A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL - Bambini, vittime invisibili del parto (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 10 May 2020 10:25:08 +0300


Le condizioni di vita dei bambini sono state notevolmente influenzate dal parto, senza che fossero in grado di testimoniare sulle loro impressioni, i loro sentimenti e spesso senza essere in grado di comunicare con altre persone della loro età sulle loro esperienze. Al di fuori dei radar delle rilevazioni di violenza, relegati sullo sfondo di aiuti di Stato, sottoposti ancor più del solito all'autorità degli adulti, i bambini sono isolati e poco presi in considerazione in questa crisi sanitaria. Tuttavia, le conseguenze del parto sui bambini sono molto reali. ---- Con il parto, i bambini rimangono permanentemente con le loro famiglie e sono fonte di frustrazione per i genitori, il che crea un clima di alta tensione. Possiamo misurarlo attraverso le beffe e le battute più grossolane sulla tortura dei bambini, i discorsi più violenti contro di loro del solito nelle discussioni tra colleghi o sui social network. Queste tensioni si riflettono in un aumento della violenza contro i bambini che diventano vittime del parto.

Le difficoltà causate dai bambini sono direttamente collegate ai loro bisogni specifici che non possono essere soddisfatti, in particolare in termini di accesso al mondo esterno o attività fisica. Le dimensioni delle abitazioni, il numero di abitanti, l'accesso a un giardino o cortile, o se controlli di polizia sistematici e violenti ne vietano l'accesso all'esterno, influenzano notevolmente l'esperienza del parto. Le varie situazioni sono indicative di disuguaglianze economiche e razziste.

Va anche notato che la perdita delle relazioni con i coetanei, specialmente per i bambini più piccoli, può essere molto grave per molti bambini esclusi dalla loro vita sociale.

La continuità pedagogica non è educativa per tutti
Decidendo di stabilire " continuità pedagogica ", Jean-Michel Blanquer ha fatto affidamento principalmente sulle risorse digitali, richiedendo un adattamento in un attimo da insegnanti, genitori e studenti. Quest'ultimo e quest'ultimo non hanno sempre accesso al linguaggio e non hanno una persona di contatto a cui possono segnalare le loro possibili difficoltà. Tuttavia, il confinamento e la pseudo continuità pedagogica mettono in luce le disuguaglianze di classe tra i bambini. Il divario digitale è molto reale e rende alcuni bambini incapaci di accedere alle lezioni a causa della mancanza di accesso a Internet. Il trasferimento della supervisione dagli insegnanti ai genitori è anche un fattore di esclusione e disuguaglianza, poiché i genitori continuano a lavorare fuori casa o al lavoro da casa, e molti di loro non hanno una padronanza sufficiente della lingua francese. .

La scuola di casa è anche un ulteriore fattore di stress per i genitori, aumentando il rischio di violenza contro i bambini. A ciò si aggiunge che per molte ragazze sono tenute a partecipare a lavori domestici come la preparazione del cibo, la pulizia e l'educazione dei fratelli e sorelle, il che aumenta ulteriormente le disparità di genere.

Un aumento della violenza
La violenza domestica è fortemente aumentata dall'inizio del parto. Ciò ovviamente riguarda la violenza domestica contro le donne , ma anche la violenza contro i bambini, i due essendo anch'essi fortemente correlati.

Rinchiusi con le loro famiglie, i bambini non hanno più alcuna possibile strategia di evasione di fronte alla violenza, sia fisica, psicologica o sessuale. I professionisti dell'istruzione nazionale e le strutture della prima infanzia che sono, in tempi normali, i primi informatori dei servizi di protezione, ma anche allenatori sportivi, personale delle attività extracurricolari, non hanno più alcuna visibilità sui bambini, che sono quindi privati di ogni osservazione e aiuto esterno. In effetti, le chiamate a 119, " Allô infanzia in pericolo Sono cresciute continuamente ogni settimana dall'inizio del parto, allarmando l'UNICEF e NousToutes, che hanno lanciato la campagna #EntendonsLeursCris sulla violenza domestica. Nella terza settimana di confino, queste chiamate sono aumentate al + 53 % rispetto alla prima settimana. In attesa del possibile conteggio di tutte le vittime, il numero di chiamate urgenti a 119, comprese quelle che richiedono un intervento immediato della polizia, è esploso del + 60 % rispetto allo stesso periodo del 2019.

Ragazze e bambini LGBTI sono singolarmente colpiti da questa violenza domestica [1], non sono state prese misure contro di loro durante il periodo in cui le associazioni femministe e comunitarie hanno visto la loro attività ridotta dal confinamento.

Violenza contro i bambini necessariamente sottovalutata
È stato inoltre istituito un sistema per denunciare tale violenza su Internet per soddisfare le esigenze dei bambini che non possono isolarsi con l'accesso telefonico. Ovviamente, molte ragazze e ragazzi che sono soggetti a questa violenza non hanno accesso a Internet e i professionisti della protezione dei minori temono il conteggio che dovrà essere effettuato dopo il parto. Oggi si stima che ogni giorno 52.000 bambini siano vittime di violenze fisiche, sessuali e psicologiche in Francia. Rinchiusi con i loro carnefici, invisibili dietro le mura, diversi bambini sono già morti dall'inizio del parto. Altri sono stati senzatetto dai loro genitori.

Protezione e confinamento dei bambini, l'equazione impossibile
Molte associazioni si sono chiuse durante il parto, rendendo talvolta molto complicati i viaggi per il benessere dei bambini. I professionisti della protezione dell'infanzia non erano nemmeno considerati una priorità per la distribuzione di maschere e soluzioni idroalcoliche, chiedendo loro di intervenire a volte sfidando la propria salute. Dei 350.000 bambini colpiti oggi dai servizi di protezione dell'infanzia, oltre 80.000 sono oggi collocati in case o alloggi indipendenti. Le difficoltà sono aggravate in cella lì, ed efficace, così come la mancanza di mezzi finanziari già gridando in tempi normali, rendono la situazione esplosiva per i bambini come loro educatore granite [2].

Pensiamo che sia importante considerare i bambini come soggetti a pieno titolo con i propri bisogni. Oltre alla necessità, come tutto per tutti, di dormire, bere, mangiare, ecc., I bambini devono anche comunicare, imparare, esplorare, beneficiare di un ambiente sicuro ed emotivo, essere apprezzato e rispettato. L'impatto di questo parto sui bambini non è banale poiché vengono violati i loro diritti e bisogni fondamentali. Questa situazione dovrebbe consentirci di rafforzare la nostra attenzione e il nostro ascolto, e di non rendere i bambini i capri espiatori di una situazione che nessuno ha scelto.

Unione comunista libertaria, 3 maggio 2020.

convalidare

[1] Difensore dei diritti, Studio sulla violenza domestica: le ragazze e i giovani lgbt sono i più colpiti , 24/04/20.

[2] Forum di liberazione, Rifiuta che la protezione dei minori viene sacrificata nella lotta contro la pandemia , 23/04/20.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Les-enfants-victimes-invisibles-du-confinement
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center