A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Union Communiste Libertaire AL #298 - FLN-MNA: una guerra fratricida nella guerra algerina (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 27 Oct 2019 07:51:07 +0200


Il 17 settembre 1959, un gruppo armato del Fronte di liberazione nazionale (FLN) tentò di assassinare Messali Hadj, il vecchio leader algerino a Gouvieux (Oise). Questo fallito attacco al pioniere della causa dell'indipendenza algerina è un episodio significativo della violenta competizione che le organizzazioni nazionaliste, che sostenevano di rappresentare il popolo algerino nella lotta contro il colonialismo francese, stavano conducendo. Squalificato politicamente, fisicamente eliminato, l'Algerian National Movement (MNA) Messli Hadj fu poi cancellato dalla memoria algerina. ---- " Questa è la prima volta che un attacco è stato commesso contro di me. In una lotta rivoluzionaria, nel mezzo dell'insurrezione, è qualcosa che accade più velocemente degli affitti. In passato, le persone hanno lottato nei forum pubblici, in incontri contraddittori. Ora è un altro esercizio. Starò nella casa padronale di Toutevoie. Qui, come altrove, la lotta continuerà. "

Un momento violento
Attraverso questa dichiarazione pubblicata su Le Figaroil giorno dopo l'attacco, Messali evidenzia il contrasto tra i primi giorni della causa anticolonialista, materializzato dalla creazione della stella sudafricana (ENA) nel 1926, nel grembo dell'Internazionale comunista, e il contesto inaugurato da lo scoppio della lotta armata da parte del FLN, 1 novembre 1954. L'attivista nativo di Tlemcen, scacciato dalla povertà, emigrò in gioventù nella capitale dell'impero francese prima di incarnarsi per tre decenni, il causa a causa della sua perseveranza e delle persecuzioni inflitte dai governi, destra e sinistra. Tuttavia, il suo prestigio fu messo in dubbio quando il suo partito, il Movimento per il trionfo delle libertà democratiche (MTLD), si divise nell'estate del 1954,

Il suo obiettivo dichiarato era " il ripristino dello stato sovrano, democratico e sociale algerino nel quadro dei principi islamici. Mentre rivendica il monopolio della rappresentazione del popolo algerino in lotta contro il colonialismo francese. L'uso della violenza fisica per rovesciare lo status quo coloniale - che divenne inevitabile agli occhi dei giovani algerini traumatizzati dai massacri di Setif, Guelma e Kherrata nel maggio 1945 - combinato con la feroce repressione dello stato francese - con la sua quota di Arresti, torture, stupri, esecuzioni sommarie o distruzione massiccia - hanno contribuito alla fine brutale di un periodo caratterizzato dalla lenta cristallizzazione delle correnti politiche concorrenti, senza mai essere veramente pacifico. Altri, come il Movimento libertario nordafricano (MLNA), l'organizzazione gemella della Federazione comunista libertaria (FCL), hanno avuto un intervento troppo confidenziale,

La rivalità con il FLN
" Non puoi incriminare il FLN. L'attacco è opera di una frazione di attivisti dissenzienti, probabilmente quella responsabile dell'omicidio del senatore Constantinois Benhabylès a Vichy. Questa fiducia nell'entourage di Messali nel popolare quotidiano France-Soir , poco dopo l'attacco, fece riferimento all'assassinio, nell'agosto 1959, del noto Chérif Benhabylès, amico di Ferhat Abbas, allora presidente del governo provvisorio di Francia. Repubblica d'Algeria (GPRA) e che hanno preso posizione contro " integrazione " e " pacificazione ". Eppure, secondo alcuni leader " frontisti " "(Vale a dire il FLN), l'eliminazione del senatore presto settuagenario sembrava necessaria per incitare la borghesia autoctona ad allontanarsi dalla" terza forza "che cercava di emergere tra i partigiani del L'Algeria francese e quelle di indipendenza sotto l'egida della FLN. Quest'ultima organizzazione non è stata chiaramente designata dai Messaggeri dopo l'attacco al loro storico leader. Pochi giorni dopo, è accennato alla Mondiale che il " duro FLN" avrebbe potuto " fare l'atto ", anche se era meglio " aspettare per l'indagine Per decidere. Questa riserva pubblica dei circoli dell'MNA fu compresa solo nel cortile dei tentativi, in ritardo e vano, di porre fine ai " combattimenti fratricidi " quando invitò Messali in un nuovo appello lanciato l'11 giugno 1959. Questo testo fu esortato a " Provare di tutto per porre fine alle sanguinose lotte che stanno strappando gli algerini l'uno dall'altro e per rimuovere un gran numero di lavoratori e democratici francesi da una causa profondamente giusta. "

