A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Union Communiste Libertaire - Gruppo di lavoro sull'economia dell'UCL: Verso una grave crisi in agricoltura ? (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 13 May 2020 09:15:47 +0300


Sul programma di questo bollettino economico ai tempi del coronavirus: un focus sulla crisi della produzione agricola, uno sguardo ai risparmi attraverso il caso dell'opuscolo A e un'analisi sul "patriottismo economico". ---- Nell'ultima prospettiva economica, abbiamo menzionato il calo dell'attività economica settore per settore. Abbiamo segnalato un calo delle attività di circa il 13% per l'agricoltura. Ma per quali motivi ? ---- Catene di produzione globali e locali interrotte ---- Con la limitazione del commercio internazionale e le massicce decisioni di contenimento in molti paesi, le catene di produzione globalizzate sono state colpite: ritardi nella consegna, assenza di beni importati come l'imballaggio e persino l'assenza di domanda internazionale, per quanto riguarda le materie prime agricole (AMP) destinate all'alimentazione animale (orzo, mais) [1]hanno notevolmente indebolito il settore agricolo. Vediamo la stessa cosa nel settore del lino francese, dove le industrie di trasformazione dei tessuti (stampaggio) sono state persino fermate per motivi di salute e dove le esportazioni sono notevolmente rallentate. Allo stesso modo, il settore del latte, che dipende da 37 % di esportazioni, viticoltura o produzione di carne. Pertanto, durante il primo mese di confino, le esportazioni di giovani bovini vivi e francesi in Spagna sono state ridotte di un terzo.

Conseguenze di questa mancanza di sbocchi: le scorte si accumulano sui prodotti dove è possibile, causando occasionalmente problemi di infrastruttura. Ma soprattutto, questo riduce drasticamente i prezzi: il prezzo del latte e dei suoi derivati, ad esempio (polvere magra -28%, burro -26%) o il chilo di carne bovina che è attualmente scambiato per 1 euro in meno rispetto al suo costo di produzione. [2]

Nel settore orticolo, la chiusura dei fioristi ha avuto un forte impatto sui produttori di piante e fiori. Un'illustrazione indicativa: per il mughetto, che è attualmente la stagione, si stima che il 70% del raccolto potrebbe andare perso, [3]che ovviamente avrà un impatto diretto sui produttori e probabilmente per mesi / anni a vieni, su lavori stagionali in orticoltura.

Cambiamenti imprevisti nel consumo di cibo
La crisi ha anche cambiato brutalmente le abitudini alimentari in Francia. [4]Per necessità primarie, durante le prime quattro settimane di confinamento, la vendita di farina è aumentata del 168%, quella dello zucchero del 50% e quella delle uova del 40%, secondo l'Istituto Nielsen.

Per quanto riguarda il settore del latte, i prodotti preconfezionati stanno vendendo bene, ma i prodotti a denominazione di origine protetta sono in caduta libera, con una domanda dal 25 al 60% in meno. Anche il manzo sta vivendo tendenze contrastanti: il consumo di vitello scende dal 30 al 35% mentre quello delle bistecche tritate aumenta del 33% per gli alimenti freschi e del 75% per gli alimenti congelati. Nel complesso, possiamo vedere che i pezzi più nobili, di solito venduti nei ristoranti, vengono trascurati.

La chiusura dei luoghi di ristorazione ha conseguenze sul consumo di patate, che venivano utilizzate principalmente per la trasformazione in patatine fritte. Le scorte ora raggiungono le 600.000 tonnellate. Il mercato del birrificio soffre anche di gravi vincoli sociali e della chiusura di bar e ristoranti. Kronenbourg ha in particolare messo in guardia dalle perdite storiche (da -30 a 40%) nel suo esercizio finanziario 2020 [5]che mette a repentaglio un'intera sezione dell'economia orientale. Lungi dall'essere aneddotico, questo ha già un impatto diretto sui produttori di cereali, che in gran parte destock malto d'orzo sul mercato dei mangimi, come orzo per mangimi. [6]

