A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Israele-Palestina: Report settimanale sulla partecipazione di Anarchici Contro il Muro alle lotte unitarie [en]

Date Mon, 25 Feb 2008 14:18:17 +0100 (CET)



Quest'ultimo weekend è iniziato un giorno prima. Giovedì 21 febbraio abbiamo
partecipato a due manifestazioni: quella nella regione di Biddu, ad ovest di
Givat Zeev. Biddu ed i villaggi della regione sono stati al centro della lotta
contro il muro della separazione circa quattro anni fa. Ora, la lotta sta
ricominciando a causa della sottrazione di terre palestinesi a vantaggio
dell'espansione coloniale a Givat Zeev. L'altra manifestazione è stata quella
di Azzoun nella regione di Qalqilyah: una manifestazione contro la minaccia di
demolizione di un parco giochi per bambini. Venerdì 22 febbraio abbiamo
partecipato ad altre tre azioni. Al mattino a quella a Silwan. Poi, eravamo a
Bil'in per il terzo anniversario della lotta contro il muro ed a El Khader, il
nuovo fronte di lotta contro il muro. A Bil'in eravamo circa 2.000 persone:
palestinesi del villaggio e di altri centri della Cisgiordania, israeliani
della coalizione contro il muro della separazione, attivisti internazionali ed
un sacco di operatori dei media sia locali che internazionali.


Bil'in:

Dopo il concentramento nella tarda mattinata di venerdì, a mezzogiorno si sono
svolti dei comizi. Dopo, abbiamo marciato verso il muro con un sound system
alla testa e rullatori di tamburi al centro del corteo. Sebbene l'Alta Corte
israeliana circa 6 mesi fa abbia ingiunto lo spostamento del muro più ad ovest
e la restituzione ai palestinesi di Bil'in delle terre sottratte dal perimetro
del muro, nulla è stato fatto in applicazione di tale sentenza. Questo è stato
il tema dominante della manifestazione del 22 febbraio.

Una volta giunti al cancello sulla strada del muro, abbiamo continuato a
cantare per un po', almeno finché giovani irregolari hanno iniziato il lancio
di pietre verso i soldati israeliani, suscitando la ritorsione delle forze di
Stato con gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

La maggior parte dei manifestanti è arretrata, lasciando il campo allo scontro
tra i ragazzi e le forze di Stato, sotto gli occhi di molti osservatori a
distanza di sicurezza. In un'ora e mezza di scontri, circa 20 ragazzi ed
alcuni osservatori sono stati feriti - 6 ricoverati in ospedale, di cui uno
grave.

I notiziari radio hanno riferito sulla manifestazione per tutto il pomeriggio
ed i canali TV ne hanno parlato nei telegiornali di tarda serata.


Silwan:

Lo scorso sabato (16/2/2008), 31 ulivi sono stati sradicati in un terreno
privato da appartenenti alla associazione Elad. La polizia, giunta dopo circa
un'ora dalla chiamata, ha deliberatamente ignorato la presenza dei
responsabili che erano ancora lì sul posto, nonostante gli abitanti di Silwan
avessero fornito tutti i dati per il riconoscimento dei criminali.

A quel punto erano i residenti palestinesi a rischiare, per cui abbiamo dovuto
metterci al loro fianco e manifestare il nostro appoggio! Venerdì 15 febbraio,
alle 9.00 di mattina, cittadini israeliani di Gerusalemme hanno espresso la
loro solidarietà ai palestinesi con una protesta davanti all'ingresso del
centro turistico della "Città di Davide". Aspettavano i turisti con cartelli e
volantini con cui spiegavano a turisti la propaganda israeliana che sottende
la visita alla "Città di Davide".

Retroscena:

L'associazione Elad è nota per la sua attività di pulizia etnica contro i
palestinesi di Wadi Hilweh e Silwan da oltre dieci anni. L'associazione usa
mezzi diversi per i suoi obiettivi: paga più o meno legalmente indennizzi per
le case, utilizzando una rete di collaboratori che distrugge un territorio
dall'interno, ricorrendo a pretesti come l'individuazione di siti archeologici
o per lo sviluppo turistico al fine di indurre i residenti locali a
traslocare.

