A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Alternative Libertaire AL Octobtre - manutenzione, Alain Guyard ( "showman filosofo"): "siamo condannati a filosofare a margine" (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 7 Oct 2016 10:28:24 +0300


La filosofia Alain Guyard conduce laboratori in luoghi dove di solito non corso (in carcere, manicomio ...). In occasione del rilascio del film Il vagabondo Filone , che lo segue nelle sue peregrinazioni, manutenzione sul significato politico di questo impegno per un pensiero in movimento. ---- Alternative Libertaire: organizzare incontri con i vari e diversi segmenti di pubblico, spesso in disparte. Si tratta di una scelta politica? ---- Alain Guyard: No. La filosofia è un indirizzo al margine. Nel prendere forma in antichità, è in primo luogo come una lussazione tecnico schemi mentali, emotivi e fisici strutturazione persone alla pagina, decente, ordinario. Esso è destinato alla marginalità, se intendiamo per una marginale che si sente il desiderio di uscire dalla "pagina" per andare al "margine", o uno che è già nella stanza perché era lì bandito, o anche perché è installato.

La marginalità è una caratteristica distintiva della vita filosofica, Socrate passa per chi siluro la città e che la quota di minaccia Patocka, retrocesso dal governo sovietico al rango dei lavoratori nella catena per evitare che trascorre tempo a studiare e l'insegnamento, attraverso Descartes, soldato mercenario il cui motto è "avanzo mascherato". Noi non scegliamo filosofare a margine. Si è condannato a farlo, se vogliamo filosofeggiare.

Si osserva grandi differenze tra questi ricevimenti pubblici?

Alain Guyard: Sì. La qualità del suono del pubblico è determinata dalla orizzonte attesa di quel pubblico. Se il desiderio monte era sveglio, se viene a causa di una discussione fastidiosa se si sente come un bruciore mordere la necessità di pensare la sua condizione, quindi l'ascolto è ottimale. Non dobbiamo dimenticare che la filosofia è una delle poche discipline in cui, etimologicamente, un posto centrale è riservato per il "desiderio".

Questo porta ad una formazione, quando si parla di giovani, o didattico, al momento di affrontare gli adulti che si prendono cura di magnetizzare il desiderio del pubblico. Egli diventa attore della sua condizione, i suoi pensieri, non l'ascoltatore passivo del maestro. Da qui la piazza centrale, nella pratica filosofica della seduzione. I primi testi dei collegamenti esplicitamente filosofia al erotico. Dobbiamo attribuire grande importanza al gioco della seduzione, che, come suggerisce l'etimologia, non sono abituati a trovare una guida che ci (piombo) accompagna, ma noi di distanza (sedurre).

Pensi filosofia, almeno mentre vi sforzate di far passare, è emancipazione?

Alain Guyard: Sì. Emancipazione è insito nella pratica filosofica. L'emancipazione è un primo dato dai ciò che libera uno schiavo, un bambino, una donna, dalla tutela alla quale l'interessato era soggetto. Troviamo il grande e meraviglioso progetto di Kant e l'Illuminismo per il quale la filosofia è una delle operazioni che permetteranno di passare dallo status di minoranza a quello di maggioranza. Questo passaggio da uno stato ad un altro non ha nulla a che fare con l'età. Non è correlato a un decreto legge.

L'accesso alla maggioranza - una condizione della propria emancipazione - quando abbiamo il coraggio di pensare per se stessi. Questa è anche la definizione che Kant dà l'Illuminismo. In modo che non ci può essere uomini o donne che sono più di 18 anni, che hanno il pieno diritto, ma restano volutamente o insidiosamente maintenu.es sono in minoranza. Sono quindi ancora émancipé.es.

Non vi sforzate di collegare la vostra risposta a questioni politiche e sociali?

Alain Guyard: No e sì. Si può filosofeggiare così come la condizione che prendiamo le distanze nei confronti l'urgenza, l'indignazione, la valuta - sempre caldo. Il libro di un Nietzsche è considerazioni inopportune. Come tale, essa significa che la meditazione filosofica sfugge un presente che il sommerait reagire immediatamente e caldo. Questo non significa che il filosofo rinuncia impegno.

Ma questo significa che ha bisogno di una distanza critica per giudicare gli eventi del flusso di misura un criterio che sfugge questo flusso. Così sarà poi immergersi in azione senza essere tenuto in ostaggio. L'immagine migliore è che il timoniere, spesso preso nell'antichità. Il timoniere è dietro della nave, permettendo così di abbracciare la tempesta per come diretta il suo timone. E 'lo stesso filosofo. Onesicrito, timoniere Alexander, è stato anche un discepolo di Diogene.

Vediamo nel film che si sono molto attivi politicamente, e allo stesso tempo si ha la volontà di non giocare i direttori spirituali. Come si fa a questo proposito di introdurre la politica nel vostro interventi non dogmaticamente?

Passando per un idiota, un jolly, un filosofo a volte scadente showman. Dal momento che il filosofo è grave e che è credibile, si gioca tra lui e il suo pubblico qualcosa che ha a che fare con la fede; e la caduta nel ruolo umiliante - per lui e per coloro che ascoltano - direttore di coscienza. Socrate, il padre della filosofia, stabilisce una tecnica filosofica che ha definito "l'ironia". Beffardo, mordere, oltraggioso, sobillatore che lo rende a volte troppo, si disgusta i suoi discepoli più vicini che vorrebbero riposare in essa come troviamo riparo e riposo da un maestro di saggezza.

Ma questo buffone comico, perché sa che è l'altro modo per il padrone, ma per negare come master, che i suoi discepoli saranno anche liberarlo. I discepoli volevano diventare un maestro a loro volta? ambizione pietoso!

Intervista a cura di Vincent (AL Paris-Sud)

Il vagabondo Philo, leggere la colonna

http://www.alternativelibertaire.org/?Cinema-documentaire-La-Philo

http://www.alternativelibertaire.org/?Alain-Guyard-philosophe-forain-On
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center