A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) anarkismo.net: Catalunya e i libertari. Conversazione con Embat sulla crisi catalana. di José Antonio Gutiérrez D. (en, ca, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 1 Nov 2019 08:34:21 +0200


Le ultime settimane sono state difficili in Catalogna. Le immagini delle folle che protestano contro le frasi di "sedizione" agli ex membri della Generalitat, e la successiva repressione, hanno fatto il giro del mondo. Che l'ondata di proteste che attraversa il mondo raggiunga un angolo dell'Europa ed esponga il sistema alla sua violenza, spogliata delle sue rivendicazioni democratiche, è un fatto notevole. Con le sue modalità, con i suoi limiti e con la sua specificità, la Catalogna sta anche dimostrando la crisi affrontata dalle democrazie capitaliste nella presunta "fine della storia". Per capire meglio questo momento, abbiamo parlato con i membri dell'organizzazione libertaria catalana Embat. ---- 1. Che cosa significa la sentenza "procés" emessa dalla Corte Suprema?

La condanna condanna tra 9 e 13 anni vari politici che nel 2017 facevano parte del governo della Generalitat catalana. Sono condannati per "sedizione", sebbene sia caduta la pena della "ribellione" che, secondo la Costituzione spagnola, richiederebbe una violenta rivolta contro lo stato. La frase ha voluto essere esemplare in modo da non essere ripetuta di nuovo. Come aneddoto, sembra scritto nella frase che un consigliere della Generalitat era responsabile del Dipartimento della Pubblica Istruzione quando non lo era, quindi dovrebbe essere una risoluzione non valida. Inoltre, il presidente del parlamento catalano è condannato per aver consentito il dibattito in cui è stata votata la risoluzione sull'indipendenza. Ciò limita l'autonomia che qualsiasi parlamento potrebbe avere in Spagna per discutere delle questioni che desideri.

Infine, i leader delle entità civili Assemble Nacional Catalana (ANC) e nimnium Cultural sono condannati a una pena detentiva di 9 anni. Questa convinzione è quella di salire su un'auto della polizia per annullare la manifestazione che stava scaldando in quel momento. Mandarono le persone a casa loro e le condannarono. Ciò solleva una giurisprudenza nei confronti dei movimenti sociali e sindacali, poiché qualsiasi concentrazione, per quanto pacifica e calma, potrebbe essere considerata sediziosa dalle autorità. E se c'è violenza, può essere trattato come un crimine di ribellione, con condanne da 10 (a semplici partecipanti) a 30 (a induttori o leader) anni in prigione, a seconda del grado di responsabilità o coinvolgimento di ciascuno.

Si può vedere che, al fine di condannare questi leader politici e sociali, la Corte Suprema approva la giustizia per vendicarsi.

2. Come è stata la protesta della popolazione catalana? Quali settori si sono mobilitati e chi ha organizzato o chiamato la protesta?

La protesta in realtà dura molti anni con alti e bassi. In questo caso specifico, le organizzazioni civili e molte organizzazioni indipendenti di base, come il CdR (o i Comitati di difesa della Repubblica) stavano preparando una risposta. A causa delle lotte interne tra i partiti politici catalani, l'umore era basso e non era chiaro quale sarebbe stata la risposta. Tuttavia, dall'estate è apparsa una nuova piattaforma a parte quanto sopra, sebbene sicuramente con componenti di tutte le aree, chiamata Tsunami Democràtic. Nel mese di settembre hanno attivato il loro canale Telegram che in poche settimane ha raggiunto 350.000 persone. Quindi potevi vedere che c'era interesse, e di più quando una settimana prima si sapeva già che la condanna sarebbe stata condannata. Anche così, se la sentenza fosse stata emessa lunedì 14, due o tre giorni prima che la sentenza fosse trapelata tra politici della destra e dei media e loro lo avessero accennato ai media. Questo ha irritato notevolmente l'umore.

In questo modo, quando la sentenza fu conosciuta, la mattina del 14, gli spiriti erano già molto caldi. Gli studenti hanno rapidamente chiamato uno sciopero e svuotato le lezioni. Alcuni blocchi sono stati fatti su strade o concentrazioni di fronte a edifici pubblici. Nel pomeriggio, lo Tsunami Democràtic ha chiamato per bloccare l'aeroporto di Barcellona-El Prat, emulando le proteste di Hong Kong. E la situazione si è intensificata esponenzialmente. Come sappiamo, sono stati cancellati più di 100 voli, anche se non è stato possibile chiudere l'aeroporto ma l'ingresso e l'uscita dei passeggeri sono stati bloccati. La polizia ha dovuto tagliare tutti gli accessi e la compagnia ferroviaria ha cancellato la linea. Ancora gente veniva a piedi da Barcellona, a volte attraversando i frutteti per migliaia di persone. Per la prima volta ha caricato la polizia catalana (chiamata Mossos d ' Esquadra) contro il popolo e non indietreggiò, qualcosa che non fu visto qui dopo le rivolte prodotte dagli sfratti dei centri sociali o dagli scioperi generali. C'erano scene di forte combattività che non sono comuni nello stato spagnolo.

