A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Alternative Libertaire AL October - 1936: la rivoluzione spagnola sotto il segno del comunismo libertario (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Sat, 29 Oct 2016 17:24:09 +0300


E 'stato durante la rivoluzione spagnola del 1936 libertario influisce più vicino utopia che generazioni di attivisti avevano indossato tutti i giorni. Un'eccezionale esperienza di autogestione sta emergendo. Un esempio quasi unico nella storia del movimento operaio internazionale. ---- Non appena il colpo di stato militare (Rivolta) innescata dal generale Francisco Franco, 18 luglio 1936, la resistenza è organizzata. E 'soprattutto il risultato di sindacati e organizzazioni rivoluzionarie. Il governo del Fronte Popolare, eletto nel febbraio 1936, rimane impotente. Aragona, nel Levante, in una parte di Castiglia e soprattutto in Catalogna, gli eserciti "nazionalista" vengono instradate solo dalla mobilitazione della classe operaia, prevalentemente organizzate all'interno del CNT[1].

Lo storico Agustin Guillamon nel suo libro Barricate a Barcellona (1936-1937), ha scritto: "Una volta che il monopolio statale della violenza ha distrutto, perché l'esercito era stato sconfitto in strada e che il proletariato era armato, ha iniziato una situazione rivoluzionaria che ha imposto la sua violenza, la sua potenza, la sua fine: la potenza di un esercito classe operaia. "

Una rivoluzione sociale ed economica poi si diffonde, con maggiore o minore intensità, cambiando la struttura sociale di queste regioni come modello di società egualitaria e antiautoritaria, fondamentalmente contrari al "comunismo caserma" stabilita in URSS Stalin in cui la GPU, le purghe e gulag sono stati sicuramente uccisi ogni ideale rivoluzionario.

Popolare autogestione e mense dei lavoratori

Ricordando il consiglio dell'anarchico russo Peter Kropotkin, secondo il quale «un popolo rivoluzionario che soffrono la fame sarà sempre grazie per qualsiasi avventuriero demagogici" rivoluzionari fissati a lavorare nelle prime ore della rivolta per organizzare la distribuzione di beni di prima necessità. In tutti i distretti, tutte le città e paesi, sono stabiliti con lo scopo di organizzazioni chiamate "comitati di approvvigionamento." Le prime mense comunali ospitano centinaia di lavoratori.

"Il nostro lavoro"
industria automobilistica socializzata
A Barcellona, sono gli ex palazzi, precedentemente occupati dalla borghesia catalana e stranieri, che si trasformano in enormi mense. I grandi alberghi sono a volte requisite per altri scopi, come osservato da un membro della CGT-SR, organizzazione sorella della CNT assistito questo fatto sorprendente:

"Il CNT ha sloggiato i sostenitori della grande ricchezza che da tempo affamato lavoratori, trasformando questi edifici di lusso nelle case della gente. Tutto grande albergo è solo un ricordo; è in questa scatola con alloggi spaziosi quel grande borghese stanco di non fare nulla è offerto solo che il lusso, con 100 pesetas al giorno. Oggi sono i lavoratori hotel e gratuito. "[2]

«Finalmente siamo liberi! "
Socializzazione di parrucchieri e barbieri
Il 28 luglio 1936, la CNT catalana stima lo sciopero generale completo. Il colpo di stato militare è stato arginato. La macchina economica inizia a lavorare di nuovo, ma questa volta sotto la guida degli operai e dei lavoratori stessi. Dal 23 luglio, le prime fabbriche collettivizzazione misure si svolgono a Barcellona: servizi di acqua, energia, illuminazione, laboratori di ferrovie, settore metalmeccanico.

Successivamente, altre società sono a loro volta collettivizzata, birrerie, saloni di parrucchieri, officine cinematografiche ... Prendendo l'esempio di una conceria nella periferia di Barcellona, un sindacalista francese ha scritto:

"La fabbrica occupa 700 lavoratori e lavoratrici. Gli stipendi sono stati sollevati come in tutti i settori. Il singolo stipendio non esiste ancora, ma la prossima salarié.es assemblea deve discutere. Quando un lavoratore è ferito o malato: colpisce il 75% del suo stipendio; prima di toccare qualsiasi cosa, la Spagna senza assicurazione sociale.