Incertezze climatiche cicliche
Aggiungi a tutte queste condizioni meteorologiche relativamente povere. Nella produzione di cereali, la fine dell'inverno è stata difficile e le piante non sono sufficientemente radicate. Ne consegue un grande deficit idrico, rafforzato dall'assenza virtuale di piogge in aprile, che ha contribuito a preoccupare i mercati (dal lato dell'acquirente) e a mantenere i prezzi del grano tenero [7]storicamente elevati, mantenendo i timori per il diminuzione della qualità del prossimo raccolto e quindi di una possibile tensione nell'offerta [8](meno offerta = prezzi elevati), anche se si tiene conto di altri fattori.

Negli ultimi dieci giorni di aprile, il ritorno della pioggia su tutta la Francia e su buona parte dell'Europa "haalleviato molte paure" e ha contribuito a far abbassare un po 'i prezzi, anche se persistono "dubbi sui rendimenti del 2020". [9]

Occupazione nel settore agricolo
La chiusura dei confini ha avuto diverse conseguenze. In particolare, ha bloccato il 50% dei lavoratori stagionali stranieri nei loro paesi, mettendo a repentaglio la raccolta di frutta e verdura in Francia. [10]Diverse piattaforme, governative ( https://mobilisationemploi.gouv.fr/ ), o provenienti da sindacati come la FNSEA ( https://desbraspourtonassiette.wizi.farm/ ) sono state create per i volontari (280.000 persone registrate) . In alcuni settori, in particolare nel settore biologico, i volontari si affollano, il che ha la conseguenza diretta di limitare le assunzioni, ma per i lavoratori che non beneficeranno della formazione; i volontari sono semplicemente assegnati alla raccolta. Gli agricoltori stanno ancora cercando tra le 70.000 e le 80.000 persone qualificate al mese. [11]

Un grano costoso
All'inizio del contenimento (intorno al 20 marzo), il grano tenero ha registrato un forte aumento (+ 12% in poco più di una settimana), anche se le scorte mondiali sono stimate a 4 mesi e mezzo di riserva [12](anche se sembrerebbe che gli annunci della Cina in quest'area, che sostiene di avere circa 150 Mt in giacenza, o poco più della metà delle azioni mondiali, siano discutibili). [13]Questo improvviso aumento è stato interpretato dagli analisti di settore come risultato di acquisti precauzionali da paesi importatori, in particolare Cina e Marocco, [14]di fronte all'estensione del confinamento a una parte sempre più ampia della popolazione mondiale e di fronte alle politiche protezionistiche di alcuni giganti del settore, in particolare Russia e Kazakistan. [15]Un articolo del 27 marzo evoca quindi due volte lo spettro delle rivolte della fame che hanno scosso alcuni paesi dopo la crisi del 2008 [16].

Le incertezze meteorologiche già menzionate sopra hanno contribuito a mantenere un prezzo elevato per tutto il mese di aprile (tra 195 e 200 euro per tonnellata). In Europa, altre ragioni più cicliche hanno avuto un ruolo: la guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina ha apparentemente trasferito gli acquirenti cinesi sul mercato europeo [17] (aumento della domanda = prezzi elevati), mentre negli Stati Uniti, la tendenza è piuttosto in calo. Anche se, una volta non consuetudine, il mercato americano ha seguito l'aumento europeo alla fine di marzo. Tuttavia, sembra essere più in difficoltà, con una minore domanda (cibo umano e animale) e un conseguente ritardo nella semina. [18]

Negli ultimi dieci giorni di aprile, il ritorno della pioggia su tutta la Francia e su buona parte dell'Europa "haalleviato molte paure" e ha contribuito a far abbassare un po 'i prezzi. [19]Ma altri fattori, siano essi tecnici (chiusura del mese) o politici (decisione russa di sospendere le esportazioni) hanno anche teso a mantenere alti massimi. In effetti, la Russia "il più grande esportatore di grano del mondo e uno dei produttori ed esportatori di cereali nel mondo che portano, sospenderà le sue esportazioni di grano, segale, orzo e mais fino al 1 °luglio." [20]Questo movimento russo segue le restrizioni all'esportazione annunciate in marzo-aprile, già menzionate sopra, che mirano a garantire la stabilità del mercato nazionale nel contesto della pandemia di Covid-19.

