A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: Una settimana antirazzosta

Date Mon, 9 Feb 2009 07:18:59 +0100



Torino. Una settimana antirazzista
Pane e farina in circoscrizione
Il primo febbraio il presidente dell'ottava circoscrizione, Mario Cornelio
Levi, scrive ai vigili urbani chiedendo "provvedimenti urgenti" contro lo
smercio abusivo di pane sotto ai portici di via Nizza, "intollerabile"
attacco ai negozianti della zona. A S. Salvario, come in altre zone della
città, sono molte le persone che comperano il pane – buono e poco costoso
– dai maghrebini che lo vendono per la strada. In maggioranza anziani e
anziane, infagottati in cappottoni e sciarpe per difendersi dal freddo
pungente dell'inverno, si piazzano in un angolo di passaggio: un trolley,
qualche sacchetto, una cassetta di plastica ed ecco pronta la bancarella
del pane: in questi tempi duri per tutti c'è chi arrotonda le entrate e
chi risparmia sulla spesa.
Non bastavano le norme della giunta contro quelli che si fanno di pizza,
birra e kebab nel quadrilatero di S. Salvario, adesso i vigili daranno la
caccia agli spacciatori di pane. Cose della vita di tutti i giorni, una
vita sempre più abusiva. Per tutti.
Sono circa le 18,30 di mercoledì 4 febbraio: nella sede dell'ottava
circoscrizione è in corso la riunione del consiglio. Inaspettati arrivano
gli antirazzisti che, spiegate le loro ragioni, consegnano due pagnotte e
infarinano numerosi consiglieri.
Il giorno dopo il solito Massimo Numa su La Stampa tenterà di inventarsi
una matrice razzista nel gesto, prendendo a pretesto le origini ebraiche
del presidente di circoscrizione. Nonostante lo stesso Levi neghi,
riconoscendo nella sua lettera sui venditori di pane l'origine del gesto,
il giorno successivo il sindaco Chiamparino esprimerà la propria
solidarietà a Levi, per "l'attacco antisemita". Il livore di Chiamparino
arriva alla calunnia pur di colpire chi lotta contro il razzismo. D'altra
parte il sindaco più amato di Italia ha il dente avvelenato contro
panettieri e pasticceri sin da quando un anarchico lo centrò in pieno
volto con una torta alla panna farcita di pasta d'acciuga. L'irrisione, la
beffa sono da sempre armi forti contro l'arroganza dei potenti.

Fazzoletto rosso all'elementare Rayneri
Venerdì 6 febbraio un gruppetto di antirazzisti ha piazzato il solito
banchetto con il fazzoletto rosso antirazzista all'uscita degli alunni
dell'elementare Rayneri, in corso Marconi angolo via Madama. Nonostante la
pioggia battente qualcuno si è avvicinato e ha preso il fazzoletto.
Replica sabato e domenica mattina a Porta Palazzo, sabato pomeriggio in
centro.

Contro il pacchetto sicurezza
Giovedì 5 febbraio il senato ha approvato il "pacchetto sicurezza". Le
nuove norme dovranno ancora tornare alla camera per l'approvazione
definitiva ma è improbabile un rovesciamento della logica razzista e
liberticida che le anima. Basta una breve occhiata ad alcuni dei
provvedimenti per coglierne la terrificante valenza repressiva e xenofoba.
Viene istituito il reato di immigrazione clandestina, che, pur non
contemplando il carcere, renderà più facile la deportazione dei senza
carte. Nel ventennio le chiamavano squadracce, oggi ronde, con la nuova
legge sono state legalizzate. I senza casa saranno schedati, il che
consentirà di "censire" i rom senza dover subire le fastidiose proteste di
chi si oppone alla schedatura etnica. Chi non ha una casa decente non avrà
la residenza e, quindi, niente medico e niente scuola. I medici potranno
denunciare i pazienti senza documenti, anche se per fortuna la resistenza
contro questa norma inumana sta crescendo tra medici e infermieri. Viene
reintrodotto il reato di offesa a pubblico ufficiale, con pene che
arriveranno ai tre anni di carcere. Nel paese dell'informazione asservita
chi si prenderà la libertà di scrivere su un muro pagherà multe da
capogiro. Scioglimento e confisca dei beni per le associazioni
"sospettate" di appoggiare il terrorismo e l'eversione, in tal modo si
potranno sgomberare posti occupati, chiudere sedi politiche sulla base di
una semplice supposizione.
Sabato 7 febbraio in via Po gli anarchici della FAI hanno aperto un punto
info contro il pacchetto sicurezza, con mostra, musica, volantinaggi.
Numerosi i passanti che, leggendo dei vari provvedimenti, si sono stupiti
ed hanno chiesto informazioni, altri hanno preso il fazzoletto rosso
contro le retate.
Si replica giovedì 12 alle 18 davanti alle Molinette, sabato 14 dalle ore
15 ai giardini Lamarmora in via Cernaia.

Il mercato della domenica
Il mercato abusivo della domenica mattina, ormai riposizionato in piazza
della Repubblica davanti e intorno al Palafuksas, è ormai affollatissimo:
domenica mattina qualche bancarellaro ha persino litigato per il posto al
sole. Domenica 8 febbraio, la seconda del mese, c'era anche il gran Balon,
il mercato di antiquariato/modernariato ormai figante e ordinato. La
vicinanza dei due mercati, quello per bene e quello per male, rende
solitamente nervosi i tutori del disordine, che provano qualche affondo
contro gli abusivi del pane e della menta, dei vestiti taroccati e di
quelli usati. Gli alpini di ronda hanno provato a far desistere gli
ambulanti ma senza successo. Più tardi, quando il mercato era ormai
avviato e affollatissimo, sull'altro lato della piazza è arrivato un
blindato carico di poliziotti dell'antisommossa e di digos, che si sono
limitati a segnare platealmente i nomi degli antirazzisti presenti.
Un immigrato maghrebino, rivolgendosi ad alcuni compagni che
attacchinavano contro il pacchetto sicurezza, ha detto "sono qui da nove
anni e nonostante non abbia le carte, in nero ho lavorato persino alla
costruzione del palagiustiuzia". Poi, allargando le braccia, ha soggiunto
"queste leggi non serviranno a niente: chi affronta le morte nel deserto e
in mare non ha certo paura della galera".

Prossimi appuntamenti:

Giovedì 12 febbraio punto info contro il pacchetto sicurezza davanti
all'ospedale Molinette. Appuntamento alle 18.

Sabato 14 febbraio punto info contro il pacchetto sicurezza e le ronde
dalle 15 ai giardini Lamarmora, in via Cernaia angolo via Stampatori.

Martedì 26 febbraio punto info sulla crisi e chi la paga in via Po 16.
Dalle 18.

Giovedì 28 febbraio assemblea "La crisi se la paghino i padroni!".
Introduce Stefano Capello. In corso Palermo 46 dalle 21.

Federazione Anarchica Torinese – FAI
Corso Palermo 46
La sede è aperta ogni giovedì dalle 21,15
fai_to@inrete.it
338 6594361
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center