A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, Alternative Libertaire AL #251 - Pulizia: Rompere le catene di subappalto (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Thu, 09 Jul 2015 16:19:51 +0300


Due mesi di sciopero: questo è quello che ci voleva per i salariati della società TFN-Atalian, società che si occupa della gestione delle finanze pubbliche a Parigi, la pulizia a dare il loro capo e far rispettare diritto del lavoro. ---- L'11 maggio, i lavoratori invisibili della finanza pubblica hanno finito uno sciopero che ha avuto inizio l'11 marzo: Queste donne assunto dalla società TFN-Atalian che la gestione regionale delle finanze pubbliche a Parigi i delegati alla gestione della pulizia dei locali, ribellati contro le condizioni di lavoro e di retribuzione inaccettabile. ---- Se lo sciopero ha avuto inizio il 11 marzo, i dipendenti hanno iniziato i negoziati con TFN dal novembre: due sinistri lettere collettive stati inviati alla direzione tra novembre e marzo, con nessuna risposta da questa società che dà lavoro a 65 000 persone 16 paesi e un fatturato di oltre un miliardo di euro nel 2014. Quindi è un colpo!

Le richieste dei dipendenti coinvolti principalmente condizioni di lavoro. Essi exigaient primi contratti di almeno sedici ore settimanali invece di contratti a dieci-quindici ore settimanali di oggi. Oltre a una maggiore compensazione, gli straordinari ridurrebbe leggermente le tariffe e preservare la salute dei lavoratori: dipendenti di sesso femminile devono pulire 1400 m2 al giorno, che è enorme, tanto più che l'hardware è difettoso e insufficiente. Va detto che anche in "buone condizioni", che si avvale del lavoro rimane fisicamente: si chinò la postura, l'esposizione ai prodotti per la pulizia tossici a lungo termine, ripetitivo... Ma questo disagio è difficilmente visibile, anche perché i dipendenti sono donne, poco sindacalizzati e associano il disagio piuttosto di lavoro in fabbrica o all'aperto.

Distorsioni al codice del lavoro

Altre richieste sono state volte a migliorare le condizioni di vita dei lavoratori: oltre il tredicesimo mese, attaccanti vogliono il datore di lavoro partecipa per il 50% le spese di trasporto come la legge richiede, che dà loro l'accesso a formazione professionale e partecipa al finanziamento dell'assicurazione addizionale. Infine, è di dire basta alle numerose violazioni nel mondo del lavoro svolte dal Codice società, tra cui il mancato riconoscimento di anzianità, il pagamento dei premi di sostituzione invece di pagare gli straordinari, sostituzione attaccanti di avviso temporaneo, o indebito di un dipendente.

Sono supportati da un inter-union (Solidarietà, CGT, FO), che ha lanciato una petizione di sostegno e ha chiesto un appuntamento con la direzione regionale delle finanze pubbliche (DRFIP) ei dipartimenti acquisti di Stato (SAE). SAE DRFIP e non bagnarsi, si dicono "non competente" e tornare gli scioperanti alla prefettura regionale. Il Capo di Stato Maggiore del prefetto, dagli scioperanti incontrati il 27 aprile ha rifiutato di ascoltare le loro richieste, negando loro osservazioni sulle irregolarità praticate da TFN ed esigente prova. Era attento a non prendere impegni per fare pressione all'azienda di riaprire i negoziati.

Dal 10 aprile, TFN deciso di accettare alcune richieste: la revoca della segnalazione, il rimborso delle spese di trasporto, fornendo abiti da lavoro su misura, il pagamento per le ore extra. Poi, il 11 maggio, i salariati hanno tirato fuori una serie di altre questioni, tra cui: il ritiro della clausola di mobilità, due CDD trasforma in transizione CDI a sedici ore di lavoro a settimana per sette salariati, premium bonifica del pagamento siti pari al 60% dei giorni di sciopero, il ritiro di una sanzione contro un dipendente del 13 ° distretto.

Al di là delle affermazioni soddisfatti, i dipendenti-es accolto con favore la solidarietà nato senza difetto del movimento. Una solidarietà che li causa anche di continuare a rivendicare i sedici ore e il tredicesimo mese per tutti.

Auréline (AL Toulouse)

http://www.alternativelibertaire.org/?Nettoyage-Briser-les-chaines-de-la
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://lists.ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center