I biocarburanti seguono il prezzo del petrolio
Sul mercato MPA per l'energia (per i biocarburanti), la crisi continua nonostante un leggero rimbalzo negli ultimi giorni, il prezzo della colza e in misura minore il mais (piuttosto negli Stati Uniti) in seguito al prezzo del petrolio. "Il mercato continua a mettere in discussione lo stato della domanda a medio termine, mentre la fine della crisi sanitaria è ancora vaga." [21]

Risparmio e crisi sanitaria: il caso del libretto di banca A
La crisi sanitaria non è priva di conseguenze per il comportamento di risparmio individuale: negli ultimi mesi abbiamo osservato un notevole aumento degli investimenti nei conti del libretto A: a marzo sono stati depositati 2,71 miliardi di euro. Tuttavia, il tasso di rendimento sul livret A non è mai stato così basso dalla sua creazione nel 1818, [22]poiché paga lo 0,5%, contro lo 0,75% a gennaio 2020 e ... 2,25% a gennaio 2013. [23]

Come spiegare che i risparmi sono così alti lì quando si tratta di un investimento che ha pagato a un tasso inferiore all'inflazione per anni ? [24]In generale, il Livret A non conosce molti concorrenti che sono molto più vantaggiosi per correre un rischio così basso. [25]E semplicemente perché la fiducia delle famiglie nel futuro dell'economia non è sorprendentemente caduta drasticamente a causa della crisi. Pertanto ricadono su questo investimento, che viene percepito come sicuro. Di conseguenza, nell'attuale clima economico, le maggiori spese sono differite [26]e il reddito rimanente viene quindi salvato. Ciò è ovviamente fatto a scapito della domanda, il che pone l'economia in una posizione delicata, ma non possiamo incolpare le persone di tenere i pochi soldi che hanno sul loro libretto A in un capitalismo così instabile e irrazionale.

Come promemoria, il tasso del libretto A viene fissato dallo Stato in base all'inflazione e ai tassi di interesse a breve termine in vigore tra le banche. [27]Ma questa regola non è del tutto automatica: in generale, è il Governatore della Banque de France che raccomanda al governo e in particolare al Ministro dell'economia di modificare il tasso. Tuttavia, il governo raramente perde l'opportunità di ridurlo, perché gli consente di spendere meno soldi per l'edilizia sociale (che il livret A finanzia in parte) e incoraggiare i piccoli risparmiatori a passare a prodotti più convenienti. rischioso, compresi gli investimenti in società private.

Può quindi in parte scartare, nel contesto delle politiche di austerità, il proprio ruolo di stimolare l'economia attraverso la spesa pubblica, forzando le famiglie povere (coloro che risparmiano di più con un livret A [28]) per assumere più rischi. Poiché l'opuscolo A è utilizzato per finanziare l'edilizia abitativa sociale, il governo può invocare questo nobile motivo per servire questo obiettivo molto meno nobile. [29]Il ministro dell'Economia si è anche lamentato dell'afflusso degli ultimi mesi verso il libretto Livret A sulla base del fatto che non ha finanziato l'investimento. [30]Un ottimo modo per ricordare l'incapacità dello stato borghese di attutire la crisi economica che stiamo attraversando ...

