A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL AL #308 - Storia, 1870: Per fare la guerra e la rivoluzione, con Bakounine a Lione (de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 3 Oct 2020 11:07:41 +0300


Se la Comune di Parigi, nel 1871, è rimasta famosa, i suoi prodromi sono molto meno conosciuti. E per una buona ragione: si tratta di tentativi insurrezionali falliti e sottomessi che i loro stessi protagonisti hanno preferito dimenticare. E i cui avversari hanno riso molto. È il caso del giorno rivoluzionario del 28 settembre 1870 a Lione, la cui versione guignolesca immaginata da Karl Marx per screditare il suo rivale Bakunin è stata a lungo autorevole. Ma cos'è successo veramente ? ---- Nell'autunno del 1870, la Francia attraversò una crisi rivoluzionaria. Sconfitto in cinque settimane dagli eserciti tedeschi, Napoleone III era a terra; il 4 settembre il popolo invase le strade e proclamò la repubblica; fu istituito un governo provvisorio ma, incarnando la borghesia moderata, si rese presto impopolare per la sua inerzia, mostrandosi soprattutto nella fretta di negoziare la resa e di mantenere l'ordine nel paese.

Fu però scosso dalla tumultuosa ascesa del patriottismo nella classe operaia, galvanizzato dalla memoria del 1792-1793, quando il popolo armato, "sollevato in massa", dovette, per salvare la propria rivoluzione, sconfiggere gli eserciti reali del Coalizione Europa. Anzi, per molti, con il 4 settembre, la natura della guerra è cambiata: non si tratta più di uno spregevole conflitto dinastico tra monarchi ... ma della Francia rivoluzionaria invasa dal militarismo prussiano.

Per l'estrema sinistra, dobbiamo sollevare e armare il popolo e, se il governo provvisorio si oppone, rovesciarlo. Questa è la linea di Auguste Blanqui e dei suoi discepoli, che formano la fazione rivoluzionaria più seria dell'epoca. È anche la linea delle sezioni francesi dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori (AIT), in opposizione al Consiglio Generale di Londra, guidato da Karl Marx, che predica le dimissioni ai lavoratori francesi per ragioni che sono poco da riconoscere[1].

Un altro famoso animatore dell'AIT, il russo Michel Bakunin si trovava allora a Locarno, in Italia, dove scrisse frettolosamente un opuscolo di intervento, sostenendo una guerra popolare che potesse portare allo "scatenamento della rivoluzione in tutta Europa."[2].

Ma da dove verrà l'iniziativa? Senza dubbio non da Parigi, assorbito dalla "propria difesa". Il Lione, invece, può giocare un ruolo strategico, scriveva sul posto ai suoi corrispondenti[3].

Per Bakunin, la città ha diversi vantaggi: è relativamente lontana dal fronte; AIT ha una sezione forte lì, influenzata dalle sue idee libertarie; il proletariato è numeroso e attivo lì, sia nel vecchio quartiere operaio di Croix-Rousse, che ha visto le rivolte dei canut del 1831, 1834, 1848 e 1849, sia nel nuovo quartiere operaio di Guillotière, dove scioperi moltiplicati nel 1868-1869[4].

1,5 franchi al giorno, una pistola e ... una bella uniforme
Infine, il Lione è in pieno svolgimento. La mattina del 4 settembre, la folla ha invaso il municipio. Dal balcone, Charles Beauvoir, un ex attivista dell'AIT del 1848, proclamò la repubblica, davanti a Gambetta a Parigi di poche ore. La bandiera rossa sventolerà per sei mesi sull'edificio prima di essere sostituita dal tricolore. Un "comitato di pubblica sicurezza" - al quale partecipano le persone dell'AIT - licenzia i dirigenti del regime e libera i detenuti politici. Alla sua chiamata, 10.000 persone si arruolano nella guardia nazionale mobile.

