A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Coordinazione Di Gruppi Anarchici - No a uno stato di misure di emergenza e di sicurezza! Non lasciate che un regime autoritario di stabilirsi! (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Wed, 27 Jan 2016 16:45:57 +0200


Coordinamento dei gruppi anarchici chiamate a mobilitarsi contro lo stato di emergenza, la sua inclusione nella Costituzione, e la nuova legge anti-terrorismo, che sarà presentato all'inizio di febbraio dal Consiglio dei Ministri. ---- Facciamo appello per rafforzare le iniziative che si oppongono queste misure draconiane, e di rendere la giornata nazionale del 30 gennaio 2016 per consentire una sfida di successo per espandere e creare lotta per il potere sufficiente per ripristinare lo stato. ---- A regime autoritario: il démocrature 1 ---- In seguito agli attentati di novembre, le risposte del governo sono registrati nel campo della sicurezza. Il Vigipirate rinforzato banalizza la massiccia presenza di soldati e poliziotti in strada; controlli alle frontiere siano ripristinati; stato di emergenza permette di includere qualsiasi arresto, la ricerca, il divieto di manifestazioni pubbliche e incontri di 2 su ministeriale o prefettizia decisione senza revisione da parte di un giudice.

L'inserimento nella Costituzione dello stato di emergenza mira a rafforzare il proprio sistema giuridico ed evitare qualsiasi ricorso al Consiglio costituzionale. Per quanto riguarda la nuova legge anti-terrorismo, il suo scopo è quello di ampliare in modo significativo i poteri conferiti alla polizia e il perseguimento di fuori di emergenza 3. Così perpetuando le misure che rientrano sotto l'eccezione, la soppressione di diritti comunemente accettati in democrazie rappresentative è inscritto nella legge: separazione dei poteri di polizia, giudiziario e legislativo, diritto di riunione e di manifestare. Per diversi anni, a colpi di leggi e misure di sicurezza, le crepe impiallacciatura democratici, ma questa sequenza sembra essere un colpo fatale per ciò che resta delle nostre libertà collettive; lo Stato è la nostra essenza al servizio della dominante, ma stiamo assistendo ad una sorta di cambio di regime, la transizione verso un governo autoritario e la polizia.

Strumenti di soffocare la protesta sociale

Sotto la copertura di emergenza, la protesta contro la COP 21 del 29 novembre è stato vietato e represso con la forza. Centinaia di arresti e 317 guardie di vista ha avuto luogo quel giorno, e 'preventiva' di attivisti casa arresti hanno avuto luogo prima della manifestazione. Divieti di manifestazioni su strade pubbliche si sono moltiplicati, mentre allo stesso tempo sono stati ammessi gli eventi sportivi ed eventi commerciali quali mercatini di Natale. Facile da capire che queste misure non hanno nulla a che fare con il terrorismo, ma consentono allo Stato di soffocare la protesta sociale. Mentre il deterioramento delle nostre condizioni di vita e di lavoro impero, il governo sta preparando a smantellare ciò che resta del codice del lavoro, queste misure di sicurezza offrono la base giuridica per lo Stato di sopprimere ogni accenno di resistenza. Tutti Seuse-s-lavoratore dovrebbe sentirsi preoccupato da questi attacchi contro le nostre libertà.

Il governo ha lanciato un appello alla responsabilità dei sindacati di contribuire alla costruzione di "unità nazionale" contro i nemici interni ed esterni per combattere, per meglio tacere le disuguaglianze sociali e le possibili sfide.

Il razzismo di stato e clima xenofobo

Sotto lo stato di emergenza, non vi è stata la chiusura di diversi quartieri, centinaia di arresti domiciliari e migliaia di ricerche in persone di fede musulmana. Ai primi di gennaio, quindi avuto 3021 le ricerche, che hanno portato alla final four sulle procedure amministrative contro il terrorismo. Queste misure hanno colpito molte persone che non hanno nulla a che fare con il terrorismo. Essi rafforzano l'amalgama di tutti i musulmani-es, più in generale, le persone razziali e quartieri.