Lo Stato di Israele ha dato pieno mandato per il controllo sui siti
archeologici di Silwan all'associazione Elad, la quale in cambio ha messo a
punto un metodo per espellere i cittadini dalle loro proprietà, appropriandosi
così di aree pubbliche che recinta a fa vigilare da guardie private che
impediscono l'accesso ai residenti. Elad effettua sondaggi ed esegue
aggressive campagne di scavi archeologici, condotti con segretezza e prassi
illecita, in aperta violazione dei codici etici internazionali e con la
protezione di forze private di sicurezza. Elad è riuscita a collocare suoi
uomini in tutte le autorità e le commissioni che abbiano rilevanza per le sue
attività: nella amministrazione municipale di Gerusalemme, nelle commissioni
statali a livello nazionale, nelle autorità sui beni antichi, nell'autorità
per i parchi e la protezione della natura, nella custodia dei beni abbandonati
dai loro proprietari. Ogni tentativo dei residenti di far qualcosa contro
Elad, si è scontrato con l'immediato intervento della polizia israeliana e dei
servizi segreti (Shin Bet) a protezione di Elad.

Centinaia di migliaia di turisti all'anno vengono accompagnati negli scavi di
Silwan, e sottoposti al lavaggio dei cervello delle cose tendenziose che gli
racconta Elad, sotto la patina affascinante dei parchi nazionali e delle
antichità. La distorsione dei fatti e l'oppressione sui residenti locali deve
venir fuori e fatta sapere specialmente a coloro che vengono a visitare i siti
naturali ed archeologici.


Azzoun:

Una piccola oasi per i bambini nel bel mezzo di una terra senza speranza

Il parco giochi, appena fuori la strada tra Azzoun e Jayyous attrae molti
bambini di entrambi i villaggi e di quelli intorno, dal momento che si tratta
dell'unico parco per bambini nella regione. Sorge nell'Area C su una terra
palestinese di proprietà privata. Ma a causa della mancanza del permessi
edilizi, la forza di difesa israeliana ha demolito metà del parco il 22
febbraio 2006 e si appresta ad abbattere l'altra metà il 15 marzo 2008.

Il parco per l'infanzia era stato costruito con il sostegno finanziario
dell'USAID e della YMCA e quasi completato nel febbraio 2006. E' quasi
impossibile ottenere i permessi edilizi per l'Area C. Un avvocato israeliano
sta lavorando per portare il caso alla Corte Suprema, dal momento che si
tratta di un terreno privato.

Sosteniamo il parco giochi tra Azzoun e Jayyous perché esso dà uno spiraglio
di gioia a bambini che vivono in una regione senza divertimenti. Il 21
febbraio, a due anni dalla parziale demolizione, alle 10 di mattina, c'è stata
la manifestazione per il parco.


Al-Khader:

VOLANTINO DI CONVOCAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE

Venerdì 22 febbraio 2008: il Comitato Popolare di Al-Khader contro il Muro e
contro gli insediamenti dei coloni ebrei ti invita ad unirti alla
manifestazione settimanale che si terrà nella zona meridionale del villaggio
vicino allo svincolo sulla strada n° 60.

Il motto di questa manifestazione è: continuiamo con la resistenza non
violenta per mettere fine all'occupazione israeliana.

Ci riuniremo alle 11:45 presso l'ingresso sud del villaggio di Al-Khader,
vicino al distributore di benzina. La manifestazione partirà dopo le preghiere
del venerdì che si terranno sulla terra minacciata dalla costruzione di un
muro che si porta via oltre 2.000 ettari di terra dei nostri contadini.

Palestinesi, israeliani, attivisti internazionali, unitevi a noi per mettere
fine a questa pagina nera della storia umana.

Per altre informazioni, si prega di contattare Samer Jaber


Ilan Shalif
http://ilan.shalif.com/anarchy/glimpses/glimpses.html

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
http://www.fdca.it/wall


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca -A- fdca.it>

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center