"La leva dell'economia catalana"
Congresso Regionale 1 ° del sindacati di costruzione, il legno e la decorazione
La settimana lavorativa è di 36 ore senza perdita di retribuzione. Questo è come la conceria Mollet ogni workshop nomina i suoi delegati sono tra diciassette anni. Si tratta di diciassette uomini e donne che insieme formano il comitato di fabbrica all'organizzazione del lavoro. Un consiglio di fabbrica e il direttore sono nominati dall'assemblea generale dei lavoratori. Entrambi i corpi si incontrano in qualsiasi momento lì. Ognuno di questi comitati è revocabile. "[3]

La questione stipendio è centrale. In primo luogo, vi è il tentativo di rimuovere il denaro e lavoro salariato. Un libertario francese si ferma, a questo proposito, l'esempio della città libera di Fraga in Aragona:

"Dopo un soggiorno di due giorni a Lleida, partiamo. Dobbiamo raggiungere Fraga, grosso centro agricolo di 8.500 abitanti. Dopo una visita ricca al resort, ci riuniamo presso la sede della Fulani del comitato. Le prime informazioni che ci vengono date è che il denaro non circola; Il denaro viene eliminato; denaro, mezzo di scambio e di potere capitalistico, non è più applicabile. Un libro di famiglia sostituisce, su cui sono iscritto tutti i prodotti alimentari e altri beni necessari per la vita. Il libretto serve a controllare e non consente una più cibo residente di un altro, tutti sono uguali. Comitato del popolo è eletto dall'assemblea generale della popolazione. "[4]

"Revolution. Equamente condividere il potere. Denunciano accaparratori "
industrie alimentari socializzati
Se queste esperienze di rimozione di cassa sono parte della vita in agricoltura comunità di Aragona, che domina l'influenza della CNT, il libertario centrale deve affrontare nel settore, con la UGT, il sindacato socialista. Si dirige poi verso un compromesso CNT-UGT e quindi la pratica degli spread salariali singoli o familiari.

"Le donne di Aragona piangono non è più inverno"

In campagna, la gente ha combattuto contro i caciques (capi locali), i feudatari, i funzionari fiscali, usurai, lascia le mani dei contadini di grandi appezzamenti di terra che coprivano dopo secoli di spoliazioni. Mentre la città è l'urgenza della situazione che ha stimolato la collettivizzazione.

"Farmer, la rivoluzione ti dà la terra"
comunità agricole
Il collettivismo agrario è anche la conseguenza di decenni di propaganda anarchica in campagna. Gli attivisti e attivisti senza casa sono stati in tour da un villaggio all'altro, fornire libri ( tra i campesinos del anarchico italiano Errico Malatesta o La conquista del pane Peter Kropotkin) e riviste del CNT (come La Revista Blanca ) di elaborazione le questioni agricole.

Dal 1933 sono anche costantemente evidenziati esempi di collettivizzazione ormai dilagante. Anche se queste esperienze comuni collettive sono generalmente brevi, la repressione abbattere rapidamente la gente del villaggio, sono opere di propaganda. José Peirats in spagnolo anarchici - 1936 Rivoluzione e lotta sempre ci dà il tipo di testimonianza contadini collettivisti, pubblicato sulla stampa libertaria del tempo: "Qui, non ci sono né poveri né ricchi, o problemi o disoccupati sociale. Qui, condividiamo in modo equo e la produzione insieme, lavorare, viviamo sereno e felice. "

"Sul lavoro CNT anteriore e posteriore per la vittoria"
industria tessile socializzata
Il 19 luglio 1936 il syndiqué.es CNT e UGT si stanno sviluppando rapidamente "comitati rivoluzionari" per organizzare i primi espropri che vengono immediatamente condivise. L'invasione di gran parte dell'Andalusia dagli eserciti di Franco impedisce massiccia collettivizzazione in questa regione. Altre regioni hanno fenomeni collettivizzazioni su larga scala. Ma è soprattutto in Catalogna e Aragona nella collettivizzazione delle esperienze sarà la più numerosa e soprattutto il più completo.

A French anarco-sindacalista evoca l'avanguardia della collettivizzazione:

"Nella campagna intorno a Barcellona e Catalogna, collettivizzazione ha seguito il suo corso normale alla stessa velocità, come fabbriche, riorganizzare completamente il lavoro raggruppando tutte le piccole proprietà in un ampio raggio.

In ogni reparto, un "comitato di cultura" è incaricata di organizzare il lavoro, la selezione di sementi e piantine; questo comitato, nominato generale degli agricoltori è costituita da delegati provenienti da aree. Si sono divisi in gruppi e ogni zona ogni gruppo un compagno responsabile è responsabile per l'assegnazione di lavoro. Essi sono così organizzati come nell'industria.

[...]In Aragona, i risultati sono superiori l'influenza del comunismo libertario, perché oltre alla organizzazione del lavoro congiunto, il denaro è sparito come mezzo di scambio per far posto a libro produttore, dando il diritto a tutto ciò che è necessario per la vita umana, secondo le possibilità del comune anarchica.

Noi spieghiamo il meccanismo del commercio. E 'organizzata in natura, tra i villaggi aver tolto il denaro. Con le città dove il denaro rimane, lo scambio avviene sulla base dei corsi esistenti e la cessione sia effettuata con l'acquisto instradato sui villaggi che eseguono la distribuzione ai residenti sulla presentazione del libro del consumatore.

