A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL Hautes-Alpes , UCL Montreuil - internazionale, Il Rojava deve vivere, dobbiamo fermare l'invasione dell'esercito turco (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Mon, 14 Oct 2019 14:55:17 +0300


Con il via libera degli Stati Uniti, l'esercito turco e i suoi ausiliari islamici hanno iniziato l'attacco. All'inizio del 2018, con una luce verde simile dalla Russia, lo stesso ha invaso il comune di Afrin, provocando distruzione, massacri e diffusa pulizia etnica. Oggi possiamo temere una ripetizione di questo scenario. L'equilibrio tra gli imperialismi rivali, che aveva beneficiato della sinistra curda per cinque anni, è ora rotto. Questo tradimento era previsto. La sinistra curda è ora sola contro i carri armati e l'aviazione turchi. Supporto totale per la resistenza popolare nel nord della Siria ! ---- La sera del 6 ottobre, Trump annunciò all'improvviso l'immediato ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria settentrionale, che fino ad ora aveva svolto un ruolo dissuasivo contro un'invasione turca. Allo stesso modo, la stessa Casa Bianca ha annunciato che Ankara sarebbe stata in grado di lanciare il suo piano per occupare il Rojava.

L'8 ottobre al mattino, retrocessione: solo cinquanta soldati sarebbero stati riassegnati lontano dal confine, e Trump, in un tweet sconcertante, ha promesso nella sua "grande e incomparabile saggezza" che se l'operazione turca "supera i limiti" (che ?), "distruggerà e distruggerà completamente l'economia turca".

Le stesse parole della comunicazione degli Stati Uniti mostrano quanto credito debba essere dato, oltre alla cacofonia a Washington tra la Casa Bianca, il Congresso, il Pentagono e la CIA ...

Erdogan e Trump sono in programma di incontrarsi alla Casa Bianca il 13 novembre.
cc Anadolu
SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE
Il Consiglio democratico curdo in Francia (CDKF) chiede raduni di protesta in tutta la Francia . L'UCL partecipa, anche d'impulso:

Bordeaux: sabato 12 ottobre, 14:00, Place de la Bourse
Fougères: sabato 12 ottobre alle 18h, Place Aristide-Briand
Grenoble: mercoledì 9 ottobre, 18h, Place Félix-Poulat
Lione: sabato 12 ottobre, 15:30, Place Bellecou
Marsiglia: sabato 12 ottobre, 14:00, Canebière
Montpellier: venerdì 11 ottobre, giardini Peyrou
Nantes: sabato 12 ottobre, 16:00, Place du Commerce
Parigi: sabato 12 ottobre, 14:00, Place de la République
Poitiers: sabato 12 ottobre alle 10:30, Piazza del Mercato
Strasburgo: mercoledì 9 ottobre, alle 18.30, di fronte al Consiglio d'Europa, e sabato 12 ottobre, alle 14:00, Place Kléber
Tolosa: mercoledì 9 ottobre, 18:30, metropolitana Jean-Jaurès
Tour: sabato 12 ottobre, ore 15:00 luogo Jean-Jaurès
I soldati statunitensi non ostacoleranno più l'esercito turco
La "ridistribuzione" delle truppe statunitensi a sud significa che non ostacoleranno più un'incursione turca oltre il confine siriano.

Ma la pretesa di Ankara è quella di poter occupare una striscia di territorio profonda 30 chilometri lungo tutto il suo confine, sotto una "zona cuscinetto", dicendo per ragioni di "sicurezza". Il fatto è che la maggior parte delle principali città del Rojava si trova in questa zona cuscinetto: Qamislô (capitale dell'Amministrazione autonoma settentrionale e orientale della Siria), Kobanê, Tal-Abyad, Derîk ...

Ankara sta pianificando apertamente di installare una parte dei 3 milioni di rifugiati siriani che vivono sul suo territorio, secondo la vecchia politica ottomana di espellere le persone in base agli interessi politici del momento. Tale impegno non dispiacerebbe necessariamente a Bachar el Assad. Potrebbe persino essere compatibile con la politica della "linea verde" guidata dalla dittatura siriana negli anni 1970. Consisteva nel rendere i curdi nella minoranza del Rojava, espropriando la loro terra a beneficio delle famiglie arabe impiantate di proposito. in una logica colonialista ben nota in Occidente.

Dopo Afrîn, una nuova pulizia etnica ?
Possiamo immaginare che domani, Kobanê, dove la sinistra curda ha fermato l'espansione jihadista, è occupato dall'esercito turco, che sponsorizza Daesh da anni ? Daesh trarrà sicuramente beneficio da questa invasione per trasferirsi e rilanciare i suoi abusi.

Nel marzo 2018, l'esercito turco e i suoi detenuti islamici dell'ASL hanno sequestrato il cantone curdo di Afrin.
cc VOA
L'invasione del Cantone di Afrin all'inizio del 2018 ha lasciato migliaia di morti e ha portato alla pulizia etnica, con 250.000 curdi sfollati dalle loro case e sostituiti dalle famiglie mercenarie dell'Esercito siriano libero ( ASL). Oggi si ha diritto a temere, nel peggiore dei casi, la ripetizione di un'invasione di questo tipo.

Sul posto, tutto il popolo si sta preparando per una guerra totale, assumendo posti strategici e immagazzinando cibo. Una simile battaglia determinerà senza dubbio la continuazione o l'annientamento dell'esperienza rivoluzionaria in atto nel Rojava. Ieri, tutte le scuole e le istituzioni sono state chiuse per consentire a tutti di manifestare contro la minaccia.

La solidarietà è fondamentale, deve continuare ad essere ascoltata per difendere la libertà e la rivoluzione in Kurdistan. Lunga vita alla lotta dei popoli della Siria settentrionale per la loro autonomia, contro i calcoli imperialisti di tutti i tiranni !

Guillaume (UCL Montreuil), Édouard (UCL Hautes-Alpes)

Gli obiettivi della guerra turca, come difeso dall'agenzia TRT, una farmacia pro-Ankara.
cc TRT

https://unioncommunistelibertaire.org/?La-cacophonie-a-Washington-n-interdit-pas-une-attaque-turque-sur-le-Rojava
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center