A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) anarresinfo: Una domenica alle Vallette

Date Wed, 17 Feb 2016 13:10:38 +0200


Domenica 7 febbraio, nonostante una pioggia battente oltre duecento antifascisti hanno risposto all’appello dei ragazzi del quartiere per un corteo di comunicazione e lotta nel giorno scelto dai fascisti di Casa Pound per la fiaccolata nel villaggio Santa Caterina, il gruppo di case popolari che, dagli anni Cinquanta ospita profughi istriani e dalmati, approdati nella nostra città dopo la guerra. ---- Un imponente schieramento di polizia ha serrato in una morsa di luci blu l’area, nonostante i fascisti, che pure avevano fatto appello ai camerati da Aosta a Milano, pare non fossero più di 50. ---- Gli antifascisti hanno fatto un lungo giro per il quartiere con frequenti soste per interventi e slogan, ascoltati dalla gente che spesso si è affacciata dai balconi.

Il corteo è stato uno dei tasselli di un’intera settimana di informazione e lotta.

I fascisti nei quartieri popolari fanno leva sulla povertà crescente per offrire agli italiani poveri un nemico da combattere.

La nazione diviene il perno su cui tutto si incardina, l’asse portante, che divide noi e loro. La guerra tra poveri si radica nell’idea di nazione. L’appartenenza di classe cede il passo a quella etnica.
Le marce contro i rom, gli immigrati, i profughi mirano a dare forma alla guerra, indicando obiettivi tangibili. I fascisti fanno leva sui pregiudizi più diffusi, sulla paura, sulla speranza di alzare la testa dalla melma almeno un poco.

Un parlamento bipartisan 12 anni fa ha istituito la giornata del ricordo, fornendo ai fascisti una buona occasione per dar lustro all’idea di una nazione irredenta da difendere.

Sarebbe miope ridurre a mero folclore reducista le celebrazioni fasciste per la giornata del ricordo, perché fiaccolate e deposizioni di fiori offrono uno spazio simbolico che rafforza le pulsioni identitarie.

Raid e pogrom si nutrono di un immaginario che cresce e si alimenta nei rituali, che reinventano e rafforzano una memoria di nazione, di cui il fascismo di ieri e di oggi si propone come alfiere.

Assediare la cerimonia, obbligare i fascisti a celebrarla difesi da un nugolo di poliziotti, spezza l’illusione nazionalista, riporta al centro il quartiere, la sua storia di luogo d’approdo per profughi e immigrati.

Spezzare l’immaginario che nutre il razzismo e la xenofobia non è mero esercizio di una memoria altra, ma reinvenzione di un presente possibile, che si incardina nelle pratiche di lotta quotidiana che a loro volta si nutrono e son nutrite della prefigurazione di un mondo senza frontiere.

Ripartire dalle periferie è anche fare un corteo fradici di pioggia, e scoprire che, nonostante l’acqua, qualcuno si avvicina, sui balconi c’è gente che ascolta.


https://anarresinfo.noblogs.org/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center