A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) FAI, Tierra y Libertad #259 - Il massacro di Gaza (ca) [traduzione automatica]

Date Thu, 5 Jul 2018 07:43:30 +0300


In una situazione regionale sempre più complessa e caotica, una nuova ondata di eventi sta attraversando la Striscia di Gaza. decisione degli Stati Uniti e Israele per spostare l'ambasciata americana a Gerusalemme, riconoscendo la città come la capitale di Israele, ha catalizzato la rabbia di centinaia di migliaia di persone costrette a vivere in prigione per più grande all'aperto del mondo. ---- L'esercito israeliano si è dedicato a un compito esecrabile di tiro al bersaglio su chiunque voglia tentare di attaccare la barriera di confine con pietre e bottiglie Molotov. Gli islamo-fascisti di Hamas hanno colto l'occasione per rivendicare i caduti e stringere ancora di più i matti di controllo sulla popolazione della Striscia.
Se l'esercito israeliano fa la guardia al complesso, le milizie islamiche segnano la loro presenza nel territorio. Hanno un obiettivo comune: mantenere tutto così com'è. Hamas conduce il confronto con Israele senza potere o vuole vincere, con mezzi che impallidiscono di fronte al potentissimo terrorista che significa che la borghesia israeliana ha la possibilità di dispiegare. Hamas conduce la guerra contro i proletari e sottoproletari di Gaza in modo che possano controllare, per arricchire i capi e la borghesia locale che è allineato con il mercato nero e la speculazione merci di importazione sempre più difficili, in combinazione con il Borghesia egiziana e lo stesso israeliano. Gestisce la valvola di sicurezza e lo fa in modo egregio:
Stiamo affrontando l'ennesima dimostrazione di come il nemico marcia sempre alla nostra testa. E così sulla Strip come nella West Bank gestita da Al-Fatha e in Israele. Lo stato di guerra permanente arricchisce la borghesia israeliana, esperienza sul campo permette di armi e tecnologia delle armi da esportare dopo l'ultimo, che cosa sono i droni lanzagases lacrimógenos- smobilitare lavoratori israeliani con la questione del nazionalismo al fine di controllare meglio. In Israele, il clima è sempre più repressivo e il potere dei settori clericale e ultra-autoritario è in aumento.
Chi ordina di sparare agli abitanti della Striscia, non avrà problemi a farlo anche ai proletari israeliani il giorno in cui alzeranno la testa. Migliaia di israeliani sono scesi in piazza contro gli infami fatti commessi dal governo di Tel Aviv, nell'assoluto silenzio dei media, che hanno preferito ignorarli nella complicità.
Chi ha lanciato contro la barriera di confine di Gaza non ha fatto in modo di seguire le indicazioni di Hamas, che hanno anche bypassato il protests- e probabilmente poco interessati alla posizione del ambasciata degli Stati Uniti. Lo ha fatto perché la prospettiva di vivere in una prigione a cielo aperto, con le necessità di base scarse e guardato da collezionisti che vello finanziamenti nazionali squallida, in una gigantesca prigione che aumenta l'uso di droghe pesanti, una vita lucida e terrificante è una prospettiva della non vita, della semplice sopravvivenza. La rivolta è la rivolta dei disperati.
Chi frivola quando considera la difesa dei confini come legittimazione degli eventi, o ha in gioco interessi personali - come lui è un criminale - o è immerso in un'ideologia mortale, quindi è un cretino che non si rende conto che prima o più tardi può toccarlo per trovarsi nella parte sbagliata di un mirino.
Dato quello che è successo, molti accusano Israele di non essere una vera democrazia in quanto si basa sull'oppressione e l'esclusione su base etnica. Bene, ma dimenticano che tutte le democrazie hanno sempre agito in questo modo. La democrazia moderna è esclusiva ed è profondamente legata al razzismo, a parte l'oppressione di classe. Israele è uno stato democratico che si comporta esattamente allo stesso modo degli altri stati democratici.
Abbiamo dimenticato i colpi della Guardia Civil a Ceuta? O come hanno fatto le democrazie francesi e britanniche a gestire il colonialismo e la decolonizzazione? Per non parlare dell'immigrazione all'interno dei confini stessi.
O il suprematismo bianco e democratico negli Stati Uniti? Tutti gli Stati agiscono con violenza sistematica e le democrazie non sono esattamente in ritardo: costruiscono solo una più ampia legittimità e un sistema ideologico più sofisticato attorno a questa violenza.
La soluzione a questo conflitto può venire solo quando i casi di rottura effettuate da chiunque tenti l'assalto alle mura della prigione di Gaza sono regolate con questi casi di rottura, appena visibili ma presenti in Israele: quei casi che hanno portato alla un aumento del numero di diserzioni e resistenza nel servizio militare e migliaia di persone per protestare in varie ondate contro le politiche, sia militariste che classiste del governo di Tel Aviv.

LORCON

https://www.nodo50.org/tierraylibertad/359articulo3.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center