A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) usi-ait: Una scelta coerente, una scelta di classe

Date Sun, 22 Oct 2017 08:33:50 +0300


E' ormai palese da molto tempo che le forze padronali in stretta alleanza con i vari governi e la sostanziale condivisione dei sindacati confederali (Cgil, Cisl, Uil), foglia dopo foglia, ci stanno rapidamente spogliando di tutte le principali conquiste ottenute dalle lotte del movimento dei lavoratori e lavoratrici, fino alla sterilizzazione di ogni forma di protesta. Ai padroni piace vincere facile! ---- La crisi dichiarata a gran voce è solo unicamente e pesantemente subita dalla classe lavoratrice e dalle categorie più povere della popolazione. Lo sappiamo prima ancora che lo documentino le statistiche che i ricchi si arricchiscono con la crisi. ---- Per contrastare questo massacro nella giornata del 27 ottobre è stato proclamato lo Sciopero Generale da parte di un "cartello" costituito di sindacati di base, conflittuali e alternativi - cub, SI cobas, SGB, USI - AIT, Slai Cobas - non firmatari dell'accordo del 10 gennaio 2014 che, come è noto, in cambio di una Rappresentanza Sindacale (TU) svuotata riduce fortemente la possibilità di sciopero e, soprattutto, lo vieta in occasione di accordi approvati di cui non si condividono i contenuti.

La piattaforma della proclamazione dello sciopero è ben articolata: forti aumenti salariali, riduzione generalizzata dell'orario di lavoro senza riduzione di salario e investimenti pubblici per ambiente e territorio; pensione a 60 anni o con 35 anni - per USI 30 - di contributi. L'abolizione della legge Fornero; fermare le privatizzazioni e le liberalizzazioni; garantire il diritto universale alla salute, all'abitare, alla scuola, alla mobilità pubblica e tutele reali di reddito per tutti; difendere il diritto di sciopero con l'abolizione delle leggi che lo vincolano; contrastare ogni tipo di guerra e di spese militari; rigettare l'accordo truffa del 10 gennaio 2014 sulla rappresentanza. E' un "cartello" sindacale che non ha avuto un percorso sempre lineare da parte di tutti i componenti e che si è consolidato nel tempo. Di sicuro l'USI - AIT ne ha fatto per intero tutte le tappe, anche quando sono risultate scomode, spinti da una coerenza di fondo che alla fine è stata premiata. Uno dei risultati migliori è stato l'ultimo sciopero nazionale del 16 giugno, che ha unito il settore dei trasporti e della logistica, proclamato dal medesimo "cartello", al quale si sono aggiunte altre sigle sindacali e soprattutto gruppi di lavoratori e lavoratrici anche in settori in cui i promotori non erano presenti. Ha ottenuto un importante risultato e la riuscita quello sciopero tanto da preoccupare seriamente il governo fino a minacciare ulteriori restrizioni di quello che rimane del diritto di sciopero. Sicuramente in quell'occasione ha fatto da volano la forte mobilitazione dei lavoratori dell'Alitalia che hanno sconfessato clamorosamente l'accordo fatto tra Azienda e sindacati confederali.