La Guardia Nazionale è la riserva dell'esercito regolare. Tutti i giovani uomini non attratti dal lungo servizio dovrebbero seguire regolari periodi di formazione lì. Il personale, che giura solo per l'esercito regolare, disprezza questo "esercito cittadino" scarsamente addestrato e scarsamente disciplinato. Le guardie nazionali, infatti, non sono rinchiuse. Poiché dormono a casa e mantengono legami con la popolazione civile, ogni battaglione riflette la composizione sociale del suo quartiere - ci sono quindi battaglioni borghesi, piuttosto partigiani dell'ordine, e battaglioni popolari, più inclini (senza garanzia !) per fraternizzare con i manifestanti. Tanto più che dopo il 4 settembre i battaglioni eleggono i loro ufficiali. A Parigi, i rivoluzionari colgono l'opportunità, si candidano e vengono spesso eletti.

Per le decine di migliaia di uomini - e talvolta donne, come Louise Michel - che si sono arruolati lì, la Guardia Nazionale è diventata un luogo di socialità e politicizzazione, fornendo un'indennità di 1,5 franchi al giorno, un fucile e ... una bella divisa! [5]. Il governo provvisorio ha ragione ad averne paura: sono questi battaglioni popolari della Guardia nazionale che, potenziati e federati, diventeranno sei mesi dopo l'ala armata della Comune di Parigi.

A Lione, invece, e questo contribuirà al fallimento, gli ufficiali della Guardia nazionale sono per lo più lealisti. Bakunin arriva in città il 15 settembre, accompagnato da due compagni esperti, veterani della rivolta polacca del 1863. Vengono a combattere. Bakunin, che allora aveva 56 anni, ritiene di giocare lì, "probabilmente", la sua "ultima partita"[6]. È stato accolto calorosamente dagli attivisti di Lione dell'AIT.

Place des Terreaux, dopo il 4 settembre. Alla chiamata del comitato per la sicurezza pubblica, 10.000 persone si sono offerte volontarie per combattere.
Alla loro testa un semi-intellettuale, un buon organizzatore ma un bel megalomane, Albert Richard (24 anni); un impiegato abbastanza talentuoso e coraggioso, Gaspard Blanc (25 anni); un sarto pieno di buon senso, Louis Palix (41); un capo intonacatore di uomini, Eugène Saignes. Tutti sono magnetizzati da Bakunin, forse più dall'attaccamento a un personaggio straordinario che dall'adesione alla sua visione libertaria, ancora molto fresca. Siamo a dieci anni dalla nascita reale del movimento anarchico e la dottrina è lungi dall'essere fissata.

Dopo Lione, Albert Richard (1846-1925) sarà giudicato severamente all'interno dell'AIT: presuntuoso, incoerente ... poi rinnegato. dopo un errore bonapartista, è tornato al socialismo al fianco di Jean Allemane.
La situazione sta cambiando. Il giorno dell'arrivo di Bakunin a Lione, il comitato di pubblica sicurezza si sciolse per far posto a un consiglio municipale eletto. Non sorprende che questo sia più moderato e molto meno proletario. Dal 17 settembre, durante una riunione che riuniva diverse migliaia di persone a Brotteaux, l'AIT ha lanciato una forza concorrente: il Comitato per la salvezza della Francia. L'insurrezione è all'ordine del giorno.

Alla fine di una vita rivoluzionaria, Michel Bakounine (1814-1876) venne a Lione per combattere la sua ultima battaglia. L'idea di una "federazione rivoluzionaria di comuni" per sostituire lo stato centralizzato, è tipicamente sua.
Dobbiamo, sì o no, manifestare in armi ?
Per dieci giorni passiamo in rassegna scenari, alleanze, complicità. Possiamo contare sul "Generale" Cluseret, un avventuriero che combatté in Italia con Garibaldi, poi con i nordici nella Guerra Civile - e di cui ci accorgeremo, troppo tardi, che è molto sopravvalutato! Il piano è di provocare una manifestazione sulle rivendicazioni rivoluzionarie legate alla difesa nazionale e di rovesciare il consiglio comunale se rifiuta di appoggiarle. Bakunin e i due veterani polacchi insistono sulla necessità di armare la folla. Invano. I francesi pensano di poter vincere il pezzo pacificamente, con la pura forza dei numeri. Il colpo di stato è deciso per il 28 settembre.

