A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Brasile: "L'obiettivo è creare un" potere popolare "- Organização anarquista socialismo libertário -- Intervista di Auréline (amico di AL, Tolosa) (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Thu, 7 Dec 2017 07:23:42 +0200


L'Organização anarquista socialismo libertário (OASL), attivo a San Paolo dal 2008, è membro del Coordinamento anarchico brasiliano (CAB). Si vanta di Specifismo, un modo di organizzare e attivismo che articola l'azione all'interno dei movimenti sociali e le azioni più specificatamente anarchica. Incontro con João, trentenne, lavoratore precario e membro dell'organizzazione. ---- Alternativa libertaria: quali sono le attività dell'OASL? ---- João: Stiamo combattendo principalmente su tre fronti: il fronte sindacale, il fronte comunitario e il fronte studentesco. A livello sindacale, i pari sono attivi e attivi tra i conducenti della metropolitana, nella sanità e nell'istruzione. Il fronte studentesco è presente in due università, dove difendiamo una politica di reale accesso delle classi popolari all'università 1. Sul fronte comunitario, sviluppiamo il Movimento delle organizzazioni di base (MOB), che agisce in tre quartieri in periferia, offre tutoraggio ( cursinhos populares ), crea cooperative che consentono ai partecipanti di guadagnare un reddito, difende i centri sanitari gratuiti del SUS ( Sistema única de saúde), ancora minacciato di chiusura o privatizzazione ... Partecipiamo anche al movimento degli squatter e, infine, ci sono compagni che hanno avviato un fronte femminista. L'obiettivo è creare un " potere popolare " articolato con movimenti sociali. Partecipare a uno di questi fronti è una condizione per sostenere l'OASL. Questo attivismo di base è fondamentale e una priorità nella costruzione dell'organizzazione.

Qual è la tua pratica nei movimenti sociali ?

In ogni fronte difendiamo un'organizzazione orizzontale. Ma non voglio essere in una posizione d'avanguardia, e ci adattiamo alla realtà dei movimenti sociali, dove c'è una grande varietà di opinioni. È facendo una campagna con le persone che diffondiamo le nostre idee e i nostri valori. Un esempio: quando occupavano terreni agricoli con il Movimento del Popolo senza terra (MST), le persone pregavano prima delle azioni. Pur essendo per lo più atei, ci siamo astenuti dal criticare. Dobbiamo trovare l'equilibrio, affrontare la realtà delle persone che ci sono, anche se è difficile. I movimenti evangelici sono forti nei sobborghi perché occupano un vuoto politico e sociale. Ma spesso si posizionano contro le lotte, contro gli scioperi e ostacolano il MOB.

E che dire della repressione ?

Attualmente esiste una criminalizzazione dei movimenti sociali, che è molto rivolta ai sindacalisti. La violenza della polizia, d'altra parte, colpisce periferie e favelas, i neri e i poveri sono i primi interessati. Stiamo andando così lontano da parlare di " politica genocida ". Ma la denuncia di questa violenza è rara, per paura di rappresaglie. Il caso di Rafael Braga è esemplare. Arrestato per la prima volta nel giugno 2013 per una manifestazione a cui non ha partecipato, ha trascorso diversi mesi in detenzione per accuse fasulle di fare cocktail Molotov o traffico di droga. Lo scorso aprile è stato infine condannato a undici anni di carcere (!), Commutato in prigione a settembre.

Quale analisi libertaria possiamo fare dell'attuale situazione politica in Brasile: licenziamento di Dilma Rousseff a maggio 2016, rivendicazioni di elezioni dirette a seguito delle rivelazioni sulla corruzione del presidente di destra Michel Temer ?

Prima di tutto, bisogna ricordare che il Partito dei Lavoratori ha perseguito una politica di collaborazione di classe. Per quanto riguarda il colpo di stato, anche il PT ha la sua responsabilità: ha stretto alleanze con i partiti di destra, il che ha dato loro forza e permesso loro di recuperare l'insoddisfazione con le riforme. La rottura del codice del lavoro e le ritirate orchestrate dalla destra liberale erano già all'ordine del giorno del PT. Recentemente, l'ex presidente Lula (PT) ha detto senza mezzi termini che se fosse stato rieletto, non sarebbe tornato su questa rottura delle pensioni. Il PT ha approvato la legge che autorizza l'uso dell'esercito contro le dimostrazioni e l'ha usata nel giugno 2013 durante le proteste contro l'aumento dei prezzi del trasporto pubblico. 2. Per quanto riguarda la riforma agraria, il suo bilancio è eloquente: sotto il presidente Cardoso (1995-2002, a destra), la ridistribuzione della terra ai contadini poveri era più veloce, non perché il governo fosse più volontarista, ma perché c'erano più lotte sociali. Ma con il PT al potere, i movimenti sociali si sono indeboliti perché ai loro leader sono state offerte posizioni, che è un buon modo per zittirle. Come abbiamo visto di recente, quando la direzione del CUT, la principale confederazione sindacale, vicina al PT, era più preoccupata per le disavventure giudiziarie di Lula che per organizzare la lotta contro la rottura delle pensioni e il Codice del lavoro. perché ai loro leader sono state offerte posizioni, che è un buon modo per farle tacere. Come abbiamo visto di recente, quando la direzione del CUT, la principale confederazione sindacale, vicina al PT, era più preoccupata per le disavventure giudiziarie di Lula che per organizzare la lotta contro la rottura delle pensioni e il Codice del lavoro. perché ai loro leader sono state offerte posizioni, che è un buon modo per farle tacere. Come abbiamo visto di recente, quando la direzione della CUT, la principale confederazione sindacale, vicina al PT, era più preoccupata per le disavventure giudiziarie di Lula che per organizzare la lotta contro la rottura delle pensioni e il Codice del lavoro.

AL, The Monthly, novembre 2017

https://albruxelles.wordpress.com/2017/12/02/bresil-lobjectif-est-de-creer-un-pouvoir-populaire-organizacao-anarquista-socialismo-libertario/#more-2778
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center