A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Alternative Libertaire AL Novembre - Ventiquattro ore nella vita di una donna* (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Mon, 26 Dec 2016 09:24:24 +0200


In la vita delle donne, la violenza è comune. Essi sono all'ordine del giorno perché capita a tutte le donne, non importa dove essi vivono, il loro colore della pelle, la loro identità sessuale, la classe sociale a cui appartengono. Essi accadono ogni giorno, a tutte le ore, in tutti i luoghi e in tutti gli ambiti della loro vita. Famiglia, lavoro, tra amici-ES, per la strada, la violenza contro le donne si sono impegnati a diverse intensità, ma qualunque cosa accada accadere. pietra angolare del patriarcato, sembrano "normali". Questa è la banalizzazione dei fatti profondamente discriminatorie, ingiuste e degradanti da combattere, mettendo in evidenza ciò che accade normalmente nella vita delle donne. Per fare ciò, qui ci sono alcuni esempi di quello che può accadere in una settimana. Sono tutti autentici. Si tratta di una condivisione di esperienze di vita. Non è successo niente di "speciale" aggressione fisica di questa settimana, non ho sperimentato. Ma è successo a me diverse volte. Ed è successo a tutti i miei amici. Questa settimana, è stata una settimana normale.

Lunedi, 09:55 p.m .:
lascio la piscina comunale. Nella sala, un uomo che lavora ci ha detto il suo collega che mi guarda su e giù: "E 'sempre bello guardare le belle ragazze." Per forzare si sente soggetto e negato nella sua capacità di pensare e di agire. Che arrabbiato.

Martedì, 6:50 pm .:
accompagno il college interno dove lavoro in sé. Mi rendo conto che ho dimenticato di portare i vassoi appesi. Mi scuso per lo chef che incontro per la seconda volta. "Sto andando a sculacciare te" mi ha risposto, ridendo, tra il sé e gli studenti. Allusione trasferisce a infantilismo sessuale o pratica malsana, questo tipo di pensiero è di inferiorità. Che arrabbiato.

Mercoledì, 11:30:
Un nuovo collega di ufficio dice: "Io non sono macho, finalmente, io sono una femminista per le donne integrali, macho, ma per la mia, è come una bambola". Infantilismo, oggettivazione e sostengono addirittura di inferiorità delle donne. In realtà, per forzarlo arrabbiato.

Giovedi, 00:40:
Ho sentito voci maschili e bevuto le mie finestre cantare ad alta voce "mettere il tuo cazzo sulla mia spalla viola tua madre, si avrà un fratello." Serata di battute che contribuiscono alla cultura dello stupro. Che arrabbiato.

Venerdì 15.30:
In corso, Prof. presenta "Un ricercatore ...". I ricercatori che esiste anche. Per forza l'invisibilità delle donne, che si arrabbia.

Per forzare queste piccole riflessioni che appaiono innocue o divertente, distilla una cultura sessista che utilizzate per le donne a sentire questo oggetto, più bassa e insignificante. Per questi "piccoli" umiliazioni ordinarie, imparano a vedere se stessi come subordinato e mettere a tacere la loro rabbia. Ora questa è una svalutazione del funzionamento del sistema patriarcale che prepara le donne a temere e soffrire ancora di aggressioni più violente e umiliazioni. Pertanto la rabbia è legittima e deve essere trasformato in combustibile per la lotta contro il patriarcato!

* Riferimento al titolo di un romanzo di Stefan Zweig racconta ventiquattro ore nella vita di due donne. Uno di loro è il cuore di uno scandalo, perché ha lasciato il marito per un altro. Il secondo rivela i suoi sentimenti per un uomo più giovane. Entrambi sono gravati da una società rimproverando i loro desideri, le azioni e comportamenti e supera un tale giudizio verso gli uomini. Questo sistema sociale è patriarcato.

http://www.alternativelibertaire.org/?Vingt-quatre-heures-dans-la-vie-d
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center