Un membro dell'AIT, Gustave Cluseret (1823-1900) è soprattutto un avventuriero in cerca di una causa per radunarsi. Dopo il fallimento di Lione, assumerà responsabilità militari per la Comune di Parigi e si dimostrerà piuttosto incompetente.
Il giorno prima, durante un grande incontro con i lavoratori in lotta dei cantieri nazionali, il Comitato della salvezza di Francia chiede la sostituzione del governo provvisorio con una federazione di comuni decentrati e combattenti. Il giorno successivo è dedicato alla preparazione e alla scrittura di un breve programma.

La mattina presto del 28 settembre, finalmente, la città si copre di 500 manifesti viola con la scritta "Revolutionary Federation of Communes" e firmati da 26 attivisti, tra cui Richard, Blanc, Beauvoir, Saignes, Palix e Bakounine. Per rimediare alla "situazione disastrosa" del Paese, vengono proposte sette risoluzioni, la prima delle quali è: "la macchina amministrativa e governativa dello Stato, divenuta impotente, viene abolita" . Deve essere sostituito da una "Convenzione rivoluzionaria" che si terrà a Lione e alla quale ogni dipartimento invierà "due delegati". I comuni "distrutti" sarebbero sostituiti da "comitati per la salvezza della Francia, che eserciteranno tutti i poteri sotto l'immediato controllo del popolo" .

I rivoluzionari gettano la spugna
Durante il distacco, le squadre si recano nei cantieri per chiedere uno sciopero e un'azione. Con successo! Al mattino, una manifestazione di diverse migliaia di lavoratori di Brotteaux e La Guillotière, bandiere rosse al vento, conduce a Place des Terreaux. Il municipio è investito. Eugène Saignes, sciarpa rossa al collo, raggiunge il balcone e legge il poster alla folla eccitata. La Guardia Nazionale alza il culo in aria. Il "generaleCluseret, a capo di un gruppo di manifestanti, parte per sollevare la Croix-Rousse. Nell'edificio, però, non tutto filò liscio: gli ufficiali borghesi della Guardia Nazionale fanno angolo a Bakunin e lo rinchiudono in una stanza per diverse ore. Viene rilasciato da un gruppo di operai accorsi in soccorso, che espellono gli ufficiali nel cortile, poi sequestrano sindaco e prefetto. Ma ecco Bakunin che impallidisce di fronte alla svolta degli eventi in sua assenza: i militanti dell'AIT si insediano al tavolo del consiglio comunale e deliberano sulle "prime misure rivoluzionarie". Discorsi inopportuni, mentre fuori, il partito dell'ordine si riunisce ! Nella piazza, battaglioni di guardie nazionali borghesi iniziano a circondare i manifestanti. E la Croix-Rousse che non arriva! Cluseret ritorna a mani vuote. L'eloquenza - e la convinzione, diranno testimoni[7]- lo hanno deluso. Allettante tutto, Bakunin provoca le guardie nazionali borghesi a provocare un'aggressione e uno scontro con la folla. Nessun risultato.

Intorno alle 18.30, visto che solo una minoranza della Guardia Nazionale aveva fraternizzato con gli insorti, i militanti dell'AIT hanno perso coraggio. Albert Richard negozia l'evacuazione. Il municipio è abbandonato e, al calar della notte, la folla sobria viene spinta fuori da Place des Terreaux dalla Guardia Nazionale. Fallimento della giornata rivoluzionaria, senza spargimento di sangue. La repressione inizierà due giorni dopo e Bakunin dovrà nascondersi per un po 'a Marsiglia prima di reimbarcarsi per Locarno. Demoralizzato, attribuì il fallimento dell'insurrezione all ' "inesperienza rivoluzionaria" dell'AIT di Lione e alla "codardia" di Cluseret[8].

Quindi Bakunin si era comportato come un "asino", come scriveva Marx[9], oppure come un rivoluzionario coerente? Considerando l'opposto della doxa, Yuri Steklov, uno storico bolscevico vissuto nel 1917, riteneva che la strategia di Bakunin di trasformare la guerra imperialista in guerra rivoluzionaria non fosse in realtà nulla di stravagante: "Nessuno, allora, n "ha escogitato un piano migliore"[10].

