A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #287 - Grandi progetti inutili: la resistenza come unica risposta (en, fr, pt (ca)[traduzione automatica]

Date Sun, 4 Nov 2018 06:40:03 +0200


La resistenza al GPII (grandi progetti inutili e imposti) costituisce oggi il cuore delle lotte ecologiche. L'intensificazione della repressione, come la criminalizzazione della resistenza organizzata, sono segni che gli Stati stanno facendo di tutto per salvare l'economia produttivista al servizio della classe capitalista. ---- Il ritorno è ricco di attacchi contro i manifestanti di progetti inutili e imposti: espulsioni, estradizioni, procedimenti giudiziari ... nulla è risparmiato dai governi, in nome di questa " ragione di Stato ". ---- Le notizie sono collegate mentre scriviamo questo articolo. In particolare, abbiamo appreso della morte del 19 settembre 2018 di un giornalista, Steffen. Sembra che sia caduto da un ponte tra due alberi nella foresta di Hambach.

Pour mémoire, rappelons que la mine d'Hambach en Allemagne est une mine de charbon à ciel ouvert (85 km2 de superficie, des trous allant jusqu'à 350 m de profondeur): c'est la mine la plus importante d'Europe. Depuis 2012, une centaine d'activistes occupaient les derniers bouts de forêt primaire qui n'étaient pas encore détruits, construisant des cabanes dans les arbres et vivant dedans.

Cette mauvaise nouvelle ne doit pas rendre invisible l'attaque globale qui est en cours. Elle nous rappelle par contre que la violence d'État est permanente.

Le 10 septembre, la préfecture du Bas-Rhin a fait expulser la ZAD du moulin à Kolbsheim - près de Strasbourg - qui participe à la lutte contre un contournement autoroutier. Et c'est le 13 septembre que la police allemande a commencé expulser les opposant.es au projet de mine à Hambach. Les effectifs policiers sont énormes, 500 à Kolbsheim pour une mobilisation citoyenniste et 3 500 à Hambach pour «évacuer» la centaine de militantes et militants qui y vivent depuis des années.

Évacuation des cabanes dans les arbres à Hambach par la police allemande
L'expulsion des occupant.es anti-éolien industriel d'Aveyron est, quand à elle, prévue pour cet automne. Cette tactique du rouleau compresseur - qui vient encore une fois de tuer - se déroule à la suite de multiples petites procédures comme des gardes à vues, des contrôles ciblés et autres procédures judiciaires, dont le but était ­l'usure des contestations avant le grand nettoyage.

Internationalisme de rigueur
Oltre a questi due sfratti, vengono aggiunte le procedure di evacuazione, confisca e intimidazione degli attivisti contro la discarica di Bure per tutto quest'anno. L'ultimo evento a Bure è stata l'estradizione di Loïc in Germania, un attivista molto impegnato. Ha 7 prove sulla schiena, 3 delle quali considera abusive. La sua espulsione dal territorio riecheggia la volontà dello Stato di organizzare un dibattito a livello nazionale poiché gli abitanti locali sono decisamente contrari al progetto.

Nucleare francese, carbone tedesco, vento industriale in entrambi i casi ... le lobby dell'energia danno voce a questo duo europeo e la loro pedagogia è sorprendente. Di fronte all'anticapitalismo rurale " nei territori E le lotte dell'ecologista urbano non possono facilmente coordinarsi con gli sviluppatori e gli ingegneri nelle campagne e con i tecnocrati nei loro uffici cittadini. Solo combattendo su argomenti comuni riusciremo a costruire argomenti e linee di lotta adatte a tutti. A questa necessaria convergenza, dobbiamo aggiungere una dimensione internazionale ... poiché la repressione contro le lotte ecologiche non ha confini. Una protesta energetica urbana capace anche di portare la voce della campagna nella metropoli e raddoppiata da un fronte internazionale, è una necessità per sviluppare le lotte ecologiche.

Reinette reinette (AL Aveyron)

http://www.alternativelibertaire.org/?Grands-projets-inutiles-La-resistance-comme-seule-reponse
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center