La proposta di estendere la privazione della cittadinanza e di includerlo nella Costituzione rientra nel razzismo di stato e solo alimentare il mito che i nemici interni della "nazione" sono immigrati o di immigrati. Si formalizza infatti una sotto-categoria di cittadino-non-s, tutte le persone con doppia cittadinanza, che comportano una doppia penalizzazione in aggiunta alla loro convinzione, quella di perdere la nazionalità francese e tutti i diritti che ne derivano. Sulle disuguaglianze, si passa alle disuguaglianze giuridiche; un buco si apre, e una semplice modifica della legge verrà e modificare le ragioni per la privazione della cittadinanza. Già, il partito repubblicani e FN giocare esagerazione di estendere l'elenco di tali condizioni.

Questa misura razzista deve essere combattuto con la forza, ma non dovrebbe prendere le sue es avversario dimenticare per denunciare tutto lo stato di emergenza.

Questo stato combustibili razzismo xenofobia che si sta diffondendo e diventando banale, dimostra punteggi sempre più alti del Fronte nazionale, in particolare nelle ultime elezioni regionali. Ma anche la violenza ricorrente di gruppi fascisti contro i migranti campi come a Calais, o ultimamente, il saccheggio della moschea in Corsica e manifestazioni xenofobe che ne seguì, i vettori di tutte le amalgame tra aggressori, terroristi e persone immigrati. Questi atti di razzismo beneficiato compiacenza governativa rete.

Perdiamo la nostra libertà, ma non avremo la sicurezza

L'aumento delle misure di sicurezza in grado di prevenire gli attacchi terroristici indiscriminati, perpetrati da persone pronte a morire. Come gli ultimi attacchi, l'arsenale di leggi di sicurezza non garantisce la sicurezza, ma solo limitare le nostre libertà, spesso insidioso ma in modo sostenibile.

Peggio ancora, le conversazioni in corso sul clima e alimenta l'identità, pieghe nazionali e religiose. La designazione dei nemici (interni ed esterni) crea capri espiatori, distraendo la popolazione di violenza sociale, la violenza del capitalismo e dello Stato.

L'amplificazione della politica guerra imperialista dello Stato francese è stata una risposta agli attacchi di novembre. Stati occidentali hanno una responsabilità per la crescita e l'emergere di movimenti fascisti religiosi del Medio Oriente; il percorso seguito dallo Stato francese ei suoi alleati non sono una soluzione, ma piuttosto alimenta il problema.

Resistere!

Dobbiamo lottare nelle prossime settimane contro lo stato di emergenza e la nuova legge anti-terrorismo, un danno reale per le nostre libertà.

Ma oltre a questo dobbiamo opporci alla politica guerra imperialista dello Stato francese, per l'aumento del razzismo, corollari di questo stato di emergenza, e di tutte le leggi di sicurezza e draconiane. Dobbiamo affermare la nostra solidarietà internazionale attraverso l'accoglienza dei migranti-e-s e il supporto per le forze progressiste in Medio Oriente, in particolare il processo rivoluzionario in Rojava.

La nostra lotta contro ogni isolazionismo deve passare attraverso un'offensiva ideologica, al fine di decostruire ogni discorso razzista, fascista, religiosi, nazionalisti, e dalle lotte contro le disuguaglianze sociali.

Di fronte a violenza fascista, capitalistica, nazionalista, e dire che dobbiamo costruire la solidarietà di classe.

Nel mese di gennaio 2016,
Coordinamento dei gruppi anarchici

1 démocrature = formate le parole "democrazia" e "dittatura"

2 Vedere il documento "Qual è l'emergenza? Che cosa fa il nuovo progetto di legislazione anti-terrorismo? "

3 Vedere il documento "Qual è l'emergenza? Che cosa fa il nuovo progetto di legislazione anti-terrorismo? "

http://www.c-g-a.org/content/non-letat-durgence-et-aux-mesures-securitaires-ne-laissons-pas-un-regime-autoritaire-sinstal
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center