A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) usi-ait: Notte "passiva" o incubo reale?

Date Sun, 28 Aug 2016 12:58:08 +0300


LE EQUIPE EDUCATIVE DEL VARESOTTO E DEL COMASCO A FIANCO DELLA COLLEGA VITTIMADI VIOLENZA SESSUALE IN COMUNITA'DURANTE IL TURNO DI "NOTTE PASSIVA" ---- Apprendiamo dai giornali locali di una collega, educatrice in una Comunità Minori nel varesotto, vittima, durante il turno notturno, di abusi e violenze da parte di 4 ragazzi ospiti della struttura presso la quale prestava servizio. ---- I fatti: Busto Arsizio, comunità educativa per minori, notte ("passiva", cioè non retribuita, perché "tanto la notte dormi"), in turno una collega di 30 anni. "Turno da incubo" la definiscono i giornali. L'educatrice viene picchiata con un bastone, palpeggiata, umiliata con urina in faccia, minacciata con un coltello, tenuta in ostaggio mentre i 4 minorenni (14, 15, 16 e 17 anni) tentano di violentarla. Questo per 6 ore di fila. Dalle 24 alle 6 di mattina.

Come educatrici ed educatori del Varesotto non possiamo, in primo luogo, far altro che esprimere vicinanza umana e solidarietà alla collega che ha dovuto subire, durante lo svolgimento del proprio lavoro (è bene ricordarlo) tali violenze. A lei va tutto il nostro più sincero e caloroso abbraccio.

Ma la solidarietà, da sola, non basta. Urge una riflessione:
Innanzitutto: perché? Dove e di chi sono le colpe di questa situazione? Dove sono ConfCooperative e LegaCoop? Han qualcosa da dire al riguardo?
Il "turno da incubo" descritto dai giornali a noi educatori non stupisce, non meraviglia. Altro non è stato che l'episodio più estremo di quello che bene o male potrebbe capitare (e, consapevolmente, continuiamo a fare con impegno e incredibile passione questo lavoro) a qualunque educatore / educatrice che lavora in comunità.

Perché? Presto detto: turni assurdi, spesso nessuna compresenza durante il giorno, nessuna compresenza la notte, educatori che si ritrovano da soli con gruppi di utenti "difficili", spesso anche oltre il rapporto 1 a 5 stabilito per legge, leggi che non tutelano gli educatori, logiche economiche e "di retta" che trasformano le comunità educative in un "di tutto di più" (tanto quello che conta è la retta e i pensieri educativi vengono dopo) dove poi diventa difficile riuscire a gestire bene il gruppo dei ragazzi.
Una cosa sopra tutte ci addolora particolarmente: il fatto che l'educatrice abbia subito tali violenze durante il turno di notte, durante cioè quelle ore in cui si trovava al lavoro da sola, nel momento più vulnerabile e, soprattutto, non pagata! (se non con una simbolica indennità del valore di 8 euronetti.. 1 euro all'ora..).

A differenza di altre province d'Italia, infatti, nel Varesotto e nel Comasco è prassi delle Cooperative Sociali (con alcune rare e lodevoli eccezioni) applicare la famigerata "notte passiva" (purtroppo prevista dal CCNL Coop. Sociali, contratto scaduto da oltre 4 anni..): in pratica sei al lavoro ma non sei retribuito (proprio nelle ore di minor tutela del lavoratore) e le ore fatte non rientrano nel monte ore del proprio contratto.
A queste condizioni(turni da soli, personale ridotto, logiche economiche che sovrastano quasi sempre quelle educative, nessuna tutela degli operatori e delle operatrici sociali) questo episodio poteva solo essere atteso. Purtroppo. Noi lo abbiamo sempre saputo.
Urge un esame di coscienza di tutto l'ambito del socio-educativo (Cooperative Sociali, ConfCooperative, LegaCoop, Istituzioni..) affinché, già da domani, il nostro lavoro sia veramente tutelato, valorizzato e considerato.
Non chiediamo molto. Attendiamo risposte.

EDUCATRICI ED EDUCATORI DEL VARESOTTO E DEL COMASCO
Firmatari:
Equipe educativa "Progetto Sociale"-Cantù (CO):
- Silvia Colombo
- Daniel Regis
- Cinzia Rinaldi
- ...
- ...

Equipe educativa "Pollicino"-Busto Arsizio (VA)
- Valentina Moneta
- Silvia Tuccio
- Roberta Gaita
- Carla Fasan
- Emanuela ..

Equipe educativa "Il Sole"-Solbiate (CO)
- Simona Vivaldi
- Sabrina Elvini
- Fabio ..
- ...

Equipe educativa "Proxima"-CAstellanza (VA)
- Simona Italiano
- Mariachiara Giaimo
- Fabio ...
- Elena ..
- Carolina ..
- Lilian ..

Equipe educativa "L'Arca"-Tradate (VA)
- Paolo Morandi
- Eleonora Sassi
- Laura ..
- Egles ..
- Gustavo ..
- Marta ..
- Martino ..
- ...
- ...
- ...

Equipe educativa CDD Uggiate Trevano (CO)
- Dalila Mariani
- Cristina Tressoldi
- Elena ..
- Paola ..

Equipe educativa Città del Sole (MB)
- Luca Mauri
- ...

Equipe educativa "Casa Gialla"
- Giada Perseghin
- ...
- ...
- ...

Equipe educativa "Casa di Steven"
- Isabella Maja
- ...
- ...

Segreteria nazionale "Unione Sindacale Italiana-Settore Educazione"
- Andrea Sardella (VA)
- Paolo Masala (MI)

Educatori ed educatrici attualmente inattivi o a titolo personale:
- Flavio Trovato (VA)
- Luca Di Nanno (VA)
- Francesca Frassina (VA)
- Paola Bianchi (VA)

http://www.usi-ait.org/index.php/usi-educazione/1199-notte-qpassivaq-o-incubo-reale
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center