A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Unicobas: Sul rinvio della riforma universitaria

Date Mon, 3 Nov 2008 23:47:32 +0100



RINVIO RIFORMA UNIVERSITARIA - COMUNICATO UNICOBAS 2.11.08
La decisione del Governo di rallentare l'iter dell'annunciata riforma
Gelmini dell'Università, che avrebbe dovuto essere presentata entro
sabato è la dimostrazione che la mobilitazione dal basso (non certo
determinata dalla "balbuzie" politica dell'opposizione parlamentare ed
extra-parlamentare), mobilitazione diretta di quei "pochi" studenti
facinorosi e insegnanti/docenti/precari/personale ATA/genitori/etc.,
fannulloni (dimostrata dalla straordinaria partecipazione unitaria
alla giornata di sciopero del 30 u.s.), ha messo in crisi sia la
popolarità che la pratica di governo di Berlusconi.
Il "blocco momentaneo" della riforma dell'Università, che si
preannunciava peggio degli stessi tagli finanziari, è un primo
risultato utile, ma per l'Unicobas è solo l'inizio. Andremo avanti
fino al ritiro delle leggi 133 e 137, fino al blocco delle loro
ricadute nella legge finanziaria 2009; fino alle dimissioni di
Gelmini, Brunetta e Tremonti. Il movimento non si fermerà. Rappresenta
la lotta della società civile contro il tentativo di imporre una vera
e propria restaurazione sociale. Stanno cercando di "vendicarsi" e
spazzare via l'ultimo baluardo – e le lotte lo dimostrano – del
pensiero critico ed antiautoritario: scuola ed università.
L'Unicobas ringrazia i lavoratori dell'università e della scuola che
hanno aderito allo sciopero del 30/10. La grande lezione di questi
giorni sta nel comune sentimento di una battaglia unitaria per la
difesa dell'istruzione pubblica tutta. L'Unicobas invita le
organizzazioni sindacali di base a rompere gli indugi ed affiancarsi
alla lotta di scuola ed università, per realizzare quella saldatura
sociale con tutto il mondo del lavoro che teme Berlusconi.
Il "blocco momentaneo" della riforma dell'Università lascia con un
pugno di mosche la CRUI, che aveva "temporeggiato" accettando di fatto
i tagli di Tremonti in cambio di una riforma che darebbe ai Rettori il
pieno controllo delle Università (CRUI, come unico rappresentante del
mondo accademico). Quegli stessi rettori eletti dalle grandi lobbies
accademiche e dalle loro truppe cammellate, referenti dei partiti e
dei poteri forti come Opus Dei e massoneria, che sono corresponsabili
del dissesto finanziario del sistema universitario nazionale. Come i
furbetti delle banche e del capitalismo (straccione) nostrano, i
rettori non pagherebbero niente ma si ritroverebbero con maggiore
potere.
Altrettanto spiazzate si ritrovano CGIL-CISL-UIL, che nell'Università
sono stati finora a guardare, mobilitandosi sporadicamente contro i
tagli della 133, mandando avanti le organizzazioni studentesche, e che
solo dopo la proclamazione dello sciopero nell'Università da parte
dell'Unicobas per il 30/10 (che ha avuto un indubbio successo) hanno
comunicato lo sciopero del 14/10.
CGIL-CISL-UIL e le altre organizzazioni della docenza e del mondo
universitario sono doppiamente spiazzate. Hanno infatti preparato una
proposta di riforma dell'Università (in molte parti condivisibile ma
certamente da approfondire), che si apprestano a presentare in
conferenza stampa domani 3 Novembre alla Sapienza presso il
Dipartimento di Matematica con l'obiettivo di sedersi al tavolo di
discussione sulla riforma Gelmini. Cosa non condivisibile, permanendo
invece la pregiudiziale irrinunciabile espressa dal movimento delle
Università e delle scuole, che è quella di un previo, totale e
definitivo ritiro delle leggi 133 e 137.
Stefano d'Errico (Segretario generale CIB Unicobas)
Giuseppe Carbonara (Esecutivo Nazionale Unicobas Università)
Unicobas Scuola & Università
Sede Nazionale: V. Tuscolana, 9 – 00182 Roma
Tel., segr., fax: 0670302626
http://www.unicobas.it - unicobas.rm@tiscali.it
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center