Proprio sull'onda di quel successo lo stesso "cartello" ha proclamato lo Sciopero Generale nella giornata del 27 ottobre, con un percorso che prevedeva come tappa importante la convocazione di una Assemblea Generale dei delegati e militanti di base sostenitori dell'appello che promuoveva quello sciopero. L' USB, che ha subito una scissione, quella di SGB, come conseguenza della firma del famigerato accordo, diffondeva un documento a partecipare allo Sciopero Generale già dichiarato purchè si spostasse in avanti, a metà novembre, prendendo a pretesto il fatto che la settimana successiva al 27 avevano un incontro internazionale, un pretesto francamente poco credibile, mentre si sapeva da oltre tre mesi della indizione dello sciopero. In questa scia s'infilavano anche la Conf. Cobas - anche loro sottoscrittori del medesimo accordo sulla Rappresentanza fasulla - con un proprio documento in cui proponevano di spostare lo sciopero a una settimana prima di USB per scioperare pur con una loro autonoma piattaforma e proprie modalità organizzative.
Insomma, l'importante non erano più i contenuti dello sciopero, ma quello di cambiare la data. Lo scopo vero di tali manovre era quello di riottenere una "legittimità", per uscire dalla discriminazione frutto delle loro scelte opportunistiche.
USB nel frattempo, dopo aver strombazzato la ricerca dell'unità dello sciopero, dichiarava per conto proprio uno sciopero nazionale di tutto il settore pubblico nella giornata del 17 novembre.
Premesso che nessuno è contrario all'allargamento dello Sciopero Generale, auspicando una protesta più allargata possibile, ma come è possibile accordarsi con chi rema contro al mantenimento di una conflittualità sindacale, aiutando il potere ad incatenare le lotte. Tutti i sindacati, anche con piattaforme proprie, possono partecipare alla giornata di sciopero indetta dai sindacati conflittuali. La vera sudditanza è quella di aver avallato l'accordo sulla falsa Rappresentanza concordata tra Confindustria e sindacati confederali a rischio che diventi legge come auspica il governo.
Sicuramente si è prodotta una dolorosa lacerazione nel fronte del sindacalismo di base con chi per opportunismo ha sottoscritto quegli accordi indecenti sulla Rappresentanza sindacale, è inutile nasconderlo, un muro molto alto è stato eretto. Ma ciascuno si assuma le proprie responsabilità. Non a caso nel documento unitario presentato all'apertura della gremitissima Assemblea Nazionale dei delegati e militanti svoltasi il 23 settembre a Milano si sottolineava che "... gravi sono le responsabilità anche di quelle sigle di "base" che, dopo aver aspramente criticato l'accordo del 10 gennaio sulla Rappresentanza, l'hanno opportunisticamente sottoscritto, rompendo, così, il fronte di unità con il sindacalismo conflittuale e favorendo le manovre padronali per la restrizione del diritto di sciopero."
I tanti interventi che si sono stati nel corso dell'Assemblea raccoglievano consensi sottolineati da applausi quando si sottolineavano i concetti di cui sopra e si confermava la data del 27 ottobre per lo Sciopero Generale.
Tutti coloro che auspicano il massimo unità del sindacalismo di base dovrebbero nei loro appelli rivolgere un perentorio invito verso chi ha sottoscritto l'infame accordo a ritirare la propria firma. E' l'unica condizione possibile per ristabilire un dialogo unitario.
La coerenza deve essere la bussola che ci guida se vogliamo uscire dal guado.
L'Assemblea terminava approvando una mozione in cui si affermava:"Le organizzazioni che hanno promosso l'assemblea e i partecipanti decidono di impegnarsi per far diventare lo sciopero del 27 l'occasione per unificare le lotte in corso e avviare un ciclo di lotte adeguato a contrastare le disuguaglianze prodotte dal sistema capitalistico e di rilanciare i conflitti in un percorso di costruzione di lotta di classe."
Dobbiamo lottare con le unghie e con i denti per riappropriarci dei diritti rubati, ma dobbiamo anche allargare la nostra visione nella prospettiva che un altro mondo è possibile.
Quando nelle nostre bandiere dell'USI - AIT riportiamo la scritta "né servi, né padroni" non è un semplice slogan ma un preciso obbiettivo da raggiungere. Senza la ripresa di una forte carica ideale non si fanno grandi conquiste come da sempre ci ha insegnato la storia.
Solo se riusciamo ad eliminare le scorie di una produzione inutile e dannosa, come sono dannose le guerre e le spese militari, e solo se riusciamo a imporre con la critica e la nostra lotta uno sviluppo produttivo utile e necessario legato all'interesse di tutta la società e non al profitto di pochi, usciremo dal tunnel in cui ci hanno costretto.
Abbiamo bisogno di far crescere un movimento che affronti seriamente ed efficacemente la questione della disuguaglianza sociale, perché solo in una società profondamente egualitaria ed autogestionaria ci può essere reale giustizia sociale.

Enrico Moroni

http://www.usi-ait.org/index.php/appuntamenti/75-nazionale/1429-una-scelta-coerente-una-scelta-di-classe
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center