Ma questo non è rimasto a Barcellona, nelle città più importanti della Catalogna come Girona, Lleida, Tarragona, Mataró, Manresa, Igualada, Vic, Reus ... le concentrazioni e le manifestazioni erano enormi. Di solito sono chiamati dai CDR ma a volte nemmeno quello, sono stati convocati da soli dai gruppi di Telegram. I tagli stradali furono annunciati come una flebo. E ogni giorno per tutta la settimana (e alcuni ancora durano) vengono convocati nuovi tagli.

Per riassumere i convocatori sono: Tsunami Democràtic, CDR, movimento studentesco e General Strike del 18 ottobre, in particolare l'Intersindical CSC e Intersindical Alternativa, IAC. Vorrei sottolineare che molte persone si sono chiamate e che con l'aumentare delle mobilitazioni e delle rivolte, si sono aggiunte molte nuove persone.

3. In particolare, quale ruolo hanno avuto i lavoratori e le loro organizzazioni di classe in queste proteste?

Il mondo del lavoro è diventato molto irregolare. Ad esempio, il settore dell'istruzione e il settore del servizio pubblico o pubblico hanno distaccato, in generale, l'atmosfera delle proteste e seguito lo sciopero. Ma gli altri settori no. Ciò è dovuto alla forte influenza dei sindacati CCOO e UGT che si rifiutano di convocare qualsiasi cosa in Catalogna per paura di perdere forza nel resto dello stato, che di solito vede la Catalogna come un "problema" in linea con il bombardamento dei media Comunicazione contro questa terra.

Lo sciopero del 18O è stato seguito da un bel po 'di persone nel settore dei servizi e nel commercio, un settore che di solito è poco mobilitato. Ciò è dovuto alle simpatie di indipendenza di non pochi datori di lavoro che hanno chiuso le porte senza più. Ma è stato anche combinato con i lavoratori che chiedevano uno sciopero. Dove lo sciopero è stato meno notato è nel settore industriale in cui i sindacati chiamanti hanno meno peso.

Va detto che sono piccoli sindacati per la Catalogna, ma sono riusciti a effettuare le loro chiamate in tempi di grande agitazione. Pertanto le sue chiamate servono come scusa per il movimento di indipendenza popolare per fermare tutto.

4. Come libertari, come valutano la loro posizione e il loro contributo a questa protesta?

Il settore libertario ha cercato di segnare le distanze sia dalla repressione del governo centrale che dai partiti politici catalani. In effetti, una parte l'ha persino vissuta a distanza. Sappiamo che nulla ci lega da nessuna parte. Ma molte chiamate sono state fatte dai nostri ranghi per partecipare a manifestazioni e blocchi di strada. Sappiamo che ci sono state centinaia o migliaia (né sappiamo quanti siamo) di compagni e compagni del movimento libertario che sono stati negli eventi di questi giorni. Ma le organizzazioni libertarie non convocano più di una manifestazione contro la repressione sabato 19 nel pomeriggio. Lo sciopero generale non è stato supportato dalle organizzazioni sindacali anarco-sindacaliste e abbiamo potuto vedere come sono andati diversi sindacati locali e sezioni sindacali di queste organizzazioni,

Ed è che nel mezzo di una rivolta popolare non c'erano pochi libertari (la maggior parte provengono dal resto dello stato, anche se c'erano anche nativi della Catalogna) che invocavano Internet contro le mobilitazioni perché provenivano da un movimento "nazionalista" e "razzista" e perché Volevano costruire un nuovo stato. Sono esempi di conservatorismo in cui vive il movimento anarchico europeo, che è facilmente superato dagli eventi. Dimostra anche il centralismo o il sindacalismo che permea gran parte del movimento libertario spagnolo, che presume di essere un federalista e quindi impedisce ai partiti di avere una vera autonomia (molto meno indipendente).

E vogliamo chiarire che a livello di base esiste una percentuale molto importante di persone che vogliono l'indipendenza dalla Catalogna perché non si riflettono nel progetto sociale e politico che rappresenta la Spagna, collegato da un lato al progetto neoliberista più aggressivo e con autoritarismo dall'altro. L'indipendenza è considerata uno spazio politico per ottenere una maggiore giustizia sociale. Tuttavia, ciò non significa che non vi siano neoliberali tra l'indipendenza che desiderano attuare la loro tesi. È il tuo più grande rischio e allo stesso tempo il tuo più grande onere, in effetti.