Il discorso messicano fu largamente ignorato dagli anticolonialisti francesi, ad eccezione di intellettuali, artisti e sindacalisti raggruppati attorno all'ex resister Jean Cassou o ad una rivista come La rivoluzione proletaria . I libertari o trotskisti che si erano impegnati all'inizio del conflitto a fianco dell'MNA, a volte in modo incondizionato, avevano subito il pieno crack della repressione e si erano allontanati dal partito messalista a causa della sua rapida perdita di influenza o posizioni. per non dire altro della sua direzione.

Al di là di questi circoli, gli elementi più risoluti nel sostenere la causa dell'indipendenza erano stati talvolta al servizio di un FLN egemonico, senza criticare il suo programma statistico o metodi non democratici, mentre allo stesso tempo delirante riguardo al potenziale rivoluzionario della lotta antimperialista. Soprattutto quando è gestito da uno stato-partito che rifiuta la libera espressione degli antagonismi sociali in nome di una concezione unanimista.

In una dichiarazione del 20 settembre 1959, la Federazione francese della FLN, sorprendentemente, si rifiutò di assumersi la responsabilità dell'attacco contro Messali in una lingua specifica per i burocrati di tutti i paesi: " questa" sparatoria "non può che essere una provocazione, una messa in scena o un accordo di conto interno tra gli ultimi discepoli del "profeta di Chantilly" .

Tempo di trattative
L'attacco contro il leader dell'MNA arrivò il giorno dopo il discorso di Charles de Gaulle che specificava la sua politica algerina e durante il quale il presidente della Quinta Repubblica, tornato al potere per risolvere la questione coloniale, propose il trittico: secessione , francizzazione o federazione. In una conferenza stampa tenutasi quattro giorni dopo l'attentato, il 21 settembre, nel maniero di Tousvoie, Messali dichiara, con una certa soddisfazione, "di aver preso atto del diritto all'autodeterminazione proclamato dal capo della "Stato francese ", formulando al contempo riserve sul periodo di quattro anni menzionato da de Gaulle e sui metodi di consultazione della popolazione.

Un documento prodotto dalla leadership messalista svilupperà ulteriormente le critiche al piano gollista enfatizzando la necessità dell'integrità del territorio algerino, incluso il Sahara, o rifiutando fermamente una concezione federale della nazione, usando la retorica islamica. " Non possiamo tollerare questa divisione dei musulmani algerini in comunità arabe, cabaliche e mozabite, cose contrarie ai principi islamici, unità nazionale e interesse comune. "

Il tempo sembrava propizio per i negoziati in cui l'NNA si stava preparando stabilendo le sue condizioni, nonostante il suo isolamento in Algeria e la perdita della sua roccaforte nell'emigrazione del lavoro nel FLN dal 1957. Quest'anno 1957 fu particolarmente crudele per MNA.

In Francia, i dirigenti dell'Unione dei sindacati dei lavoratori algerini (USTA), messalisti, erano stati assassinati dal FLN. In Algeria, a maggio, Katibas del FLN aveva massacrato 350 abitanti del villaggio di Melouza Beni-Illemane, accusati di essere messalisti. Pochi mesi dopo, Mohamed Bellounis, capo di un maquis dell'MNA, aveva annunciato di combattere ora il FLN insieme all'esercito francese. Una svolta catastrofica per l'immagine dell'MNA, mentre il FLN negherà a lungo la sua responsabilità nel massacro di Melouza.

Nel marzo del 1959, Vérités pour , un bollettino clandestino curato da Francis Jeanson, un fervente sostenitore del FLN, aveva ritenuto che Messali non fosse più in grado di essere un " vero interlocutore " e che le sue dichiarazioni, riportate in particolare dalla stampa gollista, dovevano solo " mantenere il mito di una diversità di tendenze all'interno del nazionalismo algerino ". Pertanto, questa pubblicazione ha denunciato, nell'azione dell'MNA, " una manovra confusionale compiuta dai francesi verso l'opinione francese ".

