A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) fdca-nordest: Contro la pandemia capitalista, solidarietà tra i popoli

Date Sun, 3 May 2020 08:22:33 +0300


La pandemia potrebbe essere l'innesco della crisi finanziaria prevista da tempo da tanti economisti seri. ---- Dopo la crisi del 2008, gli Sta-ti hanno impiegato enormi quantità di fondi pubblici per salvare operatori e banche priva-te, che in fondo non hanno cambiato nessuna delle loro prassi. ---- Così, ancora una volta, questa economia sarà sconvolta e ciò avverrà in pro-porzioni peggiori rispetto al 2008. ---- Con i licenziamenti e la sottoccupazione, que-sta crisi si abbatterà in primo luogo sulle classi popolari che dovranno affrontare un aumento della disoccupazione, dei posti di lavoro a tem-po parziale, del lavoro precario e della riduzio-ne dei salari.Per limitare i danni è necessario, da un lato rafforzare la protezione sociale, per attutire lo shock, e dall'altro far pagare il capitale.
E' anche importante rafforzare il sistema sa-nitario sotto controllo pubblico, con la piena fornitura e il finanziamento delle istituzioni di assistenza, la garanzia e la protezione dei diritti dei lavoratori della sanità, del commer-cio, dell'industria sanitaria, dei lavoratori della logistica e dei trasporti, dei servizi pubblici e della popolazione agricola.
È essenziale promuovere una cultura della vita e della solidarietà, dell'autoprotezione e dell'as-sistenza collettiva che ci permetta di superare il panico reale e il senso di "ognuno per sé".L'isolamento non può dipen-dere dalla gerarchia sociale. E non possiamo accettare misure che, oggi, non abbiano una dimensione di classe.
Vogliamo che la crisi sia pa-gata dai ricchi: che tutte le attività economiche che non sono di base si fermino, che tutte le aziende garantiscano i mezzi per garantire il telelavoro, se necessario, e che nessun lavoratore perda il proprio sala-rio durante l'isolamento.
Nel caso delle grandi aziende, questi stipendi non devono provenire da fondi pubblici.
E che le grandi fortune e le aziende siano obbligate a pagare più tasse e non eludere in paradisi fiscali. Pertanto, deve essere chiuso tutto quello che non è essenziale, imprese e servizi, con mantenimento integrale del reddito per i lavoratori in disoccupazione tecnica, compresi quelli in condizione di preca-rietà (dipendenti temporanei, subappaltatori, lavoratori autonomi, ecc.) .
Solo i settori vitali dovrebbero continuare a la-vorare come l'assistenza medica, il rifornimento delle scorte e l'informazione della popolazione.
Pensiamo in particolare al sistema sanitario, settori agroalimentare e agricolo, trasporti, distribuzione alimentare e sanitaria, mezzi audiovisivi e internet per la diffusione delle in-dicazioni.
I lavoratori di questi settori sono in prima linea: salvare le persone cade sulle loro spalle.
Dobbiamo onorarli, aiutarli, sostenerli, iniziando a garantire la sicurezza dei loro figli con misure di prevenzione e protezione.

Allo stesso tempo, sia per ragioni di efficacia, sia per evitare gli sporchi guadagni dei beneficiari della crisi, dobbiamo intervenire sulle impre-se private di questi settori, in particolare della sanità, e integrarle nel servizio pubblico, rior-ganizzare la catena di produzione per pro-teggersi dal virus, con protocolli di prevenzione adeguati. Inoltre, è urgente riorganizzare l'intera produ-zione e i servizi. L'industria bellica ad esempio deve essere riconvertita a granatire protezione
e mezzi di sussistenza per tutti. Se lo Stato e i datori di lavoro non lo vogliono, allora tocca ai lavoratori imporlo. La salute non può essere in mano ai privati, e questa crisi lo ha dimostrato.
Esigiamo il divieto di licenziamenti durante il periodo di isolamento, sostenendo gli stipendi non solo dei lavoratori dipendenti ma anche di precari, interinali, con contratto a tempo de-terminato e dipendenti occulti (Uber e riders per esempio)

Vogliamo il blocco, non la sospensione, delle politiche di attacco alle pensioni e al welfare pubblico.
Non sono i tagli del trasporto pub-blico a ridurre gli assembramenti e i vettori di contagioInvece è necessaria la confisca di case vuote, affitti Airbnb e simili, stanze d'albergo, per permettere un isolamento sanitario decente alle persone senza fissa dimora, ai migranti che sopravvivono in campi selvaggi o chiusi in centri di detenzione, ai lavoratori illegali a vol-te accatastati in case malsane o agli occupanti abusiviA fronte delle più basse entrate economiche, esi-giamo una moratoria sugli affitti e sulle bollette di energia, acqua, telefono e internet, l divieto di sfratto e di sgombero e un affitto di base per le persone che si trovano in condizioni di povertà.
Contrasteremo le derive antiabortiste e rea-zionarie presenti in diversi paesi e al contra-rio esigiamo misure contro le violenze contro le donne, per ridurre le prevedibili conseguenze dell'isolamento, la chiusura dei centri di inter-namento e detenzione dei migranti e efficaci misure che garantiscano loro il diritto alla sa-lute.I governi sono stati presi di sorpresa da questa situazione. Se i movimenti sociali e i sindacati si impegneranno a affrontare i problemi senza esitazioni, possiamo ottenere quanto chiedia-mo.
Ma è fondamentale che tutti i lavoratori determinati e consapevoli si dotino di strumen-ti sindacali adeguati per raggruppare i loro col-leghi su basi solidali e combattive.E' imperativo avanzare nel mezzo di questa crisi su questa strada, tessendo legami solidali dal basso, rafforzando le organizzazioni popo-lari e costruendo di fatto un vero fronte delle classi oppresse che possa essere oggi artefice di lotte rivendicative e domani alla ricerca di una società libertaria, federalista e con una democrazia diretta.

Sulla base del comunicato congiunto pubblicato su anarkismo.net

http://fdca-nordest.blogspot.com/2020/04/contro-la-pandemia-capitalista.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center