A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) FAI, Tierra y Libertad #259 - Sesso e così sia (ca) [traduzione automatica]

Date Tue, 10 Jul 2018 09:31:13 +0300


Durante il recente viaggio in Cile, il papa Francisco, interrogato dai giornalisti circa i casi di pedofilia raggiungere la cupola della Chiesa cilena, ha voluto minimizzare l'accuse, indignazione e proteste alleandosi duras- -molto gran parte l'opposizione. Ricordiamo gli assalti alle sedi episcopali e alle cattedrali. Ora, dopo i materiali raccolti dal suo inviato Charles Scicluna (ricerca essenziale dopo le bugie della gerarchia della Chiesa cilena erano insostenibili), Bergoglio ha dovuto cambiare il suo atteggiamento. ---- Scicluna ha raccolto non meno di sessantaquattro testimonianze tra New York e Santiago del Cile, costruendo un record di duemilatrecento pagine depositate in Vaticano il 20 marzo. In verità, la Chiesa cilena va male, sottovaluta sempre le accuse e si rifiuta di ascoltare chi le ha fatte. Il Papa non ne ha avuto un altro per tornare indietro e scrivere una lettera ai vescovi cileni, resa pubblica più tardi, in cui afferma:
"Per quanto mi riguarda, riconosco e quindi voglio che tu lo trasmetta fedelmente, che ho commesso gravi errori di valutazione e percezione della situazione, soprattutto a causa della mancanza di informazioni veritiere ed equilibrate. E ora mi scuso con tutti quelli che vi ho offeso, e spero di poter fare personalmente nelle prossime settimane terrò gli incontri con i rappresentanti del popolo che hanno testimoniato ".
Al centro degli aspri eventi c'è, tra gli altri, il vescovo Juan Barros, collaboratore di Fernando Karadima; quest'ultimo, serie predatore di piccoli, ha a lungo goduto la copertura degli esponenti della gerarchia ecclesiastica, mentre il suo protettore Barros ha sempre negato di essere a conoscenza degli atti commessi da suo collaboratore, e Papa Francesco I ha creduto e difeso.
Ora il Papa ringrazia i media per il suo lavoro, così come tutti i protagonisti per aver evitato di trasformare la ricerca di Scicluna in un "circo mediatico". E nella lettera aggiunge: "Ora, dopo una lettura meditativa degli atti di questa 'missione speciale', penso di poter dire che tutte le testimonianze raccolte parlano crudamente e senza equivoci di molte vite crocifissi, e io confesso che io Provoca dolore e vergogna ".
Al di là delle parole e del possibile dolore, resta il fatto che la Chiesa è intrappolata nelle sue contraddizioni e sarà difficile uscire da quell'impasse.
La pedofilia continua a tormentare il San Pedro Throne più di un'altra minaccia, e in Vaticano non sanno cosa inventare per recuperare credibilità e coprire le fessure. In questo senso, il 6 maggio, in occasione della XXII Giornata dedicata ai bambini vittime della pedofilia, il Vaticano ha organizzato una grande manifestazione nella Plaza de San Pedro per dimostrare la loro volontà e il loro impegno in questa delicata questione. Ma lasciatemi dire, cari lettori, che lo scenario del luogo papale scelto per la giornata, con le sue colonne, sembra rappresentare due grandi braccia orco cattura il corpo di un bambino indifeso; Telefoni blu o associazioni clericali come Meter Onlus di Padre Fortunato Di Noto, sacerdote di Avola (Siracusa), non serviranno.
Dalla città di Ragusa (Italia), mi indicano un'iniziativa singolare e alquanto scandalosa: gay e parenti associati a una specifica società, cercano di trovare una conciliazione con la Chiesa. Il 21 aprile è tenuta una conferenza nelle sale del Centro Sociale dei Gesuiti, con la presenza del giudice Eduardo Savarese, autore della Lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma; Si tratta di un lavoro in cui esso è destinato, non senza fatica e costringendo un sacco di cose, che mostra la riconciliazione della condizione omosessuale con testi sacri cristiani e cattolici, che desiderano per se stessi ei loro amici in una piccola stalla nella grande famiglia clericale. L'iniziativa, promosso dalla -Associazione AGEDO di genitori e amici di omosessuali ha sollevato la questione della possibilità per gli uomini gay e le loro famiglie per essere veramente accolto con favore dalla Chiesa, come se fosse la stessa Chiesa che per secoli ha determinato la discriminazione, bruciandole sul rogo, che condanna alla galera, lo scherno, il disprezzo, l'emarginazione, la costruzione di alibi morale e politica per il genocidio i cui margini numerica sono stati difficilmente intervistati. La Chiesa, con il suo comportamento ancora oggi riconvalidato nei suoi testi sacri e nel nuovo Catechismo, ha fornito le basi culturali che fino ad oggi danno forza all'omofobia. come se fosse che per secoli ha determinato la discriminazione, bruciandole sul rogo, che condanna alla galera, lo scherno, il disprezzo, l'emarginazione della Chiesa stessa, la costruzione di alibi e le politiche morale per genocidio i cui margini numerica sono stati difficilmente intervistati . La Chiesa, con il suo comportamento ancora riconvalidato nei loro testi sacri e il nuovo Catechismo, ha fornito la base culturale che fino ad ora dia la forza di omofobia. come se fosse che per secoli ha determinato la discriminazione, bruciandole sul rogo, che condanna alla galera, lo scherno, il disprezzo, l'emarginazione della Chiesa stessa, la costruzione di alibi e le politiche morale per genocidio i cui margini numerica sono stati difficilmente intervistati . La Chiesa, con il suo comportamento ancora oggi riconvalidato nei suoi testi sacri e nel nuovo Catechismo, ha fornito le basi culturali che fino ad oggi danno forza all'omofobia.
Per fortuna, mi è stato detto che nella provincia in cui queste operazioni estere salvezza dell'anima si verificano, altri individui, Gai sempre mondo, sono indignato e confuta la sua distanza rete con i protagonisti e le loro posizioni assurde.

Fray Dudoso

https://www.nodo50.org/tierraylibertad/359articulo5.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center