Non è stato fino a quasi due anni prima che la guida dell'MNA, con disappunto della sua ala più opportunistica, si rifiutasse di associarsi più alle manovre del governo francese che cercava di ritardare i negoziati con il pretesto della sua esistenza. eppure precario. In tal modo, Messali e i suoi ultimi seguaci hanno preso atto della loro indiscutibile battuta d'arresto. Totalmente sopraffatti dal FLN, non avevano più i mezzi per difendere alcuna politica indipendente. Il loro spazio politico era ancora più ristretto perché la divergenza ideologica FLN-MNA era ancora evidente. La leadership dell'MNA aveva la stessa matrice ideologica di molti quadri FLN influenzati dalle idee del risveglio arabo, del repubblicanesimo giacobino e di una certa relazione con il leninismo.

Il 17 settembre 1959, il comando FLN non riuscì a liquidare Messali e il suo moribondo NAM. Ma la repressione, le defezioni e gli errori dei leader nazionalisti, tutte le tendenze confuse, erano altrimenti devastanti per i lavoratori di Algeria e Francia, a causa dell'assenza di una corrente anti-autoritaria favorevole all'autogoverno. organizzazione delle masse in lotta contro ogni forma di oppressione e difesa di una concezione intransigente dell'internazionalismo.

Di Nedjib Sidi Moussa *

* Autore dell'Algeria, un'altra storia di indipendenza. Traiettorie rivoluzionarie dei sostenitori di Messali Hadj, PUF, 2019 . Ha anche raccolto e presentato i testi del situazionista internazionale, Discorso ai rivoluzionari dell'Algeria e di tutti i paesi (e altri testi), Libertalia, 2019.

CRONOLOGIA

Dal pioniere al capo caduto
20 giugno 1926: creazione a Parigi della stella nordafricana (ENA), la prima organizzazione algerina per l'indipendenza, guidata da Messali Hadj e collegata al Partito Comunista.

26 gennaio 1937: scioglimento dell'ENA da parte del Fronte popolare.

11 marzo 1937: i militanti dell'ENA dissolta creano il Partito popolare algerino (APP).

1946: il PPA diventa un movimento per il trionfo delle libertà democratiche (MTLD).

14 luglio 1954: Congresso MTLD ad Hornu (Belgio). Il partito è diviso tra " messalisti ", " centralisti " e " attivisti ". Questi ultimi si stanno preparando a fondare il FLN per passare alla lotta armata.

1 ° novembre 1954: azioni armate innescate dal FLN in Algeria.

8 novembre 1954: scioglimento dell'MTLD da parte dello Stato francese. È rinato come il movimento nazionale algerino (MNA).

24 marzo 1956: il governo francese pone Messali Hadj agli arresti domiciliari a Belle-Île-en-Mer.

13 agosto 1956: Congresso del FLN Soummam.

29 maggio 1957: Katibas FLN massacra 315 messicani di villici Melouza-Beni Illemane.

1 ° settembre 1957: Chiamata Messali Hadj contro le lotte fratricide.

24 novembre 1957: morte a Parigi di Embarek Filali, cofondatore del PPA, a seguito di un attacco.

4 dicembre 1957: il leader dell'MNA Mohammed Bellounis annuncia di combattere il FLN insieme alla Francia.

14 luglio 1958: Mohammed Bellounis viene giustiziato dall'esercito francese.

15 gennaio 1959: Messali Hadj, autorizzato a lasciare Belle-Île-en-Mer, si stabilisce a Gouvieux.

11 giugno 1959: Messali Hadj lancia un nuovo appello contro la violenza fratricida.

17 settembre 1959: attacco fallito Messali Hadj.

22 ottobre 1959: Assassinio a Colonia Ahmed Nesbah, leader dell'ANM si unisce al FLN.

5 luglio 1962: proclamazione dell'indipendenza dell'Algeria.

3 giugno 1974: morte di Messali Hadj, rimase in esilio in Francia dopo l'indipendenza. Lo stato-FLN manterrà a lungo un tabù attorno alla sua memoria.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?FLN-MNA-une-guerre-fratricide-dans-la-guerre-d-Algerie
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center