Il patriottismo economico ci salverà ?
"Patriottismo economico". Questa nozione rivendicata dalla RN come dalla sinistra sovrana è ripresa di volta in volta da Macron e dai suoi ministri. Consiste nel pretendere di favorire le società francesi e i loro dipendenti. Sottolinea quindi l'idea di una convergenza di interessi tra dipendenti e datori di lavoro ; e l'idea che gli interessi dei lavoratori in altri paesi potrebbero dover essere sacrificati per proteggere i nostri. Mentre i nostri concittadini sono scioccati nello scoprire le conseguenze della dipendenza industriale del nostro paese per i prodotti che sono diventati preziosi (maschere, test ecc.), Macron mostra non solo una possibile nazionalizzazione temporanea di alcune società "strategiche", ma anche possibili trasferimenti di produzioni. E i fatti?

Nazionalizzazioni ? I doni distribuiti dai miliardi per sostenere i flagship del CAC 40 non hanno causato alcun aumento da parte dello Stato nel capitale delle società interessate. Tuttavia, con il crollo dei corsi azionari, si è presentata l'opportunità di enormi riscatti. Per quanto riguarda i trasferimenti di produzione, non appare nulla di concreto e gli economisti borghesi dissertano su un concetto diverso: l'approssimazione dei trasferimenti. Chiaramente, se è necessario partire da paesi a basso costo, è di installare le produzioni in paesi meno esigenti politicamente della Cina e i cui costi possono anche essere inferiori e i governi più obbedienti: orientale Europa, Mediterraneo meridionale. Ma non il territorio nazionale in quanto è vero che la legge del mercato rende la legge !

Controllo degli investimenti esteri ? Lo Stato controlla e può bloccare gli investitori non europei (fondi privati o fondi sovrani [31]) che desiderano investire in una società francese [32]oltre il 25% del capitale. Macron non solo abbassa la barra di controllo a una quota azionaria del 10%, ma allarga notoriamente l'elenco dei settori interessati da questo controllo, compresa la biotecnologia.

Conclusione semplice: il patriottismo esiste solo a beneficio dei possessori di capitale francese. Per i lavoratori, la disoccupazione può salire ! Alla UCL, il nostro asse strategico si basa sull'idea di autonomia produttiva locale, [33]autogestione, nell'ambito di un federalismo che pone fine alla concorrenza tra lavoratori organizzati dalle multinazionali nel contesto della globalizzazione. liberale.

Questa nota è stata prodotta dal gruppo di lavoro economico dell'UCL, con l'obiettivo di sintetizzare i dati essenziali sulla situazione economica che stiamo attraversando con la crisi del coronavirus. Si è evoluto sotto forma di newsletter, strutturata in numerosi articoli di varie dimensioni. È il più possibile e fattuale possibile e mira a collegare i principali dati sulla situazione economica con analisi politiche e sociali più generali. Tuttavia, è stato realizzato da attivisti che non sono professionisti economici. Non esitate a fornire feedback costruttivi.

È possibile visualizzare la nota precedente qui .

Vedi questa nota in PDF qui:

Vorrei ricevere la newsletter settimanale.
Il tuo indirizzo e-mail *
convalidare
[1] https://www.agri-mutuel.com/cotations/mais/ & https://www.agri-mutuel.com/cotations/orge-de-printemps/ analisi settimanali, le pagine potrebbero essere cambiate tra tempo (da ultimo il 1 °maggio sera)

[2] https://www.parismatch.com/Actu/Economie/Coronavirus-La-grande-destabilisation-du-monde-agricole-1683041

[3] https://www.parismatch.com/Actu/Economie/Muguet-les-maraichers-nantais-crainent-le-pire-1682827

[4] https://www.parismatch.com/Actu/Economie/Coronavirus-La-grande-destabilisation-du-monde-agricole-1683041

[5] https://www.capital.fr/entreprises-marches/biere-le-confinement-risque-de-plomber-les-ventes-avertit-kronenbourg-1368787

[6] https://www.agri-mutuel.com/cotations/orge-de-printemps/ analisi settimanale già citata

[7] . Principale valore di valutazione sui mercati finanziari agricoli, perché la maggior parte in volume + dati importanti in quanto è il cereale più consumato, per la preparazione di pane e pasta in particolare

