A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) 17 APRILE, ANCORA UNA VOLTA: DICIAMO “Sì” ALLA CHIUSURA DEI GIACIMENTI, MA SOPRATTUTTO DEGLI STRUMENTI DI DELEGA!

Date Sat, 16 Apr 2016 09:46:16 +0300


una posizione critica sul referendum del 17 aprile, e più in generale sullo strumento referendario, tema spinoso e controverso per anarchici e libertari... ---- Quello referendario, è senza dubbio uno dei luoghi comuni più diffusi, circa gli spazi di partecipazione e autodeterminazione popolare, che i sistemi democratici e repubblicani metterebbero a disposizione dei propri cittadini, e della sovranità popolare. ---- Innanzitutto perché in Italia – ma non solo – i referendum nazionali sono esclusivamente abrogativi, confermativi o consultivi (non propositivi). E soprattutto perché sono degli irriducibili canalizzatori e filtratori delle mobilitazioni popolari, e delle tensioni più radicalmente rivoluzionarie che caratterizzano alcune di esse. Soprattutto quelle che si sviluppano su basi comunitarie, come talvolta accade in modo peculiare, proprio per le mobilitazioni a carattere ambientale.

Questo è stato ancora una volta messo in luce, da tutte quelle istanze di ispirazione anarchica e libertaria, che hanno sottolineato come anche il referendum del 17 aprile contro le trivellazioni petrolifere in mare entro le 12 miglia dalla costa – oltre ad essere in sé per sé limitato per quanto riguarda gli effettivi risultati che esso otterrebbe nel conflitto specifico, in caso di raggiungimento del quorum e vittoria del “Sì” – rischia di essere non meno limitante, anche relativamente alle possibilità di lotta che a partire da esso si aprirebbero, o meglio si chiuderebbero, all’orizzonte delle prospettive autogestionarie più radicali.

Da un lato infatti, la chiusura dei suddetti giacimenti alla scadenza delle concessioni, piuttosto che all’esaurimento delle risorse, non garantirebbe la prevenzione, né rispetto alla futura apertura di nuove strutture oltre le 12 miglia, né rispetto all’intensificazione dello sfruttamento di quelle presenti sul territorio emerso, in Italia come all’estero. Con conseguenti “missioni di pace” od “interventi umanitari”, e/o, relative mutilazioni, rispetto al raggiungimento di un pieno risultato concreto.

Dall’altro lato, la vittoria tramite lo strumento referendario, non garantisce affatto la prosecuzione della mobilitazione ambientalista su basi rivoluzionarie, ed anzi rischia di fatto di sublimarne gli orizzonti, in una finta autodeterminazione popolare, tipica delle dinamiche e della retoriche della democrazia.

Sono tutti aspetti e problematiche da tenere presenti – questi/e – nel momento in cui si va a proporre di partecipare al voto, e di votare “Sì” – per bloccare lo sfruttamento dei giacimenti al termine delle concessioni – per il quesito referendario del prossimo 17 aprile.

Si tratta anche questa volta di fare la più malatestiana delle distinzioni, e delle commistioni, fra anarchia ed anarchismo. Fra l’orizzonte ideale da difendere e perseguire, e le battaglie contingenti che questo orizzonte può e deve saper affrontare e superare, per il proprio avvicinamento.

Si tratta di ribaltare dialetticamente, la concezione per cui il conflitto specifico, giocato fuori casa sul terreno del proprio avversario, porta inevitabilmente alla sconfitta dei propri schemi e dei propri obbiettivi di gioco.

Si tratta di trasformare l’appuntamento democratico, in un’ occasione di rilancio delle lotte e delle mobilitazioni più strettamente comunitarie.

Nella consapevolezza delle insidie e delle difficoltà di gestione che questo strumento comporta. Ma che al tempo stesso il conflitto specifico che esso risolve, per quanto limitato, è contingentemente troppo importante per essere ignorato.

Anche alla luce dei tentativi di boicottaggio governativi, fatti recentemente nei suoi confronti, quindi dell’effetto che la sua vittoria potrebbe avere, sulla stabilità futura dell’attuale governo, e sulla fiducia dei cittadini nei suoi confronti. Ma anche alla luce del significato simbolico che una vittoria del “Sì” acquisirebbe, in chiave di un rilancio delle istanze ecologiste in materia di energia e non solo.

IL 17 APRILE VOTIAMO SI’. Per iniziare a fermare le trivellazioni, ma soprattutto per rilanciare ovunque LA COSCIENZA E LA MOBILITAZIONE AMBIENTALISTA, AUTOGESTIONARIA, RIVOLUZIONARIA.

https://cusa.noblogs.org/2016/04/12/17-aprile-ancora-una-volta-diciamo-si-alla-chiusura-dei-giacimenti-ma-soprattutto-degli-strumenti-di-delega/

liberamente,
CUSA
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center