A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Articolo su Umanità Nova: Quand’è che uno sciopero può dirsi … “riuscito”?

Date Fri, 18 Mar 2016 09:59:18 +0200


Dialogando con un compagno che – pur non definendosi libertario – lo è, di fatto, nella pratica quotidiana facevo la seguente riflessione in merito allo #ScioperoGenerale del #18M. ---- Quand’è che uno sciopero può dirsi … “riuscito”? ---- Ebbene ... Il “successo” – o meno – di uno sciopero prescinde dalle organizzazioni che lo hanno indetto e riesce nel momento in cui travalica i confini degli iscritti/tesserati alle sigle promotrici coinvolgendo il maggior numero possibile di lavoratrici e lavoratori .. spesso con un’altra tessera sindacale in tasca. ---- Questa, lunga, premessa per comunicare che si allunga – di ora in ora – l’elenco delle adesioni (soprattutto collettive) allo sciopero generale del 18 Marzo prossimo. L’ultima, in ordine di tempo, è quella dei lavoratori ATP (aderenti all’USB) di Genova che hanno deciso – in contrasto con la propria dirigenza nazionale che aveva proclamato lo sciopero “a babbo morto” – di anticipare quello calato dall’alto.

A dimostrazione che sta crescendo esponenzialmente la consapevolezza che l’unità dal basso dei lavoratori e delle lavoratrici è condizione imprescindibile per avere qualche chance di successo nel contrastare la deriva ultraliberista che sta pervadendo la società nella quale viviamo.

L’auspicio è che siano tanti – i lavoratori e le lavoratrici – a ribellarsi all’immobilismo sterile e, spesso, parolaio o “referendario” dei vertici sindacali.

Nessuno escluso: confederale o “conflittuale”.

A cominciare dal mondo della scuola – squassata dalla legge 107/15 del trio Renzi/Gelmini/Giannini – i cui lavoratori sono chiamati a scegliere tra l’immobilismo sterile ed inconcludente al quale sembrano votati i vari Bernocchi, D’Errico e via … elencando (e l’elenco, se ci aggiungiamo anche i nomi dei sindacati “complici” diventerebbe lunghissimo) oppure emulare i colleghi che – il 17 febbraio 2000 – disobbedirono alla CGIL (diretta da Enrico Panini che aveva sottoscritto il contratto) aderendo e partecipando ad uno sciopero gigantesco indetto dal sindacalismo di base che ha mandato a casa Luigi Berlinguer e rispedito al mittente (Cgil scuola in primis) il “concorsaccio”.
Il #18M per le lavoratrici e i lavoratori della scuola è il momento della scelta. “Dopo” (magari aspettando la “legge di iniziativa popolare” o il referendum già preannunciato dai soliti specialisti nel posticipare la mobilitazione) potrebbe essere troppo tardi.
Per USI-AIT Puglia

Pasquale Piergiovanni

http://www.usi-ait.org/index.php/notizie/1112-quande-che-uno-sciopero-puo-dirsi-riuscito
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center