A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) usi-ait: Trenta più trenta uguale 60!

Date Wed, 4 Oct 2017 09:53:37 +0300


30 ore settimanali, 30 anni di contributi: 60 anni come limite dell'età pensionabile. ---- E' questa la, storica, rivendicazione che USI-AIT promuove da diversi anni e che ripropone, con forza, anche in occasione dello sciopero generale del 27 ottobre prossimo. ---- Agli scettici, a coloro nei quali tale obiettivo suscita ilarità o scherno ricordiamo che, analogo atteggiamento, fu utilizzato (dai padroni e dagli Stati) in occasione delle "tre otto" (otto ore di lavoro, otto di svago e otto di riposo) lanciato alla metà dell'ottocento da milioni di lavoratori in tutto il mondo e culminato (nel 1886) nell'eccidio di Hymarket Square a Chicago e alla, conseguente, condanna a morte di 8 lavoratori anarchici. ---- D'altro canto i lavoratori hanno di fronte a sé due sole strade percorribili: accettare che la progressiva robotizzazione industriale depauperi ulteriormente la già diminuita richiesta occupazionale che li mette in, feroce, concorrenza con altri lavoratori e lavoratrici provenienti dal "terzo o quarto" mondo e, contestualmente, sottostare al ricatto dello "straordinario obbligatorio" imposto da parecchie aziende soprattutto del settore metalmeccanico oppure "capitalizzare" (a proprio vantaggio e non più ad esclusivo beneficio della classe imprenditoriale) le nuove tecnologie costringendo i padroni ad una drastica diminuzione delle ore lavorative (da 8 a 6 giornaliere e da 40 a 30 settimanali) per consentire ad un maggior numero di soggetti di guadagnarsi da vivere in modo onesto e dignitoso.

Lavorare meno, lavorare tutti, dunque, non è un semplice slogan ma un obiettivo alla nostra portata.

Basta volerlo e lottare per ottenerlo!.
USI-AIT Puglia

http://www.usi-ait.org/index.php/appuntamenti/75-nazionale/1419-trenta-piu-trenta-uguale-60
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center