A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) fdca-nordest: Naon jazz up! Per una cultura diffusa, libera e solidale a Pordenone

Date Sun, 11 Jun 2017 10:16:10 +0300


È sulla base di questo messaggio semplice ma incisivo, rivolto alla città come monito di fronte al pericolo di una deriva settaria e negazionista, che nasce uno straordinario evento musicale al quale hanno aderito i migliori jazzisti nostrani (Bruno Cesselli, Massimo De Mattia, Francesco Bearzatti, Juri Dal Dan, Emanuel Donadelli e Romano Todesco); organizzato dal circolo Zapata, si svolgerà sabato 17?giugno alle ore 21 presso il ridotto del Teatro Verdi. ---- Prima le dichiarazioni del sindaco Ciriani, poco intenzionato a concedere un nuovo spazio alla storica ultratrentasettenale associazione culturale di orientamento libertario; poi una riuscitissima raccolta di firme (circa 600) lanciata da un gruppo di storici locali allo scopo di chiedere una sede per il circolo Zapata e la sua importante biblioteca - dotata di 2000 e più volumi; ora questa originale manifestazione musicale organizzata dai libertari zapatisti di Pordenone, che hanno voluto lanciare un messaggio fortemente propositivo: fare cultura attraverso una pratica autogestionaria, autofinanziata e in un rapporto solidaristico tra i soggetti coinvolti è possibile anche in una città in cui la prassi della censura delle diverse sensibilità culturali si fa norma istituzionale ed è concreto il rischio di perdere la pratica del confronto e del libero pensiero.

Non stupisce quindi che a rispondere all'appello "una casa per la biblioteca intitolata a Mauro Cancian" siano stati diversi musicisti jazz. Come scriveva Steve Lucy: "Possiamo dire che il jazz è un virus, un virus di libertà che si è diffuso sulla terra, "infettando" tutto ciò che ha trovato sulla sua strada: il cinema, la poesia, la pittura e la vita stessa". Il jazz è libertà: o stai dalla sua parte o dall'altra.
La musica sarà ancora una volta il linguaggio universale e meticcio, sarà il luogo di contaminazioni e sperimentazioni, sarà la metafora di un tessuto sociale e culturale che parla più lingue, sarà l'espressione di una pluralità di soggetti e pensieri, sarà l'antidoto al pensiero unico e ai diktat di un apparato politico/burocratico, miope e arrogante, chiuso dentro una logica di autoreferenzialità, che non sa e non intende cogliere le diverse istanze e la ricchezza rappresentate dal variegato mondo sociale, artistico e culturale che, ancora oggi, si conferma essere la vera anima della città. E allora... Naon Jazz Up!

Circolo Libertario Emiliano Zapata

http://fdca-nordest.blogspot.co.il/2017/06/naon-jazz-up-per-una-cultura-diffusa.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center