A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Cagliari: azione antirazzista al cpt di Elmas

Date Sun, 21 Sep 2008 13:54:44 +0200



Giovedì 17 Settembre è scoppiata la rivolta nel CPT (o CIE o CPSA
secondo le nuove denominazioni) di Elmas, I rivoltosi, rinchiusi da
settimane, hanno devastato gli
ultimi due piani dell'edificio-prigione rendendolo inagibile. Gli
scontri sono durati tutta la notte, nessun civile è potuto entrare per
verificare cosa realmente sia successo agli internati che si sono
rivoltati, che (secondo fonti giornalistiche) sarebbero stati tutti
trasferiti nei CPT del continente il giorno seguente.
Come risposta immediata il pomeriggio del giorno successivo (Venerdi' 18
Settembre) un piccolo gruppo di antirazzisti è riuscito a raggiungere il
cancello d'ingresso della zona presidiata (in territorio militare)
srotolando striscioni sui reticolati e scandendo slogan al megafono in
inglese francese e italiano, in solidarietà con gli insorti.
Successivamente il gruppo dei manifestanti si è spostato, scortato da
numerose auto di polizia e carabinieri, sino al vicino aeroporto civile,
dove hanno srotolato gli striscioni e volantinato mentre i poliziotti si
sforzavano di identificarli. Il testo del volantino lo riportiamo qui sotto.
Il campo di prigionia di Elmas non è stato purtroppo completamente
distrutto dalla rivolta. I piani bassi sono ancora agibili e vi sono
rinchiusi da tre mesi oltre un centinaio di richiedenti asilo
provenienti da vari paesi in guerra (Somalia, Costa D'Avorio, Sudan,
etc.). Deportati a Giugno 2008 direttamente da Lampedusa sono ancora
prigionieri in attesa di sapere se diventeranno rifugiati oppure
"clandestini".
L'esistenza di questo campo di prigionia rimane quindi ancora un
problema aperto, da affrontare nell'immediato futuro.

Testo del volantino diffuso:

*FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA*
La notte di Giovedì, 18 Settembre 2008, i prigionieri del CPA (Centro
Prima Accoglienza) di Elmas si sono rivoltati e hanno distrutto la loro
galera. Una di meno!
_*Lo chiamano "Centro di Accoglienza" ma è peggio di una prigione.*_
È accanto a noi ma risulta invisibile, chiuso com'è nella zona militare
dell'aeroporto di Elmas, circondato da filo spinato e sorvegliato dai
soldati in armi della brigata Sassari. All'interno dell'edificio sbarre
alle finestre e telecamere ovunque, nessuno sguardo indiscreto può
superare queste barriere per stabilire cosa succede al suo interno. In
un'intero piano di una ex caserma trasformata in prigione, un centinaio
di esseri umani vivono rinchiusi da settimane, ammassati in grandi
cameroni stipati di letti a castello, sani e malati a strettissimo
contatto (una settimana fa si sono verificati alcuni casi di tubercolosi
tra i prigionieri).
A gestire l'accoglienza degli "ospiti" (hanno il coraggio di chiamarli
in questo modo) si è incaricata un'azienda privata no-profit, la
Connecting People, specializzata nella gestione di campi di prigionia
per migranti (gestisce anche quelli di Gorizia e Trapani) che, a livello
locale, si appoggia al "Consorzio Solidarietà" per gestire la prigione
di Elmas.
Gli uomini e donne che si sono ribellati al loro stato di prigionia sono
invece migranti, persone che hanno rischiato la vita per attraversare il
mediterraneo su piccole barche, dalle coste del nordafrica, con la
speranza e la volontà di conquistarsi il diritto ad una esistenza meno
misera e opprimente e più libera. Per questa loro giusta aspirazione
vengono criminalizzati, definiti "clandestini", imprigionati. Ma le loro
aspirazioni sono anche le nostre, se la loro è una colpa siamo tutti
colpevoli.

*IN APPOGGIO ALLA RIVOLTA DEI RECLUSI DEL CAMPO DI PRIGIONIA DI ELMAS *

*SOLIDARIETA, CON TUTTI I MIGRANTI*

*PER LA LIBERTA' E LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE*

*RIBELLARSI È GIUSTO*

Resistenza Antirazzista.


una compagna anarchica che ha partecipato all'azione
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center