A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Union Communiste Libertaire AL #298 - Ritiri: se Macron ha paura, possiamo vincere! (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Fri, 11 Oct 2019 09:24:20 +0300


Non c'è dubbio sulla volontà della borghesia di rompere definitivamente le pensioni di solidarietà, ma Macron sa che sta camminando sulla brace. La "riforma" prevista dopo le elezioni europee è rinviata dopo le elezioni comunali e programmata per essere votata a luglio 2020 durante le vacanze ... Dipendenti e liberali, piano generale e diete speciali tutti insieme possiamo vincere. Sta a noi trasformare la paura in rotta ! ---- Questa non è un'altra "riforma". Con il pensionamento puntuale, previsto per luglio 2020, è la distruzione definitiva del sistema di solidarietà di cui stiamo parlando. Deve essere chiaro che il declino delle nostre pensioni non è l'obiettivo in sé, ma i mezzi per raggiungere tre obiettivi strategici: estendere l'orario di lavoro (settimana, mese, anno, per la vita ... perché è così che il dipendente produce più ricchezza) ; allineare la percentuale del PIL speso per le pensioni alla media europea (quindi abbassarla) ; offrire l'enorme contributo apportato al settore assicurativo e bancario.

Così Delevoye, ora ministro, evoca il calcolo per tutta la carriera, perché integrando i nostri primi anni di occupazione con microsales, il declino del salario medio di riferimento è automatico. Ciò ovviamente comporta la necessità di lavorare più a lungo per qualificarsi per una partenza senza uno sconto. Se si mantiene la formula dell'età cardine o quarti aggiuntivi non cambia il caso.

Con la fusione del regime autonomo (RSI) nel sistema generale e la prospettiva dell'estinzione di regimi speciali (ad eccezione di poliziotti e militari, il nucleo duro dello stato !) Tutti sono preoccupati. È quindi ben al di là dei soli dipendenti del regime generale che è necessario mobilitarsi. Questo è anche ciò che i dipendenti della RATP hanno improvvisamente trovato una combattiva sgargiante, e le professioni liberali che hanno avuto un primo giorno di azione piuttosto successo. I giorni d'azione del 21 e 24 settembre, con il solo di FO da un lato, i CGT-Solidaires dall'altro, non hanno tuonato.

È quindi un'alchimia complessa che deve convergere. È probabile che i beneficiari dei 42 regimi speciali siano la forza trainante della mobilitazione imminente: hanno più da perdere e possono avere l'idea di vincere per la loro società, che è più difficile sperare a livello generale per altri dipendenti.

Il corporativismo è un veleno solo se è egoista
La scomparsa di diete speciali è presentata da Macron come il ristabilimento di una pensione giusta per tutti. In realtà è un allineamento dal basso verso l'alto in cui nessuno vincerà ! Dobbiamo vincere questa battaglia di comunicazione se vogliamo allo stesso tempo che le corporazioni si mobilitino, che trascinino dietro di loro un movimento generale e che non rinunciano alla lotta non appena hanno ottenuto una soddisfazione parziale e provvisoria !

Il corporativismo è un veleno solo quando è egoista ! Dopo così tante sconfitte a livello generale dal 2010 in materia di pensioni o diritto del lavoro, è normale che le lotte ricadano su perimetri più piccoli in cui le persone hanno l'impressione di padroneggiare la posta in gioco e le opportunità di successo.

Naturalmente la lotta sarà essenziale per vincere. Ma il nostro problema per i prossimi mesi è costruirlo pazientemente, non urlare nel deserto tanto più forte perché nessuno sta ascoltando ! Il campo sindacale tradizionale, quello che aveva costruito i nostri successi dal dopoguerra, è un campo di rovine. È quindi un'opera di ricostruzione che ci sta davanti. Ed è possibile che la violenza degli attacchi neoliberali cumulativi alla fine provochi uno scoppio popolare, che il movimento dei giubbotti gialli ha parzialmente mostrato.

Jean-Yves (UCL Auvergne)

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Retraites-Si-Macron-a-peur-c-est-que-nous-pouvons-gagner
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center