Né istrione che decreta l'abolizione dello Stato dal balcone del municipio, né generale in capo al quale si può dare la colpa del successo o del fallimento, Bakunin è stato comunque un attore protagonista di questo mese di settembre da Lione. La sua presenza era attesa; il suo carisma e la sua esperienza hanno incoraggiato i militanti dell'AIT a fare il salto dell'insurrezione. Il meccanico Antoine Perrare [11], che partecipò il 28 settembre e che avrebbe dovuto rifarlonel marzo 1871, fece questo giusto giudizio: "Senza di lui avremmo fatto di meno, o avremmo agito meno velocemente."

Questo tentativo non rimarrà senza futuro. Ce ne saranno molti altri, a Lione stessa, a Saint-Étienne, a Marsiglia, a Narbonne e altrove, ma spicca solo la Comune di Parigi. La sua caduta, nel maggio 1871, chiuderà il ciclo rivoluzionario aperto nell'agosto 1870[12], ciclo di cui questa giornata insurrezionale a Lione fu uno degli episodi.

Guillaume Davranche (UCL Montreuil)

Nove mesi di spumeggiante
19 luglio 1870: dichiarazione di guerra francese alla Prussia.

20 luglio: manifestazione pacifista di migliaia di lionesi al richiamo dell'AIT.
Agosto: sconfitte francesi a Wissembourg, Forbach, Gravelotte.

8-14 agosto: serie di rivolte anti-bonapartiste a Marsiglia, Bordeaux, Lione, Parigi. Sventoliamo bandiera rossa, gridiamo "Viva la Repubblica", affrontiamo la polizia.

2 settembre: disastro di Sedan. L'esercito imperiale è distrutto, Napoleone III prigioniero.

4 settembre:a Parigi, Lione, Marsiglia e altrove si proclama la repubblica, crolla il vecchio regime. Viene istituito un governo provvisorio e avvia i negoziati con Bismarck. L'estrema sinistra lo accusa di sabotare il prelievo di massa per preservare l'ordine sociale.

15 settembre 1870: Bakounine entra a far parte dell'AIT a Lione.

17 settembre: creazione del Comitato per la salvezza della Francia.

22-26 settembre: rivolta in Martinica.

28 settembre: tentativo insurrezionale a Lione, con Bakounine, Saignes, Richard.

31 ottobre: tentativo insurrezionale a Parigi con Blanqui e Flourens.

20 dicembre: nuovo tentativo a Lione.

18 marzo 1871:insurrezione vittoriosa che segna simbolicamente l'inizio della Comune di Parigi.

22-31 marzo: in solidarietà con Parigi, brevi comuni rivoluzionari a Lione, Marsiglia, Saint-Étienne, Narbonne, Tolosa, Limoges.

Aprile-30 gennaio stmaggio: L' ultimo tentativo insurrezionale a Lione, Guillotière, superata dalla repressione.

21-28 maggio: la Bloody Week pone fine alla Comune di Parigi.

convalidare

[1] Marx ed Engels volevano una vittoria prussiana per ottenere l'unificazione tedesca, che avrebbe portato alla "supremazia" della classe operaia tedesca sui francesi, che "sarebbe stata allo stesso tempo la supremazia della nostra teoria su quella di Proudhon" (Lettera di Marx a Engels del 20 luglio 1870).

[2] Lettere a un francese sulla crisi attuale , settembre 1870, 43 pagine, stampate in Svizzera da James Guillaume.

[3] Lettera di Bakunin ad Albert Richard, 4 settembre 1870.

[4] Madeleine Grawitz, Michel Bakounine , Plon, 1990, pagine 383-449.

[5] Michelle Zancarini-Fournel, The Struggles and the Dreams. Una storia popolare della Francia , Zones, 2016, p. 351

[6] Lettera a Karl Vogt, 7 settembre 1870.

[7] Madeleine Grawitz, op. cit. , pagine 447-448.

[8] Madeleine Grawitz, op. cit. , pagine 452.

[9] Lettera a ES Beesly, 19 ottobre 1870.

[10] Citato da Fernand Rude, De la guerre à la Commune , Anthropos, 1972.

[11] Citato in Madeleine Grawitz, op. cit. , pagina 456.

[12] Jean-Christophe Angaut, "Marx, Bakounine e la guerra franco-tedesca", 2005. su Sens-public.org.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?1870-Faire-la-guerre-et-la-revolution-avec-Bakounine-a-Lyon
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center