A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Alternative Libertaire AL - internazionale, Grecia: Solidarietà con il City Plaza Athens! (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 8 Jul 2016 10:31:18 +0300


La mattina del 22 aprile, attivisti e rifugiati hanno organizzato ad occupare un albergo abbandonato nel quartiere di Victoria / Saint Panteleimona ad Atene. ---- Condividiamo il loro appello in francese: ---- L'occupazione di City Plaza ---- City Plaza è un progetto di edilizia abitativa auto-organizzato di rifugiati-ES nel centro di Atene: 400 persone sono alloggiate lì, tra cui 180 bambini. Il City Plaza si trova a 7 piani abbandonata, vacante per sette anni, fino alla sua occupazione da parte attivisti e rifugiati es finisce in aprile 2016. ---- City Plaza è una risposta concreta alle politiche migratorie e di controllo delle frontiere repressivi Grecia, l'accordo tra l'Europa e la Turchia e la militarizzazione delle frontiere. Questa è una risposta ai movimenti sociali cattura decine di migliaia di profughi sul territorio greco, detenzioni di massa nelle zone di confine, così come désatreuses condizioni di rifugiati che vivono in es le città e le enormi campi gestiti dallo stato.

City Plaza si basa sui principi di auto-organizzazione e di autonomia e dipende interamente dal sostegno politico e solidarietà pratica da Grecia e all'estero. Questo è il motivo per cui chiediamo la solidarietà internazionale al riparo City Plaza. E 'solo attraverso una solidarietà massiccia che questo ambizioso progetto può sopravvivere razzista, la difesa contro la repressione e continuano a coprire i costi enormi di cibo, medicine, prodotti per l'igiene e tutte le cose necessarie per la sua funzionamento quotidiano.

Una situazione drammatica

Dal 20 marzo, giorno della attuazione dell'accordo vergognoso tra l'Unione europea e la Turchia a seguito militarizzazione e la chiusura della Grecia del nord per Idomeni stiamo assistendo - ad Atene e in tutta la Grecia - il deterioramento delle condizioni di vita già drammatiche dei rifugiati-es. Sistema di massa della detenzione e la deportazione è stato implementato per i nuovi arrivati alle isole, mentre decine di migliaia di rifugiati-ca che erano già in Grecia sono costretti es vivono senza casa in città o sono es-indirizzate verso i campi profughi es costruite dall'esercito, al di fuori delle città, isolati ed esclusi-es-es della società, comunità, e senza l'accesso alla giustizia e ai servizi di base.

Buone condizioni di vita per tutti

L'esistenza di un'infrastruttura di hosting, inutilizzato e in ordine, proprio accanto a centinaia di persone senza fissa dimora, ci sembrava di essere uno scandalo in sé. Una contraddizione che rivela non solo l'ipocrisia di quella che viene chiamata la gestione europea delle crisi, ma anche la logica interna di un sistema in crisi che svaluta la vita ei diritti della popolazione locale, nonché i rifugiati e la creazione di le condizioni per l'intensificazione del razzismo.

Accovacciato in hotel inutilizzata, abbiamo voluto dare l'esempio e evidenziare come movimenti sociali e la società dal basso sono in grado di migliorare le condizioni di vita dei rifugiati e quindi migliorare le condizioni di vita di tutti. Siamo d'accordo che nella difesa dei diritti e soddisfare le esigenze dei rifugiati, si pratica un concetto di solidarietà nella nostra vita quotidiana e di auto-organizzazione che crea e sviluppa la libertà e la lotta spazi comune per la popolazione locale e dei rifugiati. Siamo convinti che è attraverso queste pratiche che la sempre nuova coro di "Non c'è alternativa", realizzato dalle politiche migratorie repressive può essere messo in discussione e che lo spazio può essere vinta contro l'estrema destra: City Plaza è stato creato come un luogo di solidarietà in una zona rivendicata da anni dall'estrema destra e il partito neonazista Alba dorata.

testimonianza diretta

Il nostro compagno Yannis Androulidakis attivista della anarco-sindacalista iniziativa Ronzinante , una delle organizzazioni coinvolte nel lancio di questo progetto, abbiamo prenotare un testimone francese dell'occupazione:

lotte comuni

Non pensiamo, ovviamente, il problema può essere risolto solo con lo squat, nella misura in cui la fornitura di riparo è un obbligo fondamentale delle autorità statali e locali; Riteniamo, tuttavia, che squat possono essere utilizzati non solo rivendicare mezzi diritti, ma anche un luogo di esercizio pratico dei diritti proprio da parte di coloro che non ne hanno: i rifugiati economici e politici reso illegale e gli esclusi.

City Plaza vede se stesso come parte di una moltitudine di diverse pratiche di solidarietà e le lotte che sono emersi dallo scorso anno, si costituisce come una richiesta concreta allo Stato greco, contro la detenzione dei rifugiati nei centri di detenzione atroci e il loro isolamento mostruosa nei campi; alloggio decente per i rifugiati in città, garantendo loro l'accesso alla salute, all'istruzione e ai servizi sociali. D'altra parte, il City Plaza si vede come una parte del movimento europeo e internazionale di solidarietà, che va contro la militarizzazione delle frontiere e la esternalizzazione della politica di asilo, sostenendo la libertà di movimento e diritto di soggiorno.

Auto-organizzazione

City Plaza oggi ospita principalmente famiglie, per un totale di 400 persone, tra cui 180 bambini. Tra questi, 22 genitori single e le persone con disabilità.

In questo momento, le nazionalità sono rappresentate al City Plaza sono afghani, curdi, siriani, palestinesi, iraniani, iracheni, pakistani e altri. Ogni famiglia vive nella sua stanza, e tutti i residenti ricevono colazione, pranzo e cena, nonché prodotti per l'igiene.

City Plaza si basa su auto-organizzazione e principi di autogoverno. Funziona da diverse squadre, assegnato alla famiglia, la cucina, la sicurezza, la logistica, educazione e intrattenimento, la salute, la comunicazione, la ricezione, in risposta alle riunioni periodiche di rifugiati e attivisti.

Sostenere la Shelter City Plaza

Per questa chiamata, che noi chiamiamo diverse organizzazioni e collettivi, i sindacati, le organizzazioni antirazziste, gruppi di studenti e accademici, progetti e cooperative autogestite in Grecia, in Europa e altrove, per esprimere la solidarietà con il Comune Plaza. Vi chiediamo di pubblicare lettere di sostegno, di essere coinvolti nel finanziamento e l'organizzazione di compagni di donazione. Più in generale, il progetto si basa sul lavoro di volontari, di finanziamento e materiali donazioni.

Sostenere il City Plaza! Aiutare i rifugiati e gli attivisti per tenerlo aperto come esempio-contro le politiche migratorie repressive in Grecia e in Europa, e come progetto di vita comune e di lotta!

La solidarietà sconfiggerà! Lottiamo insieme, viviamo insieme!

http://www.alternativelibertaire.org/?Grece-Solidarite-avec-le-City
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center