i lavoratori autorganizzati, gli studenti, il movimento di
lotta per la casa sono intervenuti questo autunno a Firenze, con
manifestazioni e assemblee per fare chiarezza, per dire NO al
razzismo.Ancora una volta vogliamo dire la nostra scoprendo il gioco di chi
vuol mettere i lavoratori=20
italiani contro quelli stranieri, che vuol far pagare come al solito ai pi=
=F9
deboli gli errori di una classe politica corrotta.Questo decreto altro non =
=E8
che un falso traguardo che tende a sopire gli animi di chi vede
nell=92immigrato la causa del proprio malessere, distogliendo in realt=E0
l=92attenzione dai veri problemi del nostro paese, non ultimo l=92infame=
manovra
finanziaria appena approvata.
DA LUNED=CC 8 GENNAIO FINO A MARTED=CC=92 16 DALLE 17 ALLE 19 E DALLE 21=
ALLE 23 IL=20
CSA EX-EMERSON ORGANIZZA UNA CONSULENZA GRATUITA PER TUTTI GLI IMMIGRATI SUL
DECRETO.SUCCESSIVAMENTE LA STESSA CONSULENZA AVVERR=C0=92 NEI GIORNI=
MERCOLED=CC=92
VENERD=CC=92 E SABATO DALLE 17 IN POI.INVITIAMO INOLTRE A=20
PARTECIPARE IL 3 FEBBRAIO ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO IL=20
RAZZISMO A ROMA.PER INFORMAZIONI ED ADESIONI:C.S.A. EX-EMERSON VIA N. DA=20
TOLENTINO 19 TEL 411634 AUTOBUS 14 B-CCENTRO DI COMUNICAZIONE=20
ANTAGONISTA VIA DI MEZZO 46 TEL 241881 FAX

----------------------------------------------------------------------------
6) ROMA - ARIOKKUPAMOSE ER PORTO FLUVIALE=20

Questa sera nello stabile del ex capitaneria di porto ovvero=20
nella prima Pirateria, e stato fatto un ILLEGAL DANCE HALL!!

-- I BISOGNI SONO DIRITTI! --

Alla fine dell'aprile 1993 fu occupata l'ex capitaneria di porto in via del
Porto fluviale , a Testaccio, di proprieta' della marina militare.
L'intenzione che ci animo'fu quella di restituire alla collettivita', per
un uso sociale uno spazio che da anni era abbandonato al degrado e allo
spaccio d'eroina. La nostra esperienza duro' 4 mesi durante i quali
organizzammo iniziative culturali (concerti, teatro etc.) aperte a tutti/e e
lotte contro il fascismo, il sessismo l'eroina, per la solidarieta' e
l'autogestione. Il centro sociale fu vittima di ripetute aggressioni da
parte di fascisti (coperti dalle forze dell'"ordine") che vedevano come
fumo negli occhi la nostra esistenza sul territorio. Fatto sta che ad
agosto polizia, digos, marina militare misero fine=20
all'esperienza del centro sociale con uno sgombero violento e denunce per
reato d'occupazione. Motivo ufficiale dell'azione di polizia: ordine
pubblico. Individuamo le responsabilita' dello sgombero oltre che nelle
guardie, nel demanio militare e nei fascisti anche nel comune dell'allora
commissario voci che da tempo avrebbe dovuto acquistare lo stabile, cosa
che non fece mai. 4 mesi dopo rilanciamo la sfida alla speculazione
occupando lo stabile dell'immobiliare pisana 92, a porta portese con
l'intenzione di ostacolare progetti di ristrutturazioneselvaggia del
quartierte a scopo di profitto e a scapito di luoghi di=20
aggregazione e socialita' non mercificata. Dopo 10 mesi ancora uno sgombero
di polizia legittimitato dal "progressista" Rutelli, ha messo fine a questa
seconda occupazione. Al posto del c.s. doveva nascere un automercato.
Attualmente abbiamo occupato un locale ai mercati generali, dove gia' c'e'
stato un tentativo di sgombero ordinato dal sindaco sgomberino Rutelli
questa volta respinto dalla resistenza dei/elle compagni/e. Lex capitaneria
di porto e' nuovamente degradata a spaccio d'eroina e lo stabile della
pisana92 barricato (con automobili dentro) e inutilizzato. Dopo che questi
posti hanno ospitato=20
importanti e proficue esperienze di lotta e cultura antagonista sono
nuovamente abbandonate a degrado e speculazione. Siamo sempre piu' convinti
che l'utilizzo dei due edifici deve essere SOCIALE e COLLETTIVA! allo stesso
tempo siamo convinti che questa amministrazione comunale che svende il
nostro patrimonio immobiliare, che reprime con la polizia le lotte per la
casa, per il lavoro, per i diritti rappresenti una contro parte in questa
battaglia.

RIPRENDIAMOCI QUELLO CHE E' NOSTRO!
C.S.O.A. PIRATERIA

-------------------------------------------------------------------------
ECN Bologna (European Counter Network)=20
modem 051-520986 Controinformazione Antagonista
++++ stop the execution of Mumia Abu-Jamal ++++
e-mail fam0393@iperbole.bologna.it
http://www.geopages.com/Hollywood/1984/cs.html
http://www.geocities.com/Hollywood/2656
### B O Y C O T T S H E L L ### - remember Ken Saro Wiwa
-------------------------------------------------------------------------