A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Alternative Libertaire AL #258 (Feb) - Razzismo: esplosione atti islamofobici di terrorismo verso l'altro (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Sat, 12 Mar 2016 15:31:10 +0200


Dopo il 13 novembre contro il gennaio 2015 allentare razzista. Moschee bruciate le ricerche, che brindisi? In primo luogo, musulmani e musulmani, e coloro che sono assimilati ES sono, per loro colore della pelle, il loro cognome o in cui vivono. ---- Se il saccheggio della sala di preghiera di Ajaccio il 25 dicembre scioccato ed è stato ampiamente pubblicizzato, è davvero un albero che nasconde la foresta. Forse perché implicava una folla impressionante, forse a causa della attrazione per una "questione corsa» che vende i mezzi di comunicazione ci sono molto più interessati di decine di altri attacchi islamofobia identificati dal 13 novembre. Questi atti islamofobici, ci sono tutti i tipi: il linciaggio di un giovane uomo per le strade di Lione da un gruppo di fascisti, tag e danni ai luoghi di culto, le minacce senza scalo a individui o gruppi ...
L'opportunità di confermare che l'islamofobia è una forma di razzismo . Coloro che hanno attaccato il Santuario di Ajaccio spiegato quando si parla di loro vittime che era necessario per far capire loro che "non sono a casa." Pazzi estrema destra hanno la stessa notte del 13 novembre, attaccato e bruciato la giungla di Calais direttamente ai rifugiati che vivono lì.

E sulle moschee e luoghi di culto, che è contrassegnata con la prova di razzisti, antisemiti e fascisti (svastiche ...) o semplicemente xenofoba ( "fuori"). Se musulmani e musulmani sono il primo obiettivo, è l'intera popolazione immigrata o identificate come tali, cioè, attraverso di loro e hanno indicato dalle azioni e parole di una confusione sconcertante.

E 'anche l'occasione per vedere il triste trattamento di questi atti: i media e il potere politico tendono a ritrarli come eventi isolati, e si rifiutano di cercare le cause nelle politiche per anni. Di fronte alle vili atti di Daech, si parla di terrorismo; ma quando la violenza altrettanto cieca, colpendo a caso senza vittime identificate sono da gruppi scissionisti fascisti, e sono chiamati dalla stampa di estrema destra, in nome di "auto-difesa", il termine non è mobilitato. Questo è un più o meno la stessa logica: per seminare la paura tra la popolazione identificata per la forza di invisibilità, diffondendo un'ideologia di odio che oscura ogni possibilità di dialogo o di analisi.

Razzismo dall'alto

Questi atti sono incoraggiati e legittimate dalla violenza con cui lo stato si tratta quelli identificati come musulmani, e tanto meno sotto lo stato di emergenza: quando si vede la polizia distruggere gli appartamenti, si ferma arbitrariamente e insulto umile, nulla di sorprendente che si sente libero di dare sfogo alla odio per l'altro. E la privazione del progetto di cittadinanza per coloro che amano la doppia nazionalità che rafforzare un amalgama tra il terrorismo, l'Islam e gli stranieri troppo lontano, mentre i responsabili delle uccisioni di novembre erano tutti veramente bene e francese.

Lo Stato si sbaglia bersaglio e, fingendo di combattere il terrorismo, alimentando la paura e l'odio nel tentativo di giustificare la propria sopravvivenza. Più che mai, contro il governo, il suo braccio armato e dei media complici, è nostro dovere mostrare la nostra solidarietà con tutti coloro che si trovano stigmatizzate e minacciati, e costruire auto-aiuto e auto-gestione. Conoscere, pensare insieme, generano spazio per riunioni e comunione (reale, non quella di una repubblica di morire), sono i modi migliori per difendersi.

Clem (AL Paris-Nord-Est)

http://www.alternativelibertaire.org/?Racisme-Explosion-des-actes
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center