"Il compagno, dimostra il tuo lavoro ardentemente antifascismo"
industrie del gas, idraulici ed elettrici socializzati
Questo sistema dà piena soddisfazione alle parti interessate. Questa è la prima volta che abbiamo fatto noi diciamo che le donne non piangono inverno Aragona. Infatti, una volta che il prodotto del raccolto era sufficiente per pagare i debiti ai "caciques" e il clero. Gli Aragonesi difendere le loro conquiste fino alla morte se necessario, ma non possono tornare indietro. Per loro il passato è del tutto morto "[5]

Il superamento delle vecchie classi sociali

Importante visto che la collettivizzazione delle terre: si trova in un atto volontario di interesse-es. La rivoluzione spagnola nel paese è, in questo senso, non comparabile con la rivoluzione russa e l'episodio sanguinoso "dekulakizzazione" alla fine del 1920 chiamato contadini "individualista", la maggior parte dei piccoli inquilini , stanno scegliendo di vivere ai margini della comunità. La loro scelta è rispettato dal "collettivista" che li tengono con la possibilità di scambiare i prodotti. Ma, come ha fatto notare l'attivista francese accennato in precedenza, questi piccoli proprietari non rimanere indifferente ai vantaggi del lavoro collettivo: messa in comune di terra, ma anche di pollame, bestiame, fertilizzanti, sementi e raccolta . E non è raro che "alcuni refrattaria precoce aveva poi aderito l'organizzazione collettiva."

"Non gettare la carta, arti grafiche sindacali acquisisce"
industria della stampa socializzata
Un'altra realtà sta nel superamento delle vecchie classi sociali. Mentre molti ex boss hanno scelto di aderire al Franco armata, altri accettano il nuovo ordine sociale. Un libertario francese fa l'esempio di una comunità agricola nella periferia di Barcellona, dove un lavoratore e il suo ex capo ora sono insieme in uno sforzo comune:

"Il comitato tecnico del settore agricolo si compone di cinque lavoratori e quattro ex boss. Tutti i capi hanno concordato collettivizzazione; non vi è stata più riluttanza tra i lavoratori che hanno creduto perdere qualcosa. Una storia è raccontata da un ex capo che fa parte del comitato tecnico con un compagno di lavoro che aveva lavorato con lui. Nel 1931, durante uno sciopero, il due dipendenti oggi sono stati un po 'in scatola. Uno era capo, un altro lavoratore, e l'ex capo che ci dice che ci dice che la paura di una nuova battaglia non esiste più, che opera sua, come non esistente. "[6]

Nello stesso articolo, l'autore sottolinea il ruolo di colonne antifasciste nella moltiplicazione di queste esperienze collettiviste: "Ovunque, dove sono le milizie della Colonna Durruti, lo stesso sistema di vita è organizzata. "

Poster di combattenti per la libertà
Spagna 1936
Scopri decine di manifesti della rivoluzione spagnola sulla Affiches-combattants-liberte.org
A poco a poco, come i miliziani e le milizie, soprattutto il CNT e il POUM, liberare i villaggi dalla morsa Franco, lo stesso dibattito si svolge tra i sostenitori di collettivizzazione e sostenitori della frammentazione del territorio. E come mostrato nel film di Ken Loach Terra e libertà, essi e sono invitati es dagli abitanti del villaggio per dare il loro parere sulla questione. Questi attivisti rivoluzionari es sperimentato non mancano di pubblico convincenti, già tentato dal modo in cui collettivista, gli interessi della messa in comune di terra.

"Orgoglioso di lavorare finalmente per se stessi"

Dopo il suo viaggio in Spagna, Pierre Besnard, sindacalista francese e segretario della CGT-SR, ha detto:

"Ho visto tutti gli uomini al lavoro nei campi, donne e bambini dei villaggi, i lavoratori e le lavoratrici di andare a lavorare felice, orgoglioso di lavorare finalmente per se stessi. La gioia è stata dipinta sul loro serietà e seria affronta senza dubbio, ma nessuna traccia di preoccupazione. Sapevano che qualcosa era cambiato e che stavano per un futuro migliore.[...]Una grande esperienza è la schiusa. "[7]

La rivoluzione spagnola, è, senza dubbio, uno degli esempi più riusciti in entrambe le sue realtà economiche e sociali in ambito. Frank Mintz, storico e autore di autogestione e l'anarco-sindacalismo. Analisi e critica della Spagna (1931-1990), stima che 1.838 milioni di persone vivevano sotto i collettivisti regime espagnol.es rivoluzionari.

Jeremiah Berthuin (AL Gard)

[1]Cfr "1910: CNT nascita di una leggenda" in alternativa Libertaire n ° 200, dicembre 2010.

[2]L'unione di combattimento n ° 170, 21 Agosto 1936.

[3]Il combattimento unione, n ° 169, 14 Agosto, 1936.

[4]L'unione di combattimento n ° 196, 19 febbraio 1937.

[5]Il combattimento unione, No. 192, 23 gen 1937.

[6]Il combattimento unione, n ° 189, 1 gennaio, 1937.

[7]Il combattimento unione, n ° 175, 25 ottobre 1936.

http://www.alternativelibertaire.org/?1936-la-Revolution-espagnole-sous
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center