5. Queste proteste fanno parte del processo aperto 1-O? Quali sono le linee di continuità e rottura tra questi due momenti di ribellione?

L'attuale processo di indipendenza viene dal 2006. Ha alti e bassi ma è latente in una parte della società - e non in tutto, dal momento che molte persone che sentono lo spagnolo vivono in Catalogna. Quindi questo movimento sembra attivarsi all'improvviso nel giro di poche settimane, fa alcune azioni spettacolari e poi ritorna alla routine e alla vita dei partiti politici con le loro lotte per il potere. Nel corso del tempo le parti, di fronte alla pressione sociale mobilitata dalle entità civili ANC e nimniun Cultural, hanno dovuto posizionarsi chiaramente a favore dell'indipendenza. Avevano spaccato di chi non era d'accordo. Le masse li hanno costretti a convocare una consultazione nel 2014. E poi di nuovo nel 2017. Vogliamo dire che ogni due o tre anni c'è un periodo elevato di mobilitazione forte come quello attuale. Ma ci sono esempi nel 2010,

In realtà, è andato oltre che mai per mettere in discussione la legittimità della violenza e dell'autodifesa dei manifestanti di fronte alla brutalità della polizia. Le persone che hanno mostrato il pacifismo sono state messe in prigione. Le strade sono esplose quando hanno imprigionato i pacifisti che erano soliti fare un tappo o una barriera in modo che le emozioni non diventassero troppo calde. Ora c'è stata una pausa. Tutti gli attori cercano di riportare le acque sul loro canale e condannare fermamente la violenza delle proteste giocando lo stesso gioco dello stato. L'importante è che ci siano state molte persone che hanno visto altre tattiche in azione.

6. Quali prospettive vedi a queste manifestazioni? Sono solo un'espressione di un fenomeno ciclico o stanno esprimendo un malessere più profondo e un potenziale di portata maggiore?

Puoi vedere che c'è molto disagio contro l'autoritarismo dello stato spagnolo. Manifestazioni in altre città spagnole come Madrid, Vitoria, Valencia o Granada si sono concluse con accuse di polizia, gare e arresti. Non ti sarà permesso in alcun modo di collegarti con la Catalogna. Questo scenario dà il panico all'oligarchia. Anche Pablo Iglesias, Íñigo Errejón e Alberto Garzón, che sono i leader della presunta nuova sinistra, stanno giocando questo gioco di isolamento e criminalizzazione della Catalogna. Non dovresti mai dimenticare il tuo ruolo in questo conflitto: hanno dato il loro sostegno allo stato e alle forze di sicurezza quando c'è stata una rivolta per strada. È chiaro che la sinistra spagnola preferisce una Spagna nelle mani dell'estrema destra rispetto a una Spagna rotta. Non offrono alcuna proposta territoriale alternativa che possa convincere i catalani a rimanere in Spagna. Forse perché succede tutto per abolire una monarchia intoccabile o per espellere l'intero settore ultranazionalista spagnolo dalla magistratura, dall'esercito e dalla polizia. Ecco perché le porte del dialogo si chiudono. I catalani, da un lato, pensano di lasciare la Spagna, mentre gli spagnoli credono che i catalani non siano favorevoli ed egoisti e scelgono a destra. Come puoi vedere, è un conflitto che dura da molto tempo e che nessuno vuole risolvere. La sinistra anticapitalista e libertaria deve schierarsi dalla parte della questione perché oggi è centrale nella vita pubblica spagnola. dall'esercito e dalla polizia all'intero settore ultranazionalista spagnolo. Ecco perché le porte del dialogo si chiudono. I catalani, da un lato, pensano di lasciare la Spagna, mentre gli spagnoli credono che i catalani non siano favorevoli ed egoisti e scelgono a destra. Come puoi vedere, è un conflitto che dura da molto tempo e che nessuno vuole risolvere. La sinistra anticapitalista e libertaria deve schierarsi dalla parte della questione perché oggi è centrale nella vita pubblica spagnola. dall'esercito e dalla polizia all'intero settore ultranazionalista spagnolo. Ecco perché le porte del dialogo si chiudono. I catalani, da un lato, pensano di lasciare la Spagna, mentre gli spagnoli credono che i catalani non siano favorevoli ed egoisti e scelgono a destra. Come puoi vedere, è un conflitto che dura da molto tempo e che nessuno vuole risolvere. La sinistra anticapitalista e libertaria deve schierarsi dalla parte della questione perché oggi è centrale nella vita pubblica spagnola.

https://www.anarkismo.net/article/31628
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center