A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) [Bergamo] Sui proclami di coprifuoco in via Quarenghi. La chiamano sicurezza. E'razzismo di stato!

Date Fri, 29 Oct 2010 18:56:54 +0200


La chiamano sicurezza.E'razzismo di stato!
Dopo le trovate dei mesi passati fatte di leggi antiaccattonaggio,
militari nelle strade, rastrellamenti di immigrati nelle vie
cittadine, sgomberi di campi rom , proclami di ronde, lâassessore al
razzismo del comune di Bergamo Invernizzi, giunge al culmine del suo
delirio securitario: IL COPRIFUOCO.
Il coprifuoco à definito come un dispositivo imposto da autoritÃ
militari/statali, usato in zone interessate da operazioni di guerra .
Dunque finalmente le istituzioni gettano la maschera e palesano il
fatto che ci troviamo in tempi di guerra.
Ad una guerra esterna fomentata da interessi economici e condotta con
false missioni di pace condite da bombardamenti e morti civili,
corrisponde infatti un fronte interno per difendere una societÃ
sempre pià diseguale, precaria e razzista, alla continua ricerca di un
capro espiatorio da gettare in pasto allâopinione pubblica per
distoglierne lâattenzione dalle vere problematiche che attanagliano
la gente comune ed a giustificare lâaumento di controllo sociale.

In questa logica del capro espiatorio, via Quarenghi rappresenta per
Bergamo unâarea dove si sperimentano a tutti i livelli relazioni
interculturali dal basso (umane, commerciali..), dove la strada Ã
vissuta dalla gente in maniera spontanea. Dunque simbolicamente
lâobbiettivo privilegiato di una giunta composta da leghisti e
fascisti, la cui priorità resta spettacolarizzare lâuso della forza
nei confronti dei migranti a fini elettorali; creare una fobia di
massa verso il diverso, orientare lâopinione della gente verso
interessi vuoti.
Si assiste quotidianamente a rastrellamenti razziali in strada dove si
à controllati in base al colore della pelle, a perquisizioni porta a
porta con un dispiegamento di uomini e mezzi inutile e costoso.
Situazioni in cui nella via viene interrotto il fluire della
quotidianità per sostituirlo con uno stato di eccezione, oggi
praticato sui migranti, domani esteso a tutte le fasce sociali piÃ
deboli.
Per la giunta comunale e per i governi in generale, lâimmigrato non
dovrebbe esistere al di fuori di uno sfruttamento lavorativo dunque,
votato âper sua naturaâ alla clandestinitÃ.
Questo tipo di controllo razziale spesso culmina con la reclusione nei
Centri di Identificazione ed Espulsione o in carcere e,
successivamente,con lâespulsione di persone la cui unica colpa Ã
quella di non avere un documento in regola e di aver cercato una vita
migliore nel nostro paese, in fuga da guerre e povertÃ.

Questa operazione mirata su via Quarenghi potrebbe anche nascondere
un disegno di speculazione edilizia: liberare gli stabili (alcuni dei
quali già vuoti da anni) di un isolato adiacente al centro al fine di
rendere la via appetibile al mercato immobiliare e commerciale di
lusso.
Un tipo di speculazione già effettuata negli anni passati nei borghi
storici di città alta, ora trasformata in una vuota vetrina turistica
dove alle vecchie botteghe artigiane e ai vecchi abitanti sono
subentrate boutique turistiche e un tipo di residenzialità dâelite e
di lusso .

Con il coprifuoco via Quarenghi diventerebbe quindi una strada deserta
in nome di una sicurezza fatta di paura controllo e pregiudizi. In
realtà noi sappiamo che la vera sicurezza si esprime con strade
frequentate e vive, con spazi di socialità e libera espressione , ma
soprattutto con diritti, dignità e libertà per tutti!
No al razzismo di stato! Basta rastrellamenti ed espulsioni!
Eâora di dire basta!! In tempi di guerra il silenzio à complicitÃ!

Nemiche/i dei razzisti e dei loro lager
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center