[8] https://www.agritechtrade.com/actualites/matieres-premieres/le-prix-du-ble-sous-pression-en-europe-soit-a-loppose-des-etats-unis

[9] https://www.agri-mutuel.com/cotations/ble-tendre/ analizzati settimanale, ha visitato per l'ultima volta il 1 °maggio sera

[10] https://actu.fr/nouvelle-aquitaine/marmande_47157/agriculture-emplois-saisonniers-etrangers-font-peser-danger_33331072.html

[11] https://www.terre-net.fr/actualite-agricole/politique-syndicalisme/article/coronavirus-mesures-urgence-didier-guillaume-reconnait-une-deception-vis-a-vis-de-l -ue-205-168425.html

[12] https://www.agritechtrade.com/actualites/matieres-premieres/avec-le-covid-19-vers-une-une-reduction-de-loffre-et-une-hausse-des-cours-du-ble

[13] Jean-Pierre BORIS, Traders, veri maestri del mondo: sondaggio sul mercato delle materie prime, Tallandier, 2017, p.41.

[14] https://www.agritechtrade.com/actualites/matieres-premieres/avec-le-covid-19-vers-une-une-reduction-de-loffre-et-une-hausse-des-cours-du-ble e https://www.reussir.fr/grandes-cultures/les-exportations-francaises-de-ble-tendre-parties-pour-un-record-historical

[15] https://www.agritechtrade.com/actualites/matieres-premieres/avec-le-covid-19-vers-une-une-reduction-de-loffre-et-une-hausse-des-cours-du-ble

[16] Ibid

[17] https://www.agritechtrade.com/actualites/matieres-premieres/le-prix-du-ble-sous-pression-en-europe-soit-a-loppose-des-etats-unis

[18] https://www.agri-mutuel.com/cotations/ble-tendre/

[19] Ibid.

[20] https://www.bfmtv.com/economie/la-russie-suspend-ses-exportations-de-cereales-jusqu-au-1er-juillet-1901904.html

[21] https://www.agri-mutuel.com/cotations/colza/ analisi settimanale, ha visitato per l'ultima volta il 1 °maggio sera

[22] https://www.lemonde.fr/argent/article/2020/02/17/quelles-alternatives-au-livret-a_6029808_1657007.html

[23] https://www.lemonde.fr/argent/article/2020/04/28/les-francais-inquiets-remplissent-leur-livret-a-tandis-que-d-autres-investissent-en-bourse_6037956_1657007 .html

[24] https://www.lafinancepourtous.com/decryptages/finance-perso/epargne-et-placement/livret-a/la-regle-de-fixation-du-taux-du-livret-a/

[25] https://nouveau-europresse-com.bibelec.univ-lyon2.fr/Document/View?viewEvent=1&docRefId=0&docName=news%C2%B720200131%C2%B7SO%C2%B7310120ap10837485&xInde

[26] https://www.lemonde.fr/economie/article/2020/04/28/coronavirus-chute-brutale-de-la-confiance-des-menages_6038003_3234.html

[27] https://www.lafinancepourtous.com/decryptages/finance-perso/epargne-et-placement/livret-a/la-regle-de-fixation-du-taux-du-livret-a/

[28] https://www.alternatives-economic.fr/livret-a-gouvernement-nepargne-francais/00091523

[29] https://www.economie.gouv.fr/livret-a-reforme-formule-calcul-taux

[30] https://www.capital.fr/votre-argent/le-livret-a-ne-finance-pas-leconomie-trois-placements-utiles-et-plus-rentables-1367663

[31]Ifondi sovrani sono hedge fund detenuti da uno Stato la cui utilità è sia economica sia geostrategica.

[32] Una multinazionale il cui capitale è quotato alla borsa di Parigi si dice che sia "francese". I suoi dipendenti sono tuttavia globali

[33] https://www.unioncommunistelibertaire.org/Contre-le-libre-echange-l-autonomie-productive-5148

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Vers-une-crise-majeure-dans-l-agriculture
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center